Economia

5 titoli di Piazza Affari che avrebbero segnato il minimo nei prossimi 10 anni

Piccione Sono diretti Mercati azionari? La nostra visione oggi sarà diversa e partirà dal presupposto che spesso non c’è una correlazione diretta tra lo standard e tutte le sue componenti. In effetti, l’uno o l’altro può seguire percorsi simili, a volte diversi. Oggi, a prescindere dalla nostra visione sull’indice azionario, spiegheremo e studiamo 5 titoli di Piazza Affari che avrebbero potuto toccare il fondo nei prossimi 10 anni.

Se prendiamo un lasso di tempo per una merce, una criptovaluta, un indice azionario, un’azione o una valuta, ci rendiamo conto che i prezzi costituiscono sempre un minimo e un massimo. Da qualunque prospettiva si studia uno strumento finanziario, tende sempre ad avere un minimo e un massimo. Pertanto, la capacità di acquistare vicino al minimo e vendere vicino al massimo può essere una strategia di trading redditizia.

è possibile farlo? La risposta è sì e basta seguire un po ‘ Regole di base.

Quando il minimo si forma sul lasso di tempo, è imperativo cercare il punto di conferma della prossima inversione rialzista. Quando si forma un picco, il punto successivo è un’inversione ribassista. Non c’è bisogno di fare altro e questo non è difficile.

Ecco 5 titoli di Piazza Affari che avrebbero potuto segnare il fondo nei prossimi 10 anni

Di alcuni ne abbiamo già scritti nelle ultime settimane, vicino ai fondi che di tanto in tanto si stanno formando. Sono Intesa Sanpaolo, Saipem, Saras, Tenaris e Unicredit.

Intesa Sanpaolo, l’ultimo prezzo di 1.8178.000 a marzo di quest’anno il minimo è stato registrato a 1.3078. Fintanto che si mantiene a 1,414 e se la chiusura di novembre è superiore a 1,6896, il titolo potrebbe aver raggiunto il livello più basso nei prossimi 10 anni. Dopo la conferma, chiusura mensile e poi trimestrale sopra 1,9340.

READ  Covid e IBM: "Gruppi di pirateria informatica mirati alle società di distribuzione di vaccini"

Ultimo prezzo Saipem 1.8530. Nell’ottobre di quest’anno ha toccato un minimo di 1,2710. Finché resta a 1,4745 e se la chiusura di novembre è superiore a 1,6080, il titolo potrebbe aver raggiunto i livelli più bassi nei prossimi 10 anni. Dopo la conferma, chiusura mensile e trimestrale sopra 2,747.

SARAS, ultimo prezzo 0.5020. Nell’ottobre di quest’anno il minimo è stato registrato a 0,4120. Finché si stabilizzerà a 0,4216 e se la chiusura di novembre sarà superiore a 0,5250, il titolo potrebbe raggiungere i livelli più bassi nei prossimi 10 anni. Dopo la conferma, chiusura mensile e trimestrale sopra 0,7115.

Tenaris, ultimo prezzo 5.726. Nell’ottobre di quest’anno, il livello più basso è stato registrato a 3.762. Fintanto che si mantiene a 4,04 e se la chiusura di novembre è superiore a 4,531, il titolo potrebbe aver raggiunto il livello più basso nei prossimi 10 anni. Dopo la conferma, chiusura mensile e trimestrale superiore a 5.992.

Unicredit, ultimo prezzo 8.112. Nel maggio di quest’anno, il livello più basso è stato registrato a 6012. Finché è stabile a 6,364 e se la chiusura di novembre è superiore a 7,598, lo stock potrebbe aver raggiunto il livello più basso nei prossimi dieci anni. Dopo conferma, chiusura mensile e poi trimestrale sopra 9414.

S continuerà passo dopo passo ad apparire a questi prezzi o chiunque lo abbia fatto a livelli inferiori, potrebbe valere la pena mantenerli per i prossimi dieci anni. Il tempo sarà fissato oppure no. Attenzione a rispettare gli stop loss indicati.

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close