Economia

Cambi codice della strada, arriva la PEC obbligatoria

Tra le misure Riforma A partire dal Codice StradNel dibattito alla Camera dei Rappresentanti, la proposta presentata dal Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, CNEL È obbligatorio PEC per tutti gli automobilisti, per utilizzare uno strumento certificato e veloce attraverso il quale vengono inviate multe e multe.

Motivo del suggerimento: modifiche al codice della strada, arriva la PEC obbligatoria

Infatti, CNEL mira a renderlo più automatizzato e quindi Velocemente Processo tramite posta elettronica certificata. Con questo sistema la trasmissione della comunicazione sarà immediata e soprattutto tracciabile, grazie all’indicazione di quando è stata inviata e quando è stata ricevuta la mail.

Come con qualsiasi PEC, anche le multe ricevute nella cassetta postale di un utente sono considerate consegnate Se il messaggio non è stato letto. Come se non avessimo aperto la busta ricevuta all’interno della multa La notifica è comunque valida I tempi di pagamento iniziano da quel punto in poi.

Vantaggi: cambio codice della strada, arriva la PEC obbligatoria

In questo modo si ridurranno le controversie relative all’attuale sistema di notifica della multa al cittadino, che in questo modo, in mancanza di consegna della multa e della denuncia, non dovrà prendersi il tempo per recarsi presso gli uffici postali per il ritiro di persona.

Inoltre, il driver salverà circa 10 € di spese di notifica Compreso in ogni violazione, a condizione che venga spedito mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.

Se approvato, lo standard cambieràArticolo 80 Dal codice della strada, relativo alla revisione del veicolo, a condizione che “al momento dell’immatricolazione del veicolo, o della sua revisione periodica, il proprietario invia il proprio indirizzo di posta elettronica approvato ai fini delle comunicazioni di cui all’articolo 201 e alle disposizioni del DM 18 dicembre 2017”.

READ  UniCredit, un incontro tra manager. Voci: Mouster è uscito

Nel caso speciale di Professionisti Iscritta nel loro anagrafe, questa azione è già valida a partire dal 1 ottobreA partire da questa data, per legge, è necessario disporre di un indirizzo postale certificato per le comunicazioni professionali.

Per queste classi, infatti, PEC ha lo stesso valore.Casa digitale“E il motivo in caso di violazione, i residenti hanno il diritto di segnalare la segnalazione direttamente all’indirizzo di posta certificata cui si riferisce il professionista. Se non li hanno, possono anche rischiare. sospensione Dal record.

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close