Mondo

Arrestata in California una donna che ha aggredito un’adolescente nera a Manhattan

NEW YORK – Una donna che ha falsamente accusato un adolescente nero di aver rubato il suo telefono e poi di averlo aggredito in un hotel di New York è stata arrestata giovedì nel suo stato natale, la California.

Miya Ponsetto, 22 anni, è stata incarcerata nella contea di Ventura, ha detto un portavoce dell’ufficio dello sceriffo. Le accuse che avrebbe potuto affrontare non erano immediatamente chiare.

Giovedì scorso il dipartimento di polizia di New York ha inviato degli investigatori in California con un mandato d’arresto per Ponsetto. Il viaggio ha seguito giorni di intensa copertura mediatica di incidenti in hotel e richieste da parte della famiglia e degli attivisti dell’adolescente di affrontare accuse penali.

L’avvocato di Ponsetto, Sharen Ghatan, ha detto all’Associated Press in un’intervista prima dell’arresto che il suo cliente era “emotivamente malato” e aveva rimorso per il suo conflitto del 26 dicembre con il quattordicenne Keyon Harrold Jr. all’Arlo Hotel di Manhattan.

Il padre dell’adolescente, il trombettista jazz Keyon Harrold, ha registrato il confronto e ha caricato il video.

Nel suo video, si vede una donna irrequieta reclamare il telefono dell’adolescente, sostenendo che l’abbia rubato. Un albergatore cerca di intervenire. Keyon Harrold può essere ascoltato nella registrazione che dice alla donna di lasciare suo figlio in pace. Ghatan ha confermato che Ponsetto è la donna nel video.

Un video di sicurezza rilasciato in seguito dal NYPD mostra Ponsetto che afferra freneticamente l’adolescente mentre cerca di allontanarsi da lei attraverso la porta d’ingresso dell’hotel. Lo vide abbracciarlo da dietro prima che i due cadessero a terra.

READ  Cosa potrebbe fare Trump nelle ultime settimane?

Il telefono scomparso di Ponsetto è stato effettivamente lasciato in un Uber e restituito dall’autista poco dopo, ha detto Keyon Harrold.

L’alterco ha messo a confronto casi come quello di Amy Cooper, una donna bianca che è stata accusata di aver presentato una falsa denuncia per aver chiamato i servizi di emergenza e aver affermato di essere stata minacciata da “un uomo africano”. American ”durante una disputa a Central Park a New York a maggio.

I deputati dello sceriffo della contea di Ventura hanno arrestato Ponsetto dopo averla vista guidare vicino a casa sua a Piru, a nord-ovest di Los Angeles, ha detto il capitano del dipartimento Eric Buschow.

Ha guidato per due isolati prima di fermare il suo veicolo, poi si è rifiutata di scendere dall’auto, ha detto Buschow.

“Ha cercato di sbattere la porta a uno dei vicesceriffi ed è allora che l’hanno raggiunta e l’hanno cacciata con la forza”, ha detto, aggiungendo che il L’ufficio dello sceriffo avrebbe chiesto ai pubblici ministeri della contea di accusarlo di resistenza all’arresto.

Ghatan ha detto di aver parlato con la sua cliente giovedì scorso e che “mi sembra una persona malata”.

Ha detto che Ponsetto aveva “castigato” la sua preoccupazione che il suo telefono mancasse e che non fosse razzista.

“Potrebbe essere stato chiunque”, ha detto.

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close