scienza

Covid a “Malzoni” rassicura il management: “15 positivi, 6% fuori controllo. Sotto la media nazionale

22 novembre 2020

“Mercoledì 18 novembre questo reparto ha rilevato che il paziente ricoverato in terapia intensiva dopo l’intervento era positivo, inizialmente negativo per lo striscio molecolare prelevato prima del ricovero in ginecologia. Da questo caso, e dagli esami immediati condotti dalla struttura, è emerso Tre positivi da pazienti che condividevano la sala di risveglio con il paziente 0 sia nell’unità di ginecologia che nell’unità di terapia intensiva post-operatoria “.

Così, su una nota, Casa di Cura Villa Privata Villa dei Platani SpA che evidenzia i casi di coronavirus che hanno interessato la struttura.

“Questa direzione ha avviato l’isolamento dei suddetti pazienti e ha disposto, in collaborazione con l’ASL competente a livello regionale, di trasferirli ad altri ospedali autorizzati a trattare SARS-CoV-2 positivi”.

“Il 19 novembre il ministero della Salute ha disposto la sospensione temporanea del ricovero chirurgico dei tumori e delle attività di primo soccorso ostetrico al fine di consentire la procedura per mettere in sicurezza la struttura, i pazienti e il personale, insieme alle procedure per la sterilizzazione dell’uomo locale che ha svuotato la mano”.

Nel frattempo, la casa di cura ha attivato procedure di screening per tutti gli operatori sanitari con il tampone nasofaringeo. Dei 215 tamponi trattati, sono emersi 15 casi positivi di SARS-Cov-2 e il 6% del totale è stato esaminato, dato che è ben al di sotto della media nazionale “.

“I pazienti che sono stati ricoverati in casa di cura al momento della scoperta dei casi positivi, e le cui circostanze hanno permesso loro di essere dimessi, sono arrivati ​​alle loro case in modo indipendente e saranno riabilitati la prossima settimana da questa direzione che li sottoporrà, per precauzione, a un tampone rinofaringeo. Controllo”.

READ  Di cosa hai bisogno in questo momento?

“Finora sono stati ricoverati in casa di cura cinque pazienti ostetriche e sei neonati, quattro dei quali in terapia intensiva e due in terapia sub-intensiva. Domani verranno dimessi quattro pazienti ostetrici e in ospedale rimarranno solo un paziente e sei neonati”.

“Saranno immediatamente predisposti ulteriori servizi igienico-sanitari per l’intera casa di cura, in modo che questo reparto possa probabilmente riprendere le sue normali attività venerdì”.

“ Ci teniamo a precisare che ogni decisione è stata presa nel rispetto delle normative vigenti in merito al contenimento dell’infezione da SARS Cov-2 nelle strutture sanitarie ea beneficio dei pazienti oltre che di tutti i dipendenti al fine di tutelare la salute di chi si riferisce quotidianamente alla casa di cura e per poter garantire tutto a pazienti e personale. Come al solito, in un ambiente diagnostico e terapeutico sicuro, efficace ed efficace.

“Non da ultimo è necessario sottolineare che le dichiarazioni di un rappresentante sindacale apparse sulla stampa sono del tutto false e infondate, e l’amministrazione ha già provveduto a tutelare l’immagine della casa di cura”.

“Dall’inizio dell’epidemia, tutte le disposizioni normative nazionali e regionali sono state rigorosamente applicate per contenere il contagio. Purtroppo l’episodio che ha definito la situazione attuale è derivato da un evento inatteso e inatteso. Un efficace sistema di controllo ha limitato la diffusione della diffusione a numeri completamente contenuti”.

Condividi l’articolo

Scegli la tua porzione

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close