Mondo

Discutendo di Trump e Biden, l’ultima parte è la parte più inquietante

parte di Dibattito tra Trump e Biden Che quest’ultimo dovrebbe interessare e preoccupare il mondo. Per la prima volta nella storia americana, un candidato, o meglio il presidente uscente, chiarisce prima del voto che non è affatto chiaro che accetterà il risultato. Tra le notizie imprecisate sulle schede elettorali, era chiaro che avesse votato per Trump, trovato in un paniere per un paese e pettegolezzi sulla frode già in atto, In fondo Trump ha detto quello che avevamo temuto per settimane sulle pagine del quotidiano Corriere: La possibilità di bloccare il meccanismo elettorale di base che governa la democrazia americana. Il mancato riconoscimento della vittoria sarebbe una novità assoluta nella storia recente degli Stati Uniti. Una tragica novità. Perché si svolgerà in un clima di estremismo, in cui il dibattito è inquietante e triste. Si svolgerà al centro di una doppia crisi globale, dettata dall’epidemia e dalle sue devastanti conseguenze economiche e sociali. Se l’America si ferma, e se i sostenitori di Trump, ora organizzati in milizie, scendono in campo per proteggere il loro presidente a tutti i costi, allora il mondo, a cominciare dai mercati, oscillerà in modo pericoloso.

Trump ha attaccato Biden frontalmente (Ecco il punto del dibattito presidenziale). Sembra che stia cercando un voto contrario. Sicuramente una strategia vincente di fronte a una sfida, difficile da mantenere quando sei nello Studio Ovale da quattro anni. Si elogiò, tra bugie palesi e omissioni palesi, tanto da affermare sgarbatamente che nessun capo aveva fatto quello che aveva fatto lei. Con tutto il rispetto per Washington, Lincoln, Roosevelt e molte nuove persone. Tra questi, ci sono articoli dell’estate del 2015 che testimoniano che prevedeva che Trump avrebbe vinto le primarie repubblicane e sarebbe stato eletto alla Casa Bianca.

READ  Bambina di 7 anni massacrata in un parco pubblico mentre chiamava mamma

Ma ora qualcosa non va. Penso di aver visto tutti i dibattiti presidenziali televisivi. Nel suo famoso disco Kennedy-Nixon e il suo contemporaneo sono consapevoli di tutto ciò che segue, da Ford-Carter ad oggi. Non ho mai visto una scena simile a quella che è successo ieri sera. È stato trasmesso un combattimento e Trump ha mostrato aggressività sin dall’inizio Questo potrebbe certamente motivare i suoi sostenitori più estremi, ma sembra, come presidente uscente, un’espressione di debolezza più che di sicurezza. D’altra parte, Trump è arrivato alla polemica evidenziata da quanto rivelato dal New York Times sulle sue fatture fiscali e la confusione, che quasi equivaleva a smentita, che ha affrontato Dall’epidemia che turba l’America. Biden, come previsto, non ha mai colpito il colpo, nonostante l’abbondanza di argomenti e la debolezza dell’avversario a sua disposizione. La TV sembra non essere così grande. L’opzione più efficace era rivolgersi direttamente agli spettatori con i suoi occhi e le sue parole piuttosto che a lui. Ma puoi vedere che non era calmo e non era sicuro. Nonostante questo, secondo un sondaggio della CNN, sei spettatori su dieci vinceranno la sfida. Non l’ha detto, perché non dovremmo mai fidarci dei sondaggi. La Clinton è stata giudicata vincitrice anche nel confronto televisivo con Trump, ma poi, nonostante la precedenza nel voto popolare, ha perso la presidenza.

Il voto americano ha qualcosa di più complicato. Tuttavia, alla fine del confronto, si ha ancora la sensazione che il presidente sia costretto ad attaccare violentemente il suo avversario, ad usare uno stile eccessivamente aggressivo, aggressivo. Non è nemmeno in grado di condannare la supremazia bianca e le sue teorie estreme. Un altro dato che distingue il modesto dibattito di martedì sera dagli altri è la totale assenza di politica estera. Come se gli Stati Uniti si fossero ormai nascosti nella loro tana, “America first”, e decidessero di cedere il ruolo di leadership al mondo occidentale. La globalizzazione, i nuovi equilibri geopolitici, la rivoluzione tecnologica, la trasformazione del lavoro, delle classi sociali e dell’istruzione sono rimasti tutti lontani dalle urla e dagli insulti che erano assenti dalla notte di Cleveland.

READ  Bambina di 7 anni massacrata in un parco pubblico mentre chiamava mamma

Sono emersi due stati americani e forse non c’era contraddizione tra loro come c’è oggi. Ciò dovrebbe indurre i teorici a considerare il superamento di valori e differenze politiche. Ma il suo stato d’animo era sentito, più dalle idee, che dai programmi. Crampi più che sogni. L’impressione è che un paese vacilliParalizzato dalla politica e da sfumature estranee alle sue tradizioni. Con una buona notizia. L’inchiesta del New York Times Lo conferma il modo oggettivo in cui è stata condotta la discussione da un giornalista della Fox, vicino a Trump La stampa americana rimane in gran parte un atto di bilanciamento democratico.

La domanda da cui siamo partiti resta, Reso ancora più acuto dalla candida ammissione di Trump nella parte finale del dibattito. L’America sarà in grado di avere un presidente debitamente eletto entro cinque settimane? Se l’esito delle correnti elettorali non è chiaro e non è chiaro, cosa dovrebbero preoccuparsi tutti nel mondo dei rischi di una crisi democratica in quel paese? Se questo accade, Le conseguenze, per la vita di tutti, possono essere davvero tragiche.

30 settembre 2020 (modifica al 30 settembre 2020 | 11:41)

© Riproduzione riservata

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close