Tecnologia

Dopo una lunga lotta, l’Italia ha scoperto il segreto per portare le persone online

Paga per loro e si aggiorneranno: per anni l’Italia è rimasta indietro rispetto ad altri paesi nella classifica dei paesi più digitalizzati d’Europa. L’edizione 2020 del Digital Economy and Society Index pubblicata dalla Commissione Europea, e sulla base dei dati del 2019, vede l’Italia grosso modo in fondo; Solo Romania, Grecia e Bulgaria stavano peggio.

Tuttavia, è probabile che alcuni sviluppi recenti migliorino il punteggio per almeno un indicatore: i servizi pubblici digitali. Nel 2020 oltre 10 milioni di cittadini si iscrivono al “Sistema Pubblico di Identità Digitale” (SPIDCrea la loro identità digitale pubblica, il doppio del numero totale di utenti che hanno fatto lo stesso negli ultimi quattro anni.

IO, un’interfaccia utente per smartphone di facile utilizzo per la pubblica amministrazione che è stata lanciata ufficialmente ad aprile dopo due anni di beta test, ha visto anche Montaggio Nei download.

Vediamo: Una guida per diventare un campione della trasformazione digitale (TechRepublic Premium)

Mentre SPID o, in alternativa, CIE – un Carta d’identità elettronica Rilasciata dai comuni ai residenti – necessaria per l’autenticazione degli utenti e può essere utilizzata sui siti web del governo per interagire con la pubblica amministrazione, l’app IO fornisce ai cittadini un modo semplice e facile da usare con un telefono cellulare per adempiere ai propri obblighi burocratici, accedere a molti servizi forniti dallo stato e da altre istituzioni e richiedere vantaggi e sgravi fiscali.

il governo Piani Rendere digitalmente disponibili ai cittadini tutti i servizi forniti dalle istituzioni centrali e locali entro il 28 febbraio, che segnerà un passo importante verso la trasformazione digitale della pubblica amministrazione italiana.

READ  Aggiornamenti Apple TestFlight: gli aggiornamenti automatici stanno finalmente arrivando

SPID è stato proposto per la prima volta nel 2014, ma all’inizio è stato utilizzato solo un numero limitato di servizi. Anche l’adozione da parte degli utenti era limitata.

Pertanto, la recente rapida crescita delle registrazioni SPID e dei download I / O è una buona notizia, soprattutto se confrontata con il relativo fallimento di Immuni, l’app di tracciamento dei contatti che il governo ha introdotto a giugno, ma che non è mai decollata.

Il recente aumento delle registrazioni è dovuto principalmente a diversi incentivi finanziari lanciati dal governo nel 2020, che richiedono tutti agli utenti di autenticarsi con uno SPID (o CIE) prima di presentare domanda.

Tra questi:Bonus mobilità“, Rimborsi fiscali speciali per chi acquista biciclette, comprese le bici a pedali e gli scooter elettrici;Bonus festaÈ una piccola somma per le famiglie a basso reddito Incoraggiare i residenti a trascorrere le vacanze estive in Italia; Un bonus di emergenza di € 600 pagare Per i lavoratori autonomi i cui guadagni hanno risentito del blocco nazionale di marzo.

Esisteva anche un sistema di cashback che consentiva ai clienti di incassare una percentuale delle transazioni avvenute utilizzando moneta elettronica pubblicazione A dicembre per aumentare i pagamenti digitali e reprimere l’evasione fiscale.

Vediamo: La prossima grande sfida della tecnologia: essere più equi con tutti

Sebbene tutti questi schemi abbiano contribuito alla forte crescita degli account SPID, l’impatto dell’iniziativa di rimborso è stato particolarmente impressionante, raggiungendo il picco di 760.000 registrazioni nella prima settimana.

Non che tutto sia andato senza intoppi.

Il 1 aprile, quando è stato lanciato il bonus d’emergenza da 600 euro, è stato sospeso il sito INPS, l’ente previdenziale italiano attraverso il quale dovevano essere presentate le domande.

READ  Vodafone Happy Friday 11 dicembre 2020: premi, sconti o promozioni in arrivo con GB illimitati - MondoMobileWeb.it

Un attacco DDOS con una richiesta elevata ha causato il fallimento del sistema. Il portale era di nuovo attivo e funzionante, ma il numero di utenti che potevano accedere contemporaneamente era limitato.

Sul sito dedicato Mobility Bonus, è successo qualcosa di simile: le persone dovevano fare la fila in code virtuali Aspetta ore Per il loro ruolo nell’accesso.

Per frenare tutto, a dicembre, quando è stata lanciata l’iniziativa di cashback, molti utenti hanno segnalato difficoltà nell’aggiungere i dettagli del proprio conto bancario nella sezione “Portafoglio digitale” dell’app IO.

Vediamo: Trasformazione digitale: le nuove regole per la consegna del progetto

Il blackout ha portato a un’interrogazione parlamentare del ministro dell’Innovazione Paula Pisano, che puntando a Alle “risorse finanziarie limitate, alla stratificazione di normative in parte superate ma ancora in vigore e quindi da rispettare e alla complessità del settore pubblico” come fattori responsabili del rallentamento della trasformazione digitale della pubblica amministrazione.

Pisanu ha anche ricordato ai suoi colleghi parlamentari che, prima di aprile, l’IO non esisteva, a metà dicembre era stato scaricato più di otto milioni di volte.

Tuttavia, sembra improbabile che entro la fine di febbraio tutti i servizi pubblici saranno disponibili tramite l’app. Attualmente solo 5.696 enti pubblici, su circa 23.000, rispettano la normativa e comuni con una popolazione inferiore a 5.000 (quasi il 70% di tutti i comuni italiani) Ammissibile Posticipare digitalmente i propri servizi fino al termine della dichiarata emergenza della pandemia.

È anche vero che le risorse finanziarie sono limitate: un totale di 50 milioni di euro – meno di 10.000 euro ciascuno – è stato stanziato per aiutare questi comuni più piccoli a coprire le loro spese per la trasformazione digitale.

READ  Xbox Series X: ecco i giochi che gireranno a 120 frame al secondo

Questo può cambiare quando e seLa prossima generazione dell’Unione EuropeaI finanziamenti si rendono disponibili: dei 208,8 miliardi di euro di sovvenzioni e prestiti che l’Italia dovrebbe ricevere, saranno 48,7 miliardi di euro. Personalizzato Per “digitalizzazione, innovazione, concorrenza e cultura”. Se ben spesi, questi soldi dovrebbero essere sufficienti per soddisfare le esigenze dei più piccoli dirigenti.

Alessio Endrizzi

"Nerd dei viaggi. Amante dell'alcol freelance. Appassionato di caffè. Evangelista del web. Fanatico della birra per tutta la vita. Appassionato di cultura pop."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close