Mondo

Addio, Betsy DeVos esorta il Congresso a rifiutare le politiche di Biden

In una lettera di addio al Congresso lunedì, il segretario all’istruzione Betsy DeVos ha esortato i legislatori a rifiutare il programma educativo del presidente eletto Joe Biden, implorandoli di proteggere le politiche dell’amministrazione Trump che Biden aveva promesso di eliminare.

DeVos non riconosce esplicitamente la sconfitta elettorale del presidente Donald Trump, né si riferisce a Biden per nome. Invece, la sua lettera offre ai legislatori “incoraggiamento e considerazioni finali”. Mentre DeVos si prepara a lasciare il dipartimento dell’istruzione, afferma che la pandemia di coronavirus ha rivelato molte cose che “non sono incoraggianti” sull’istruzione americana.

“Anche se il mio tempo come segretaria è limitato, il mio tempo come difensore dei bambini e degli studenti non conosce limiti”, ha detto nella lettera, ottenuta da The Associated Press. È stato inviato ai leader della Camera e del Senato e ai comitati che sovrintendono al Dipartimento dell’Istruzione.

DeVos ha offerto un addio senza emozioni a un membro del Congresso che ha avuto una relazione fredda con lei sin dall’inizio. La sua conferma al Senato del 2017 ha richiesto un voto decisivo da parte del vicepresidente Mike Pence, ed è rimasto un obiettivo persistente per i democratici in entrambe le camere.

DeVos non ha menzionato queste controversie, ma ha invece offerto “sincera gratitudine per la tua collaborazione” su una serie di questioni educative. La maggior parte delle sue principali politiche, tuttavia, sono state approvate attraverso un regolamento federale, non una legislazione approvata dal Congresso. Nella sua lettera, si è impegnata a continuare a lavorare con il Congresso “per fare ciò che è giusto per gli studenti americani”.

READ  Michelle Obama a Trump, questo non è un gioco - l'ultima ora

Gran parte della lettera serve come appello finale per la legislazione sulla scelta della scuola che DeVos ha spinto per quasi due anni senza riuscire a ottenere il sostegno dei democratici e di molti repubblicani. La proposta prevede agevolazioni fiscali per donazioni a organizzazioni che sponsorizzano studenti che frequentano scuole private o altre alternative all’istruzione pubblica tradizionale.

I critici hanno affermato che l’idea equivaleva a un programma di voucher federale, ma DeVos ha affermato che consentirebbe alle famiglie di scegliere le migliori opzioni per i loro figli – un problema che ha detto è diventato sempre più importante nel mezzo della pandemia.

“Molti studenti, specialmente i nostri studenti più vulnerabili, subiscono danni incommensurabili a causa della mancata riapertura e istruzione delle scuole”, scrive. “Francamente, il ‘sistema’ non ha mai capito come riabilitare gli studenti su larga scala e temo che potrebbe non essere in grado di ottenere alcun recupero scolastico ora”.

Mentre la sua lettera condanna la risposta delle scuole alla pandemia, DeVos non specifica come riaprire. In precedenza aveva negato che fosse suo compito orchestrare una riapertura, dicendo che sarebbe stato meglio lasciare le decisioni ai leader locali.

Per mesi, Trump e DeVos hanno esortato le scuole a riaprire per le lezioni di persona, anche se molti presidi dicono di non avere le risorse per farlo in sicurezza. Biden ha posto come priorità la riapertura delle scuole nei primi 100 giorni e afferma che le agenzie federali guideranno i distretti nelle loro decisioni.

Più in generale, DeVos ha sollecitato il Congresso a dirigere i finanziamenti federali per l’istruzione direttamente alle famiglie piuttosto che alle scuole. Ha sostenuto che i sindacati degli insegnanti e i gruppi di interesse sono più interessati a sostenere “il sistema” rispetto agli studenti. Ha detto che il finanziamento della scuola elementare e secondaria dovrebbe essere trattato più come sovvenzioni federali per i college, che vanno direttamente agli studenti per frequentare le scuole di loro scelta.

READ  Covid, qual è l '"alternativa sudafricana" e cosa sappiamo delle mutazioni - Corriere.it

“Dato questo precedente di scelta e di responsabilizzazione, è impossibile capire come sia accettabile per i dollari dei contribuenti federali sostenere uno studente che frequenta l’Università di Notre Dame, ma non uno studente che desidera frequentare Notre Dame. Dame Prep High School “, ha scritto.

Durante la sua campagna, Biden ha caratterizzato DeVos come un nemico delle scuole pubbliche, non qualificato per guidare il dipartimento dell’istruzione. Ha vinto il sostegno dei sindacati degli insegnanti dopo aver promesso di nominare un capo dell’istruzione che, a differenza di DeVos, aveva esperienza lavorativa nell’istruzione pubblica.

Il candidato di Biden, Miguel Cardona, è il capo dell’istruzione statale del Connecticut ed è un ex insegnante e vice sovrintendente in un distretto pubblico. Ha richiamato l’attenzione sul suo lavoro per colmare le lacune nei risultati degli studenti e per sostenere la riapertura delle scuole durante la pandemia.

La lettera di DeVos si oppone direttamente a molte delle massime priorità educative di Biden, inclusa la sua proposta di triplicare i finanziamenti federali del titolo I per le scuole che servono studenti a basso reddito. Le lettere indicano che il finanziamento federale per l’istruzione è già triplicato dal 1960, ma non è riuscito a tradursi in risultati migliori sui test standardizzati.

Ha anche criticato le proposte di rendere il college gratuito per alcuni studenti e di cancellare enormi quantità di debiti studenteschi, entrambi sostenuti da Biden.

“Spero che respingiate anche le chiamate fuorvianti di rendere il college ‘gratuito’ e che due terzi degli americani che non hanno contratto debiti studenteschi o che hanno pagato responsabilmente i prestiti studenteschi debbano ripagare i prestiti studenteschi. quelli che non hanno fatto lo stesso “, ha detto.

READ  Ritardi nel conteggio potrebbero incendiare gli Stati Uniti

Allo stesso tempo, ha invitato il Congresso a preservare le sue regole recentemente emanate sulla gestione delle aggressioni sessuali nel campus. La politica rafforza le tutele per gli imputati e riduce la portata dei casi che i collegi devono indagare. DeVos afferma che garantisce l’equità per tutti gli studenti, ma i gruppi di difesa dei sopravvissuti affermano che indebolisce le protezioni per le vittime.

Biden ha promesso di invertire le politiche di DeVos e riportare indietro le direzioni dell’era Obama che aveva sostituito. Nel suo appello al Congresso, DeVos afferma che i suoi regolamenti “ripristinano l’equità nei campus rispettando i diritti di tutti gli studenti”.

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close