Sport

Dybala dice a se stesso: “Io, Scacchi, Maradona, Covid e Gorilla …”

La Juventus dell’Argentina dice a Vanity Fair: “Niente macchine, colleziono maglie: che rabbia ha perso l’asta nei confronti di Maradona. Covid? I negazionisti meritano flatlanders …”

“Se ho paura del Coronavirus quando incontro i tifosi? L’ho già contratto, nel caso siano loro a preoccuparsi quando mi incontrano. I negazionisti hanno lo stesso valore intellettuale dei possessori di Flat Earths”. Paulo Dybala, nelle pagine di Vanity Fair, usa parole dure con chi prende sul serio il Covid-19, un incubo che ha vissuto sulla sua pelle dal 21 marzo al 6 maggio. Nell’intervista l’attaccante della Juventus ha parlato molto di sé e della sua passione, a partire dall’infanzia, quando era un campione di scacchi: “Fino all’età di 18 anni ho partecipato a diversi tornei nella mia città di Cordoba. Ho vinto i titoli provinciali, poi sono saltato a livello nazionale e ho finito bene. Così sono iniziati. Nel convincermi a giocare con giocatori più grandi, spesso vengo messo KO a metà. Se riesco a trovare qualcuno che lo faccia, giocherò di nuovo. Paziente, studio le mosse dell’avversario e gli faccio male quando posso “. La pazienza lo accompagna anche nella vita di tutti i giorni: “In generale, sono il tipo che sa aspettare, e so concentrarmi sul fare le mosse giuste al momento giusto. Nel mio lavoro cerco sempre di avere obiettivi a breve termine, perché sono i più facili da raggiungere”.

Nonno

Quindi l’argentino parte dai segni fisici per raccontare la storia degli uomini della sua famiglia: “Ho spostato lo sguardo da mio nonno a mio padre. È morto quando avevo quattro anni, ma molte storie si raccontano in famiglia: sembra che appena arrivato in Sud America (dalla Polonia, redattore) abbia dormito due settimane in Un campo di grano, e lì stava quasi morendo di fame prima che alcuni contadini lo salvassero. Poi, a poco a poco, ha costruito la sua vita. Sono orgoglioso di ciò che ha creato e degli insegnamenti che ha lasciato, che sono gli stessi insegnamenti che mi ha dato mio padre: essere responsabile, rispettare le persone e Cresco nell’aspetto umano “. In particolare su suo padre: “Era un uomo tranquillo e silenzioso. Amava il calcio più di ogni altra cosa e ha trasmesso la sua passione a noi nostri fratelli. Ci portava ovunque giochiamo, ovunque ci vedesse felici. Era un fan delle auto e le ha cambiate molto: Volkswagen, Chevrolet, Volvo”. .

READ  È un errore evidente per Milinkovic

Follia

Dybala ha preso la passione per il calcio dal padre, un po ‘meno per le auto: “Negli ultimi 10 anni ne ho cambiate tre. Cosa ne faccio? Siamo spesso in giro per le competizioni in Europa e in Italia e non le uso nemmeno. Inoltre la Juventus ci fornisce un’auto aziendale”. L’ultima macchina che ho comprato, l’ha usata la mia ragazza. Ci tengo molto a spendere soldi, che è una raccomandazione che la mia famiglia mi ribadisce sempre. I gorilla che ho in salotto l’hanno trovata ad una cena di beneficenza a Parigi, organizzata dal mio ex compagno di squadra Blaise Matuidi, per finanziare alcuni progetti di beneficenza a Africa, ma non sono un collezionista d’arte, è stato il mio unico investimento, colleziono solo giacche. Dal calcio ne ho centinaia. La maglia di Del Piero, all’asta, mi è scappata coi capelli. Anche uno di Maradona la indossava in una partita contro il Brasile: qualcuno ha acconsentito Fatti pagare più di me

Oriana

Dybala possiede anche un pianoforte a casa, ma è la sua ragazza, cantante, modella e attrice Oriana Sabatini che usa davvero: “Posso solo suonare canzoni facili con pochissime corde. Fondamentalmente pezzi reggaeton. Oriana è riuscita ad aprirmi e mostrarmi le cose ogni giorno in modo diverso. Comunichiamo molto e facciamo tante cose insieme, anche se ognuno ha il proprio spazio. A parte il divano la sera, quando guardiamo un film che lei ha sempre voluto coccolare, io sono un po ‘meno. La giornata è appiccicosa. La sposerò? Più tardi. “

Antonello Capone

"Amichevole drogato di caffè. Professionista di viaggio. Fanatico di zombi. Piantagrane. Gamer. Analista. Specialista di pancetta. Scrittore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close