Gli astronauti sulla stazione spaziale non dovrebbero pulire

Gli astronauti sulla stazione spaziale non dovrebbero pulire

Mentre la maggior parte di noi ora è molto più attenta a mantenere pulite le nostre case e i luoghi di lavoro, la pulizia a bordo della Stazione Spaziale Internazionale è fondamentale. Di particolare importanza sono le misure antibatteriche, poiché i batteri tendono ad accumularsi nell’aria costantemente riciclata all’interno della Stazione Spaziale Internazionale. Ogni sabato nello spazio è un “giorno di pulizia” in quanto le superfici vengono pulite e gli astronauti aspirano e raccolgono i rifiuti.

Tuttavia, c’è un punto della stazione in cui è vietata la pulizia. Ma non preoccuparti, è tutto per la scienza!

L’esperimento MatISS, o legame di aerosol microbici a superfici innovative sulla Stazione Spaziale Internazionale, testa cinque materiali avanzati e la loro capacità di impedire ai microrganismi patogeni di depositarsi e crescere in condizioni di microgravità. Matisse ha anche fornito informazioni su come i biofilm si attaccano alle superfici in condizioni di microgravità.

L’esperimento è stato sponsorizzato dall’agenzia spaziale francese CNES e progettato nel 2016. Tre iterazioni dell’esperimento sono state utilizzate sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Il primo era MatISS-1 e aveva quattro portacampioni installati per sei mesi in tre diverse posizioni nell’unità di laboratorio europea Columbus. Ciò ha fornito alcuni dati di base per i ricercatori.Quando sono stati riportati sulla Terra, i ricercatori hanno contrassegnato i sedimenti su ciascuna superficie e hanno utilizzato il materiale di controllo per creare un riferimento per il livello e il tipo di inquinamento.

MatISS-2 aveva quattro portacampioni identici contenenti tre diversi tipi di materiali, installati in una posizione a Columbus. Questo studio mirava a comprendere meglio come l’inquinamento si diffonde nel tempo su superfici idrofobiche (idrorepellenti) e di controllo. Il Matiss-2.5 aggiornato è stato preparato per studiare come la contaminazione, questa volta spazialmente, si diffonde su superfici idrofobiche utilizzando campioni modellati. Questo esperimento è durato un anno e recentemente i campioni sono stati restituiti alla Terra e sono ora in fase di analisi.

READ  Dobbiamo parlare: gli indizi linguistici che rivelano la tua relazione sono finiti relazioni
Vista ravvicinata dell’esperienza MatISS. Credito: ESA

I campioni sono realizzati con una miscela diversificata di materiali avanzati, come monostrati autoassemblanti, polimeri verdi, polimeri ceramici e silice ibrida idrofoba. I materiali intelligenti dovrebbero impedire ai batteri di attaccarsi e crescere in grandi aree, rendendoli più facili da pulire e più sani. Experiment spera di scoprire quali materiali funzionano meglio.

Lo dice l’Agenzia spaziale europea “Una comprensione dell’efficacia e del potenziale utilizzo di questi materiali sarà essenziale per progettare i futuri veicoli spaziali, specialmente quelli che trasportano i genitori umani nello spazio”.

A dire il vero, le missioni spaziali umane a lungo termine dovranno ridurre l’inquinamento biologico degli habitat degli astronauti.

L’astronauta della NASA Jack Fischer è mostrato qui mentre usa salviettine umidificate sui tetti dell’unità a cupola europea della Stazione Spaziale Internazionale. Credito: ESA

Maggiori informazioni sull’esperienza MatISS qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega