Le notizie più importanti

“Così De Laurentiis è stato salvato da De Luca”: tutti i documenti sulla vicenda Juve Napoli | Prima pagina

Esclusivo perCaffè espresso sul Caso Juventus-Napoli, partita non giocata a causa della mancata partenza del club napoletano per Torino, a seguito della squalifica dell’ASL Napoli. Secondo il settimanale, ioil momento decisivo arriva alle 18:25 di sabato 3 ottobre, quando l’avvocato Almerina Bove, Vice Capo di Stato Maggiore di Vincenzo De Luca, governatore della regione Campania e custode delle procure sanitarie, conferma alla compagnia azzurra l’obbligo per gli stretti contatti di Piotr Zielinski, calciatore risultato positivo al Covid, di non farlo “Allontanati dalla casa comunicata”.

RICOSTRUZIONE Caffè espresso prova a ordinare e pubblicare tutti i documenti in esclusiva: poco prima, alle 17.40, il dottor Raffaele Canonico, medico sociale degli Azzurri, aveva richiesto il parere definitivo dell’ASL di Napoli e dal vice capo di stato maggiore della Regione Campania, con il dubbio: “La questione è se esista l’obbligo per le persone isolate di non lasciare il luogo prescritto con il divieto di ogni contatto con terzi”. Il vice capo di gabinetto risponde: “Per quanto lo riguarda, comunichiamo quindi che i destinatari della nota ASL odierna sono tenuti a non lasciare l’indirizzo indicato”. Risposta indirizzata dall’avv. Bove alla società Napoli (De Laurentiis e direzione) e all’ASL Napoli 1 e, in copia, all’assessore Fulvio Bonavitacola, vicepresidente della regione Campania.

AMICIZIA TRA DE LAURENTIIS E LUCA – A questo punto la società di De Laurentiis invoca un ulteriore chiarimento da parte delle ASL: sia Asl Napoli 1 che Asl Napoli 2 riaffermano l’obbligo di quarantena a Napoli, riferendosi alla carica di Vice Capo di Stato Maggiore Armelina Bove. Da qui i sospetti sulla netta amicizia tra il governatore De Luca e il boss De Laurentiis..

READ  Il testo del Dpcm 3 dicembre 2020

ASL NAPOLI E ASL TORINO: PARERE CONTRO – Nel frattempo, ilalla Juve, che sabato ha scoperto due punti positivi tra lo staff, manda una mail all’ASL Torino, chi risponde, firmato dal dottor Roberto Testi: “Prendo atto che il protocollo FIGC, a cui aderiscono le squadre, è uno scostamento parziale, seppur sulla base di un’attenta valutazione tecnico-scientifica, dallo standard di isolamento fiduciario a cui devono aderire i contatti di un caso Covid consolidato. modificano la regola generale per situazioni lavorative particolari “. Per Torino Asl Juventus-Napoli si poteva giocare, per Regione Campania e Napoli ASl n.

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close