Le notizie più importanti

Cinema, Favino e il palcoscenico con il ballo di Chinaglia: “Lazio? Non l’ho detto”

Il film Padrenostro è stato presentato ieri a Venezia. Il film diretto da Claudio Noce è ambientato a metà degli anni ’70 ed è basato sull’aggressione al vice sovrintendente Alfonso Noce, padre del regista, e di come questo evento abbia sconvolto la vita della famiglia. Il film, in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, racconta la storia attraverso gli occhi di Valerio, dieci anni, e dei suoi genitori Gina e Alfonso. Il protagonista è Pierfrancesco Favino arrivato ieri in laguna per rispondere alle curiosità della stampa. Una delle scene più discusse nel film è quando Favino regala al figlio autografato un pallone da calcio. Giorgio Chinaglia. Il regista Claudio Noce, infatti, è un tifoso della Lazio, mentre l’attore è apertamente romanista. I giornalisti veneti hanno chiesto a Favino quanto sia stato difficile girare questa scena. Il vincitore di tre David di Donatello risponde: “Non è molto difficile, ma ho detto al direttore fin dal primo giorno che non avrei mai menzionato Lazio e Chinaglia”. Sorridendo, Pierfrancesco ha poi mostrato all’esterno la sua maschera nera, ma dentro i giallorossi quasi a ribadire la sua fede calcistica.

CALCIOMERCATO LAZIO, I NUMERI DELL’OFFERTA MURIQI

ATALANTA, MIRANCHUK INFORTUNATO: SALTA LAZIO

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA PAGINA INIZIALE DEL SITO

if (ok == 1) bannerok[zona].push(banner[zona][i]); }

bannerok[zona].sort(function() {return 0.5 - Math.random()}); } banner = bannerok; var banner_url="https://net-storage.tccstatic.com"; var banner_path="/storage/lalaziosiamonoi.it/banner/" function asyncLoad() { if (azione == 'read' && TCCCookieConsent) { var scripts = [ "https://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1", ]; (function(array) { for (var i = 0, len = array.length; i < len; i++) { var elem = document.createElement('script'); elem.type="text/javascript"; elem.async = true; elem.src = array[i]; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(elem, s); } })(scripts); } setTCCCookieConsent(); } if (window.addEventListener) window.addEventListener("load", asyncLoad, false); else if (window.attachEvent) window.attachEvent("onload", asyncLoad); else window.onload = asyncLoad; function resizeStickyContainers() { var stickyFill = document.getElementsByClassName('sticky-fill'); for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) stickyFill[i].style.height = null; for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) { var height = stickyFill[i].parentElement.offsetHeight-stickyFill[i].offsetTop; height = Math.max(height, stickyFill[i].offsetHeight); stickyFill[i].style.height = height+'px'; } } document.addEventListener('DOMContentLoaded', resizeStickyContainers, false); // layout_headjs function utf8_decode(e){for(var n="",r=0;r

READ  Zona rossa toscana: gli ostacoli sul percorso arancione, tra riunioni e burocrazia

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close