Mondo

È lo stesso giorno in Bielorussia per 100 giorni

Sono passati più di 100 giorni dalla rielezione del contestatissimo presidente bielorusso Alexander Lukashenko e dall’inizio delle massicce proteste di piazza contro il suo governo. Nonostante molte cose siano successe in questo periodo, tutto si è fermato in Bielorussia: Lukashenko è riuscito a mantenere il potere grazie all’appoggio della Russia, e l’opposizione ha ottenuto l’appoggio dell’Unione Europea che però non è andata oltre l’imposizione delle sanzioni e le forze di sicurezza bielorusse hanno continuato a reprimere i manifestanti e ad arrestare migliaia di persone. E ne ho uccisi tre. Al momento non sembra esserci una soluzione alla crisi.

Le proteste sono iniziate poco dopo le elezioni del 9 agosto, quando Lukashenko, che governa formalmente la Bielorussia dal 1994, ha affermato di aver probabilmente vinto l’80% dei voti.

Negli ultimi mesi centinaia di migliaia di persone hanno manifestato contro il presidente, accusandolo di “aver rubato” le elezioni e ordinando la brutale repressione dei manifestanti. Dall’inizio delle proteste, circa 17.000 persone sono state arrestate, centinaia sono state picchiate dalle forze di sicurezza sia nella capitale Minsk che in altre città bielorusse, e quattro persone sarebbero state uccise. L’ultima persona è morta il 12 novembre, dopo essere stata picchiata dalla polizia: si chiamava Raman Bandarinka, era un artista e aveva 31 anni.

Poliziotti bielorussi durante una manifestazione antigovernativa a Minsk il 15 novembre (foto AP)

Finora, nonostante il sostegno dell’Unione europea, l’opposizione bielorussa non è riuscita a trovare un modo per sconfiggere il regime di Lukashenko. Allo stesso tempo, nemmeno quella Russia Voleva sostituire Lukashenko Con un altro politico più popolare ma ancora fedele al governo di Mosca, sono riuscito a trovare un’alternativa affidabile.

READ  Crisi dei migranti in Spagna - Corriere.it

In effetti, nei suoi ultimi 26 anni al potere, Lukashenko ha creato un vuoto intorno a lui: ha arrestato i suoi principali oppositori e potenziali successori, e ha mantenuto i poteri del Parlamento molto limitati. Romain Dobrinsky, dell’Istituto di studi economici internazionali di Vienna, Raccontare Euronews Che “i sostenitori delle proteste non sembrano avere un reale peso politico, e molto probabilmente possono occuparsi solo del passaggio del potere”.

Svyatlana Tekanovskaya, che si è classificata seconda alle elezioni del 9 agosto, vive in esilio in Lituania, dopo aver lasciato la Bielorussia per paura di rappresaglie del regime: la sua capacità di lavorare è alquanto limitata, nonostante sia presidente di un consiglio di coordinamento che riunisce oppositori e rappresentanti della società civile. Inoltre, Tikanovskaya non ha esperienza politica, e non è chiaro quale sarebbe il suo programma, se diventasse presidente. Pare che lei stessa abbia ripetutamente affermato di voler guidare il Paese solo durante il periodo di transizione con l’obiettivo di organizzare nuove elezioni, libere e democratiche, ma senza l’intenzione di candidarsi di nuovo.

Svetlana Tikanovskaya a Vilnius, Lituania (AP Photo / Mindaugas Kulbis)

L’alternativa potrebbe essere Victor Babarik, il banchiere considerato il principale rivale di Lukashenko prima delle elezioni, ma escluso dalla lista dei candidati dalla commissione elettorale controllata dal regime. Il problema è che Babarik, insieme a molti altri oppositori, è stato arrestato e rimane in prigione.

Alice Kerkevich, giornalista, scrittrice e membro del Fronte popolare bielorusso, ha affermato che la debolezza dell’opposizione è la ragione per cui “così tante persone, inclusa Tikhanovskaya, stanno parlando di cambiare tattica”. […] Le autorità non sono pronte per un dialogo sulle condizioni dettate dall’opposizione e l’opposizione non può presentare altro che proteste di massa. Siamo in un vicolo cieco ».

READ  Crisi dei migranti in Spagna - Corriere.it

Domenica scorsa lo era Innumerevoli grandi eventi In diverse città bielorusse, nonostante la repressione del governo. Il ministero degli Interni bielorusso ha affermato che 700 persone sono state arrestate in tutto il paese, sebbene l’Organizzazione per i diritti umani di Vyasna, Ha segnalato 1.291 arresti. I recenti sviluppi hanno spinto l’Unione europea a minacciare Nuove sanzioni Contro il regime, ma al momento non ci sono soluzioni a breve termine per rompere questa impasse.

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close