Le notizie più importanti

Capodanno con il coprifuoco, il piano del governo per bloccare il Natale

Ora che l’epidemia sta rallentando, ora che la vetta sembra essere a un passo e la discesa del contagio Con il’Indice Rt trasmissione di virus vicino a 1, ciò che fa paura è il file Natale. Da qui l’idea, che sta guadagnando terreno nell’esecutivo, di introdurre misure restrittive vicine Natale (19 o 23 dicembre), fino al 6 o 10 gennaio.

Il primo: divieto di varcare i confini comunali, per evitare il ricongiungimento familiare allargato, visto che entro la fine di dicembre sarà verosimile tutta l’Italia zona gialla (di conseguenza, le attuali restrizioni alla mobilità tra regioni e comuni non saranno più in vigore). Il secondo: coprifuoco presto alle 9 o anche alle 8, per evitare che gruppi di familiari non conviventi si riuniscano per la cena. Inoltre, questo inasprimento sarà accompagnato da una campagna di “responsabilità” e dalla richiesta di utilizzare addebiti rapidi. “Questi test, che saranno certamente generalizzati entro la fine del prossimo mese, ci proteggeranno dalle infezioni in famiglia”, dice. Agostino Miozzo, coordinatore di Comitato tecnico scientifico, “Trascorrerai dunque una cena in tutta tranquillità, sapendo che chi è seduto a tavola con noi non è portatore del virus”.

Covid, Antonelli (Cts): “Rischio terza ondata con picco di influenza”

Covid Lazio, fermati alla dogana i vaccini antinfluenzali: “Non sono sicuri”

Paure per le vacanze

Il governo teme infatti, come spiega un ministro, che le festività si trasformino “in un formidabile moltiplicatore di contagi, innescando a gennaio una terza ondata, con nuovi tristi record di morti”. Perché “niente è più rischioso dei ricongiungimenti familiari: un genitore deve solo essere positivo per contagiare tutti gli altri”.
Ma andiamo con ordine. I segnali dell’epidemia sono finalmente incoraggianti: ieri 37.767 nuovi positivi, 2.474 in meno di venerdì a parità di rilievi. Con 692 morti, ma solo 10 nuovi ricoveri in terapia intensiva. In calo, inoltre, il rapporto tra positivi e tamponi: è del 14,6%, un punto in meno rispetto al dato di venerdì. E se, come era prevedibile, questa regressione dell’epidemia continuasse (Lazio, Sardegna, Liguria Molise hanno già l’indice Rt sotto 1), il governo scriverà il 3 o 4 dicembre a Dpcm che allenterà la presa su negozi, bar e ristoranti. Anche per ridurre la quantità di “rinfreschi”.

READ  Isma e Gabbia indicano la strada

Sarà consentito lo shopping natalizio, con i negozi che potranno rimanere aperti in una fascia oraria più ampia (fino alle 22) per evitare la folla. Ci sarà anche l’apertura dei centri commerciali nei fine settimana e nei giorni festivi. Tuttavia, l’ingresso a negozi, vie e piazze commerciali sarà limitato. Aperto anche la sera per ristoranti, bar e pub.

Quindi vicino a Natale – magari con un nuovo Dpcm, se non fosse il 3-4 dicembre a dettare le regole natalizie – arriverà il nuovo squeeze. Obiettivo: limitare il rischio di trasmissione del virus in famiglia dove, secondo gli esperti, si verifica dal 75 all’80% delle infezioni. Una repressione – che “non può essere la serrata nazionale, scoppierebbero rivolte di piazza …”, affermano chi segue il dossier – già anticipata da Giuseppe Conte due giorni fa: “Dobbiamo prepararci per un Natale più sobrio. Non saranno possibili feste, celebrazioni, baci e abbracci. Una settimana di selvaggia socievolezza significherebbe pagare un forte aumento della curva di gennaio in termini di morte e stress in terapia intensiva. E non possiamo permettercelo ”. Lo ha ribadito ieri il ministro della Salute Roberto Speranza: “Dovremo ancora resistere. Guai a interpretare i primi segni di una contrazione dell’epidemia nel suo insieme gratuito ”. “Questo Natale”, ha confermato il sottosegretario Sandra Zampa, “dobbiamo sforzarci di essere il meno possibile” perché “più si allarga la cerchia di persone che generalmente non partecipano, maggiore è il rischio”. Quindi “Immagino che tu possa dire 5-6 persone al massimo, ma ovviamente non sarà possibile controllarlo”.

Il giro di vite

Da qui l’ipotesi, visto che la campagna di persuasione potrebbe non bastare, di decretare un nuovo inasprimento nel periodo che precede il Natale, con un coprifuoco anticipato (servirà anche ad evitare i festeggiamenti di fine anno). anno in piazza) e la fine della mobilità tra i comuni. “Queste due misure possono però disinnescare il rischio del cenone della vigilia e del cenone di capodanno, non quello rappresentato dal pranzo di Natale, il giorno dopo Natale, i pomeriggi con tombola, mercante in fiera, 7 anni e mezzo, panettone e torrone “, ha detto un altro ministro,” dovremo quindi fare appello al senso di responsabilità degli italiani: evitiamo incontri con più di 6 persone, limitiamo il più possibile gli inviti di amici e famiglie che non vivono insieme. E se vuoi davvero estendere la festa ad altri genitori, allora l’idea del tampone rapido è valida. Se non si prendono le precauzioni necessarie per le vacanze, gennaio sarà un disastro. Tutti i sacrifici fatti saranno vani, come è successo dopo la follia di Ferragosto ”.

READ  Isma e Gabbia indicano la strada

Covid, bollettino del 21 novembre: in calo i nuovi contagi (34.767) e i decessi (692). Rallentano la terapia intensiva

Covid, bollettino di oggi 21 novembre 2020: sono 34.767 i nuovi casi nelle ultime 24 ore e 692 i decessi. Ci sono 237.225 tamponi, rallentando l’aumento della terapia intensiva. È quanto rivela il bollettino del 21 novembre pubblicato dal ministero della Salute.

Ultimo aggiornamento: 01:04


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close