Le notizie più importanti

Coronavirus, Conte: “Spero che diminuisca l’indice Rt, effetto delle misure. Ma non per la catarsi liberatoria di dicembre”. Regioni, oggi decidiamo

Il nuovo incontro di sala di controllo per l’emergenza Covid che valuterà se inserire altre regioni nella fascia arancione o rossa in base al nuovo monitoraggio della ISS. A rischio – come previsto dal presidente diCollege of Health – c’è soprattutto il Campania, seguiti da Veneto, Emilia e Friuli. Lui per primo Giuseppe Conte, durante un evento della Cgil, rivendica l’efficacia del meccanismo – “basato su a metodo scientificoUnico in Europa – e spiega che le prossime ore saranno decisive. “Spero che ilNational Rt, che ha toccato 1,7 nei giorni scorsi, è in calo effetto delle misure adottato. “Se fosse confermato, aggiunge,” questo significherebbe che il dpcm comincia a dare il primo risultati, un incoraggiamento a seguire questo modo coraggioso“. La speranza è che” il vassoio di contagio, la soglia massima, è stata raggiunta e ora inizia l’appiattimento ”. Tuttavia, avverte Conte, “Questo non significa che siamo fuori pericolo, ma che le misure iniziano ad avere effetto. Novembre sarà dedicato a questo, per contenere la curva di contagio, ma ciò non significa che a dicembre ce ne sarà una. catarsi liberatoria “. L’obiettivo dell’esecutivo resta quello di evitare una totale preclusione “, limitando il danno economico e non penalizzare aree che non lo meritano ”.

Nel frattempo, da nord a sud, misure restrittive lanciato in modo indipendente da governatori e sindaci per limitare ulteriormente le infezioni. Dopo la ricetta comune lanciato da Zaia, Bonaccini e Fedriga, che prevede la chiusura dei negozi la domenica, il divieto passeggiate nei centri storici e nuove restrizioni sui centri commerciali, anche il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha aperto la possibilità di creare zone rosse “nelle città in cui a alto livello di infezioni“. A partire da Napoli, dove invece il sindaco Luigi De Magistris Ha deciso di anticipare la Regione e l’esecutivo approvando un provvedimento in arrivo nel pomeriggio. “Prenderò misure per cercare di contenere la folla ma per dimostrarlo al governo nazionale e al governo regionale dopo 20 giorni delle mie richieste, ancora non ci dicono se la realtà è la stessa dei dati ”, spiega a Radio 24. Bocca cucita sul contenuto dell’ordinanza: “Io certamente non chiudo singole strade e Non chiudo tutta la città. Faremo tutti insieme un lavoro per intervenire dove si formano i bambini raduni“.

READ  Juventus, Andrea Pirlo molto duro con la squadra: le sue parole

Nei giorni scorsi De Magistris aveva parlato di un “iniziativa sensazionaleL’ordine, prima del via libera definitivo, sarà discusso con il prefetto della capitale Marco valentini. Il presupposto è che vengano introdotte regole simili a quelle adottate dai tre governatori del nord per evitare raduni nei centri storici e via poumonomara, soprattutto dopo l’arrivo delle immagini del Napoli lo scorso fine settimana. Anche il ministro degli Esteri sollecita ancora una volta le pressioni in città Luigi Di Maio: in un’intervista con L’impronta sostiene che “la Campania è fuori controllo e la necessità di ampliare le zone rosse lo è ovvio. Le autorità locali hanno dimostrato poca lealtà. Ma adesso basta. Stato deve intervenire“. Quindi ricorda il caso di paziente trovato morto nel bagno dell’ospedale Cardarelli, su cui si apriva il pavimento indagine. Di Maio dice di essere “scioccato, ma non sorpreso. Sono giorni che ricevo segnalazioni molto serie “, situazione” inaccettabile in un paese civile“. Ma” sia chiaro: da decenni Assistenza sanitaria è stato abbandonato dalla politica. Adesso stiamo invertendo la rotta con gli investimenti per la salute dei cittadini. Ma è certo che non puoi risolvere un problema ventennale in un mese ”. La Campania “è in ginocchio, tra l’altro è la mia terra, mi fa male. Servono subito delle restrizioni, non sarebbe dovuto succedere a questo punto, le persone stanno morendo ”. Con decisione del invia l’esercito parla del “primo segnale, ma continuiamo a monitorare perché medici, infermieri, operatori sociali e sanitari hanno bisogno di essere supportati”.

READ  Juventus, Andrea Pirlo molto duro con la squadra: le sue parole

Tuttavia, solo l’ipotesi di inviare i militari per crearne di nuovi ospedali da campo in Regione, per allentare la pressione sulle altre strutture sanitarie, è stato smentito ieri De Luca. “No ospedale da campo verrà in Campania ”, aveva deciso il governatore, accusando il governo di aver inviato solo 7 anestesisti quando aveva chiesto 1400 servizi igienici. “Il governo è totalmente dalla parte dell’intera comunità campana e ha sempre garantito il massimo aiuto alla Regione. Dal 24 ottobre la Campania ha messo sul tavolo, attraverso la protezione civile, la disponibilità 2236 operatori sanitari, iscriverli“È stata la risposta tagliente del ministro Francesco Boccia. Che poi ha contattato, offrendo supporto per eventuali restrizioni decise a livello regionale. Un’ipotesi che non è stata scartata dall’unità di crisi De Luca.

Intanto arrivano anche ordini ad hoc Lazio: la Regione intende regolare l’accesso per le vie della capitale e chiudono i giorni prefestivi e festivi i maxi store almeno 2.500 mq. “C’è uno sforzo straordinario che il Prefetto di Roma e la polizia sarà coinvolta. Ci sarà un’iniziativa tecnica coordinata dal Capo della Polizia di Roma capace controllare i flussi. Inoltre, emettiamo un’ordinanza per garantire che le grandi aree commerciali, come Ikea, domenica restano chiusi ”, ha detto l’assessore alla salute della Regione Lazio Alessio D’Amato ai microfoni di Radio Capital. L’ordinanza attualmente all’esame prevede anche la chiusura del mercati non alimentari le ferie e il rigoroso rispetto delle misure anti-Covid sono ribadite nelle strutture che rimarranno aperte.

READ  Juventus, Andrea Pirlo molto duro con la squadra: le sue parole

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close