Italoamericani e la lingua del cibo: come i calamari sono diventati galamar e la ricotta è diventata rigott

Italoamericani e la lingua del cibo: come i calamari sono diventati galamar e la ricotta è diventata rigott

Il New Jersey è un posto meravigliosamente vario. Sebbene sia uno stato relativamente piccolo, ha la più alta densità di popolazione negli Stati Uniti. Inoltre pullula di un numero enorme di residenti italo-americani.

Sono mezzo italiano, ma Non sono cresciuto parlando una dolce lingua leccata. Dalla pizza alla pasta ai “Soprano”, sono cresciuto in un luogo dove si celebra il concetto di Italia. Tuttavia, mi ci è voluto un po ‘per capire che non era la cultura italiana di per sé, ma una “setta” leggermente diversa – una ricca storia e cultura italo-americana in sé e per sé.

Non è stato fino alla scuola di cucina che ho iniziato ad abbracciare tutto ciò che l’esperienza italo-americana ha da offrire, ad es. molto di più del pollo alla parma. Bolognese e gnocchi con caponata e finocchietto, l’ampiezza della cucina italo-americana ha iniziato a essere pienamente visibile e da allora non vedevo l’ora di imparare e consumare il più possibile sul cibo e sulla storia della leggendaria cultura. (Inoltre non faceva male avere un accento italiano assassino.)

CORRELATO: Il modo migliore in assoluto per cucinare il finocchio (perché questa verdura sottovalutata merita una rinascita)

Una domanda che inevitabilmente viene fuori è il vocabolario. Dove sono i termini come Rigott, muzzarell, Manigott, gabagool o Galamar viene da? Perché sono così diverse dalle pronunce tecnicamente “corrette” – ricotta, mozzarella, manicotti, capicolla e calamari – che vengono insegnate nelle lezioni di italiano in tutto il mondo? La risposta va ben oltre lo slang.

Parliamo di dialetti

La mia amica Angela Gallo, che è cresciuta in italiano nel New Jersey e ha iniziato a imparare l’inglese all’età di quattro anni, mi ha parlato di questo argomento dalla sua prospettiva unica. Angela ha osservato che “la lingua nazionale può essere l’italiano, ma ogni città ha un dialetto, o variante della lingua, che è abbastanza unico per le persone che vi abitano. Quando gli italiani iniziarono a immigrare in America alla fine del XIX secolo nella speranza di un futuro migliore, la maggior parte di loro poteva parlare solo nel dialetto locale. Quando questi individui sono arrivati ​​in America, si sono uniti per affrontare il nuovo mondo sconosciuto “.

READ  Covid-19, ore decisive per la scuola. M5S e Italia Viva confermano la loro posizione: continua alla presenza

Circa cinque anni fa, Gallo si è trasferita appena fuori Matera, nel sud Italia, dove insegna inglese a persone di madrelingua italiana. Aggiunge che “le pronunce che siamo abituati a sentire quando siamo in un negozio di specialità italiane o parliamo con italoamericani sono a miglia di distanza dalla loro vera pronuncia. Questo perché gli immigrati italiani che hanno iniziato a vendere questi prodotti li chiamerebbero nell’unico tipo di italiano sapevano: il loro nome dialettale. E con il passare degli anni ei bambini rilevarono i negozi dei genitori, le parole del dialetto seguirono e cambiarono leggermente, portando alla pronuncia di oggi [certain] Parole. È una miscela di dialetto italiano con un tocco di inglese. ”

Come i dialetti italiani hanno dato origine allo “slang” italo-americano di oggi

C’è una pletora di pubblicazioni su questi argomenti, che spiega in modo più dettagliato come vibrano le corde vocali quando si pronunciano determinate lettere o suoni, consonanti vocali o sorde e altri dettagli linguistici. Brian Alcamoy osserva in Linguistica JP che principalmente i dialetti meridionali hanno influenzato la pronuncia delle parole italo-americane, risultando in parole come Rigott. In molti casi, la sillaba finale, che in alcuni casi è solo una lettera, ad esempio, mortadella invece di Bologna – è abbandonato. Questo è specificato in Il meglio di NJ, dove Fabiana Santana scrive: “Gli immigrati italiani provenivano dall’Italia meridionale, dove era comune tralasciare la vocale finale di una parola e cambiare le consonanti sorde, come i suoni k in capicol, alle consonanti espresse, come i suoni G in gabagool. “

La voce di New York stati che “l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo e la quinta lingua straniera più studiata nelle università americane”. Tuttavia, è molto più difficile determinare quante persone nel mondo parlano i dialetti italiani. In “Varietà della lingua italiana negli Stati Uniti e lingua franca italo-americana”, Hermann W. Haller Osservazioni che “a causa della lontananza della madrepatria, gli italiani che vivevano negli Stati Uniti non erano generalmente esposti all’italiano standard. Formavano enclavi di dialetti prevalentemente italiani meridionali in un ambiente culturale e linguistico. egemonico che ha a lungo considerato italiano ed” etnico “o “Linguaggio di immigrati di scarso prestigio, da non insegnare nel sistema scolastico. “Secondo Atlas ObscuraE ‘Dan Nosowitz, l’80% degli italoamericani è del sud. Questo stesso articolo rileva che la composizione linguistica dell’Italia nell’Ottocento era estremamente disparata e che le isole meridionali della Sicilia e della Sardegna “erano, fondamentalmente, paesi diversi”.

READ  Danza, tango Isoardi-Todaro e l'emozione di Milly: i momenti cult della 1 ° puntata

Creare una nuova comunità

Quando questi individui emigrarono negli Stati Uniti, si dispersero principalmente in tutto il Nordest. “L’italiano italo-americano non assomiglia affatto all’italiano standard. Invece, è una costruzione dei frammenti congelati lasciati da lingue che non esistono nemmeno più in Italia, con un intervento minimo dell’italiano moderno”, Nosowitz aggiunge. In un certo senso, questa nuova “lingua” ha permesso agli immigrati italiani di promuovere una nuova comunità in America. “Non potevano parlare italiano qui, ma non potevano parlare inglese. È così che sono riusciti a creare una comunità tra di loro”, scrive Santana.

Come molti immigrati, molti italoamericani non insegnavano la “lingua madre”, sperando che questo avrebbe permesso ai loro figli e nipoti di imparare l’inglese e integrarsi più facilmente nella cultura linguistica – per quanto sfortunato possa essere. Tuttavia, queste peculiarità sono rimaste ovviamente interessanti. Nel 2021, puoi sentire qualcuno che ordina fresco mutz in un negozio di alimentari o Galamar in una pizzeria. Mentre ci sono sicuramente altre stranezze di pronuncia italo-americane, come Sangwich o marscapone, potrebbe essere una conversazione in lingua per un altro giorno.

Altro da Michael La Corte:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega