Le notizie più importanti

Isma e Gabbia indicano la strada

Che la “notizia” di Ibra rilasciata fino a gennaio per l’infortunio al San Paolo avesse la stessa credibilità dell ‘”unico” Napoli-Milan deciso dall’arbitro Valeri, è stato un gioco da ragazzi. L’argomento ora è quando torna Ibra … Facciamolo, mettiamoci a nostro agio. Non ho date precise e non firmo fatture, ma Zlatan è un esempio anche per tutto il gruppo e soprattutto in questo: nel duro e incessante lavoro per rientrare il più velocemente possibile. Altissima professionalità. Ci sorprenderà ancora questa volta, come all’inizio di luglio, al suo ritorno. Ibra dà professionalità e pretende professionalità. Se il Milan non avesse una proprietà come suggeriscono gli esperti segnalanti, non sarebbe quello che è oggi. Maniacale e intenso nel suo lavoro di recupero. La proprietà è ciò che paga il salario. E pagarli puntualmente oggi nel disastro calcistico causato da Covid è Grande Property. E a Milano può essercene solo uno. Prendi nota, il più a lungo possibile.

E questa volta la Democrazia Cristiana (non ha mai votato la balena bianca in vita mia, lo giuro, ma non importa) Suma è sbilanciata. Una certezza crolla. Sono fuori equilibrio, sperando che tu non debba biasimarmi. Ma oggi vi dico davvero che Calhanoglu si rinnoverà. Nonostante le voci sapientemente alimentate, è un grande professionista, un ragazzo affascinante, che lo ammette quando sbaglia e un ottimo calciatore. Quindi la considero una cosa molto buona. Per il gruppo, per la dedizione che garantisce. Del resto se Montella, Gattuso, Giampaolo e Pioli non gli hanno mai impedito di uscire, nemmeno per errore, un motivo ci deve essere. Andiamo Calha, sei uno di noi. Il destino non ammette eccezioni, è vero, al giusto prezzo e nei giusti toni.

READ  I senzatetto a Roma non possono permettersi il lusso di restare a casa

Ricordo benissimo quello che si diceva di Bennacer un anno fa: l’hai portato all’Empoli retrocesso, non ha forza fisica, riceve sempre un avvertimento. Quanto a Matteo Gabbia: è l’ultima scelta, è scomodo, deve andare a giocare altrove per fare esperienza. In confronto, molto meno si dice di Sandro Tonali. Ma sta scritto che il nostro ragazzo seguirà lo stesso percorso che, nel buono e sano tessuto milanese di oggi, è destinato ad evolversi, a strutturarsi, a progredire. I colpi ci sono, come ha dimostrato a Lille e come aveva già dimostrato in Portogallo e Udine. Nel suo repertorio gli basta impiantare una maggiore velocità di gioco, che sarà sempre più figlia dei meccanismi e del sistema di gioco con cui sarà sempre più familiare con il passare del tempo. Il percorso è indicato da Bennacer e Gabbia. L’algerino diventa un giocatore di una categoria superiore, di un’altra categoria: attenzione, non gioca mai all’indietro, ma solo in avanti. E Cage? La sua miglior partita con la maglia rossonera a Lille, la crescita è costante e continua. Forza ragazzi. E attenti alla Fiorentina: non fidatevi mai della classifica viola, sarà molto dura.

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close