Le notizie più importanti

Gol esclusivo Lionel Messi: “Resterò al Barcellona, ​​non avrei mai fatto causa al club in vita mia”

Lionel Messi ha deciso di restare al Barcellona e spiega i motivi della sua scelta in un’intervista esclusiva a Goal.

Lionel Messi sottratto da Barcellona. In esclusiva a Goal , il fenomeno argentino spiega i motivi della sua decisione di restare nei blaugrana, nonostante i tanti dubbi che lo hanno tormentato nelle ultime settimane. Il motivo principale della sua scelta è emotivo, gratitudine: non voleva poter fare causa al club della sua vita, il Barcellona in alcun modo. Ma è anche legato a una promessa non mantenuta del presidente Bartomeu.

Perché hai aspettato così tanto per rompere il silenzio?

“In primo luogo perché dopo la sconfitta di Lisbona è stato molto difficile. Sapevamo che era un rivale molto duro, ma non che potesse finire in questo mondo, dando questa brutta immagine per il club e per Barcellona. Non volevo niente. Volevo solo che passasse del tempo e poi chiarire tutto “.

Perché hai detto a Barcellona che potevi andartene?

“Ho detto al club, in particolare al presidente, che volevo andarmene. Gliel’ho detto tutto l’anno. Pensavo fosse ora di dimettersi. Pensavo che il club avesse bisogno di giovani, di nuovi. persone, e pensavo che la mia avventura a Barcellona stesse per finire con molto dispiacere, perché ho sempre detto che mi sarebbe piaciuto concludere la mia carriera qui, è stato un anno molto complicato, ho sofferto molto in allenarsi, nelle partite, negli spogliatoi. Era diventato molto difficile per me e arrivò un momento in cui pensavo che sarei andato a cercare nuovi gol, un po ‘d’aria fresca. Non era perché del risultato in Champions League contro BayernHo riflettuto a lungo su questa decisione. L’ho detto al presidente e il presidente mi ha sempre detto che a fine stagione potevo decidere se andarmene o restare e alla fine ha mancato alla parola data. ”

Ti sei sentito solo?

“No, non mi sentivo solo. Solo no. Al mio fianco c’erano gli stessi di sempre. Questo mi basta e mi rafforza. Ma sì, mi fa male sentire cose dette da persone, da giornalisti, persone che hanno dubito del mio barcellonismo dicendo cose che non credo di meritare. Mi ha anche aiutato a vedere chi è chi. Il mondo del calcio è molto difficile e ci sono molte cose molto false persone. Quello che mi è successo mi ha aiutato a riconoscere molte persone false. Avevo un’altra considerazione. Mi ha ferito quando il mio amore per questo club è stato messo in discussione. Se me ne vado o resta, il mio amore per il Barcellona non cambierà mai “.

Abbiamo sentito tutto. Dal fattore soldi agli amici di Messi. Cosa ti ha ferito di più dopo 20 anni di carriera al Barcellona?

READ  Nomination Gf VIP: chi sono i nominati ieri 23 novembre?

“Un po ‘di tutto, sia sugli amici di Messi che sui soldi … sono stato ferito da tante cose che hanno detto. Metto sempre il club al primo posto. ho avuto l’opportunità di lasciare il Barcellona in diverse occasioni. “Ogni anno avrei potuto andarmene e fare più soldi che a Barcellona. Ho sempre detto che era casa mia ed è quello che ho sentito e sentito. Meglio che qui, è difficile. Ho sentito che avevo bisogno di cambiare, nuovi obiettivi, nuove cose “.

Alla fine, è molto difficile rinunciare a vent’anni, a tutta una vita, alla famiglia che ho a Barcellona, ​​in città … Ed è quello che pesa di più quando prendi una decisione. Perché alla fine rimani a Barcellona, ​​vero? Continua con il Barcellona …

Sicuramente mi è costata molta scelta. Non ha niente a che vedere con il risultato del Bayern, dipende da tante cose. Ho sempre detto che volevo restare qui. Che volevo un progetto vincente e vincere titoli con il club per far crescere la leggenda del Barcellona. a livello di trofei. E la verità è che per molto tempo non c’è progetto o niente, si destreggiano e coprono i buchi mentre vanno. Come dicevo prima, ho sempre pensato al benessere della mia famiglia e della società “.

Cosa è successo quando hai detto alla tua famiglia che avresti potuto lasciare Barcellona?

“Quando ho comunicato la mia volontà a mia moglie e ai miei figli, è stata una tragedia. Tutta la famiglia è scoppiata in lacrime, i miei figli non volevano lasciare Barcellona, ​​non volevano cambiare scuola. Ho guardato oltre e volevo competere ai massimi livelli. vincere titoli, competere Champions League. Puoi vincere o perdere, perché è molto difficile, ma devi competere. Almeno competi e non cadere a pezzi come un Roma, Liverpool, Lisbona. E questo mi ha fatto pensare alla decisione di andarmene. Come ho detto pensavo ed ero sicuro di essere libero di andare, il presidente diceva sempre che a fine stagione potevo decidere se restare o meno. Ora si aggrappano al fatto che non l’ho detto fino al 10 giugno, quando è chiaro che il 10 giugno era in corsa per La Lega in mezzo a questo terribile coronavirus e che questa malattia ha sconvolto tutta la stagione. E questo è il motivo per cui rimarrò a Barcellona. Adesso rimango perché il presidente mi ha detto che l’unico modo per andare è pagare la clausola di 700 milioni di euro, e questo è impossibile. C’era una corsia preferenziale ed era andare in tribunale. Ma non inseguirò mai il Barcellona perché è il club che amo, che mi ha dato tutto da quando sono arrivato, è il club della mia vita, ho passato la mia vita qui. Il Barça mi ha dato tutto e io ho dato tutto. So che non mi è mai venuto in mente di fare causa al Barcellona. ”

È stato ciò che ti ha ferito di più, che c’erano persone che pensavano che avresti potuto ferire il Barcellona?

READ  Nomination Gf VIP: chi sono i nominati ieri 23 novembre?

“Sono stato ferito da tante cose postate contro di me e soprattutto tante cose false pubblicate. O che posso citare in giudizio il Barcellona per i miei interessi. Non avrei mai fatto una cosa simile, ripeto, volevo andarmene ed era un mio diritto, perché il contratto diceva che potevo liberarmi. E non era “Sto solo andando”. Stavo per andarmene e mi sarebbe costato caro. Volevo andarci perché pensavo di voler vivere felicemente i miei ultimi anni di calcio. Ultimamente non ho trovato la felicità all’interno del club “.

Intervista esclusiva con Lionel Messi Goal

È importante essere felici. Sei nato vincitore, continuerai a guidare la squadra. Ma qualcosa cambierà a Barcellona, ​​giusto? C’è qualcosa da cambiare nello sport?

“Continuerò a Barcellona e il mio comportamento non cambierà, non importa quanto voglio lasciare. Darò tutto. Voglio sempre vincere, sono competitivo e non mi piace perdere. Voglio sempre il meglio per il club, per il mio compagni e per me. Ho detto che non c’era il supporto per vincere la Champions League. Ora non so cosa succederà. C’è un nuovo allenatore e nuove idee. E va bene, ma dobbiamo vedere come reagirà la squadra e se ci sarà. in grado di competere ai massimi livelli. Quello che posso dire è che rimarrò e che darò tutto per Barcellona. ”

Qual è stata la prima cosa a cui hai pensato quando la gente ti ha detto che non ti importa del Barcellona?

“Mi ha fatto male che il mio attaccamento al Barcellona sia stato messo in discussione, sono grato a questo club. Amo il Barcellona e non troverò un posto migliore che qui altrove. Ma ne ho sempre il diritto Decido. Volevo andare alla ricerca di nuovi traguardi e nuove sfide. E domani potrei tornare, perché qui a Barcellona ho tutto “.

“Mio figlio, la mia famiglia è cresciuta qui. Non c’era niente di sbagliato nel voler andarsene, ne avevo bisogno, il club ne aveva bisogno ed è stato un bene per tutti”.

Infine, parliamo del famoso burofax. Perché hai deciso di inviare questo burofax? Cosa volevi dimostrare?

READ  Nomination Gf VIP: chi sono i nominati ieri 23 novembre?

“Burofax doveva in qualche modo formalizzarlo. Durante l’anno ho detto al presidente che volevo andarmene, che era ora di andare alla ricerca di nuovi obiettivi e nuove esperienze nel mio Mi diceva sempre: “Ne parliamo, non ora, ecc.” … Ma niente. Il presidente non mi ha mai dato la minima idea di quello che diceva. Mandalo al burofax ” era per formalizzare che volevo andarmene e che ero libero e che non avrei usato l’opzione per un altro anno. Non era per fare rumore o per andare contro il club, era per formalizzare la mia decisione.Se non ho inviato il burofax era come se non fosse successo niente, avevo la possibilità di acquistarne un altro Quello che hanno detto è che non ce l’avevo non comunicato fino al 10 giugno, ma ripeto che eravamo nel bel mezzo delle gare e adesso non era il momento. Ma a parte questo, il presidente mi diceva sempre “quando finisce la stagione decidi di restare o tu vai “, non ha mai fissato una data. Ma non deve discutere con il club, perché non volevo litigare con il club. ”

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close