Mondo

I rinoceronti lanosi dell’era glaciale sono stati trovati nel permafrost siberiano in via di fusione

Un rinoceronte lanoso ben conservato dell’era glaciale, molti dei suoi organi interni ancora intatti, è stato recuperato dal permafrost nell’estremo nord della Russia.

I media russi hanno riferito mercoledì che la carcassa è stata esposta mentre il permafrost si è sciolto in Yakutia, l’estremo nord-est della Russia ad agosto. Gli scienziati stanno aspettando che le strade ghiacciate nella regione artica diventino percorribili prima di consegnarle a un laboratorio per studi il mese prossimo.

È uno degli esemplari meglio conservati dell’animale dell’era glaciale trovati fino ad oggi. La carcassa ha la maggior parte dei suoi tessuti molli ancora intatti, inclusa parte dell’intestino, capelli spessi e un pezzo di grasso. Il suo corno è stato trovato nelle vicinanze.

Gli ultimi anni hanno visto importanti scoperte di mammut, rinoceronti lanosi, un puledro dell’era glaciale e cuccioli di leone delle caverne mentre il permafrost si scioglie sempre più su vaste aree della Siberia a causa del riscaldamento globale .

Una carcassa di un giovane rinoceronte lanoso, trovata nel permafrost nell’agosto 2020 sulle rive del fiume Tirekhtyakh nella regione della Yakutia della Siberia orientale, in Russia, è vista in questa foto dell’Accademia delle scienze russa. (Accademia delle scienze della Repubblica di Sakha (Yakutia) / Reuters)

Yakutia 24 TV ha citato Valery Plotnikov, un paleontologo presso la sezione regionale dell’Accademia delle scienze russa, dicendo che il rinoceronte lanoso aveva probabilmente tre o quattro anni quando morì.

Plotnikov ha detto che il giovane rinoceronte probabilmente è annegato.

Gli scienziati hanno datato la carcassa tra 20.000 e 50.000 anni. Una datazione più precisa sarà possibile una volta consegnato a un laboratorio per studi al radiocarbonio.

La carcassa è stata trovata sulla riva del fiume Tirekhtyakh nel distretto di Abyisk, vicino all’area in cui un altro giovane rinoceronte lanoso è stato recuperato nel 2014.

I ricercatori hanno datato questo esemplare, che hanno chiamato Sasha, a 34.000 anni.

READ  + 26.896 in 24 ore. Allarme dell'Organizzazione Mondiale della Sanità all'Europa

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close