Tecnologia

5 gemme d’oro dall’Italia per un inizio brillante per il nuovo anno

Il soprannome dell’Italia è Bel PaeseSignifica bel paese, il che è certamente vero. Un altro nome per descriverlo potrebbe facilmente essere il “paese dell’oro” per i gioielli in oro che vengono creati ed esportati in tutto il mondo. Anche durante l’epidemia, le botteghe e le manifatture a Vicenza, Flenza, Arezzo e in altre parti del paese calzaturiero hanno potuto continuare a produrre gioielli in oro con l’etichetta di fabbricazione “Made in Italy”, che identifica il paese di origine. Di seguito una manciata di gioielli d’oro di alta qualità che brilleranno per il nuovo anno.

Jesmondi, 1754

La nuova collezione di gioielli di un gioielliere genovese di lusso è giustamente chiamata Genesi (Genesis), basata sul vortice Nautilus. Massimo Jesmondi, a capo dell’azienda di famiglia della settima generazione, si è ispirato ai fossili di Nautilus che ha visto in mostra al Museo di Storia Naturale di Genova. Per reinterpretarlo in un set di gioielli, crea un motivo a spirale in oro rosa sormontato da un pavé di diamanti. Sono presenti gocce di ceramica bianca dalla bobina. L’azienda ha utilizzato un software 3D avanzato e processi di stampaggio a cera per creare un prototipo. Cuocere la ceramica a 122 gradi Fahrenheit per 48 ore, quindi tagliare al laser per modellare, i bordi dorati e applicare a mano su ogni pezzo. La collezione di anelli, collane, orecchini e bracciali è pensata per essere indossata quotidianamente, non solo per occasioni speciali.

Anthony

Il gioielliere milanese, specializzato in design eleganti e sofisticati, ha trascorso il 2020 festeggiando il suo 100 ° anniversario. I pezzi rilasciati durante l’anno erano vari ma tutti incentrati sulla lucentezza dell’oro 18k. Il bracciale e l’anello fotografati combinano oro giallo e rodio nero in un semplice design geometrico.

Roberto Quinn

Dopo aver dedicato collezioni a Portofino, Capri, Roma e Venezia gioielli, Roberto Quinn ha scelto un’altra città italiana come ispirazione per i suoi gioielli: Verona. Love in Verona spiega “Romeo e Giulietta”, la storia d’amore che ha reso famosa la città. Gli anelli e bracciali della collezione sono realizzati in 3 colorazioni di oro, con finiture lucide e satinate. Il design reintroduce il fiore di diamante a quattro petali di Roberto Coin risoluto. La ripetizione del fiore sui tetti rappresenta la struttura architettonica di Piazza Verona, un altro degli emblemi della città. In una collezione ricca di icone, Roberto Coin ha scelto di esprimere l’artigianato con un look moderno e minimalista.

Vendorava

Il gioielliere di Valenza è specializzato nella lavorazione dell’oro 18 carati combinando il metodo del mondo antico, le tecniche di incisione e incisione con la moderna tecnologia ingegneristica. La collezione Buckle si ispira alle forme e alle curve dei gioielli antichi. Zaffiro e diamanti tondi brillanti esaltano le tonalità dell’oro.

Mattioli

Gli ultimi pezzi di un puzzle colorato, allegro e costoso. Ispirato all’astrazione degli anni ’70, Puzzle reinterpreta le forme geometriche e i colori dei dipinti di Kandinsky e Mondrian e le forme delle sculture di Calder. Il gruppo è innovativo e versatile. La madreperla può essere facilmente modificata in anelli e orecchini così come lo smalto degli orecchini. Le catene possono essere indossate come ciondoli, braccialetti e cinture.

READ  Nessun PC e laptop per 24 ore: fai tutto con il Samsung Galaxy Z Fold2 | video

Alessio Endrizzi

"Nerd dei viaggi. Amante dell'alcol freelance. Appassionato di caffè. Evangelista del web. Fanatico della birra per tutta la vita. Appassionato di cultura pop."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close