Mondo

Kirghizistan: almeno 120 feriti negli scontri di Bishkek – l’ultima ora

(ANSA) – Bishkek, 06 ott. – Almeno 120 persone sono state ricoverate a Bishkek, capitale del Kirghizistan, dopo scontri tra polizia e manifestanti che si sono opposti ai risultati delle elezioni parlamentari del giorno precedente, dominate da due partiti vicini al governo.

La polizia ha usato bombe sonore e poi gas lacrimogeni per disperdere centinaia di manifestanti riuniti nel centro della città, e alcuni di loro hanno tentato di arrampicarsi sui cancelli del palazzo presidenziale.

“Più di 120 persone sono state ricoverate in ospedale, molte delle quali in condizioni critiche”, ha detto in un comunicato il Ministero della Salute kirghiso, aggiungendo che quasi la metà di loro sono “funzionari delle forze dell’ordine”.

I manifestanti chiedono le dimissioni del presidente Suronbay Genbekov e lo svolgimento di nuove elezioni parlamentari dopo le accuse di frode e acquisto di voti che gettano un’ombra sulle elezioni di domenica. Nel tentativo di allentare le tensioni, l’ufficio di Surunbay Genbekov ha annunciato stasera che il presidente 61enne, eletto nel 2017, incontrerà i leader dei 16 partiti che hanno partecipato alle elezioni di martedì. In serata il partito pro-presidenziale Bremdik, arrivato primo con il 25% dei consensi, ha espresso il proprio appoggio alle nuove elezioni, invitando tutti gli altri partiti oltre il 7% a farlo. Tuttavia, gli scontri sono continuati anche nella notte nelle strade intorno alla piazza Ala-Too di Bishkek. (maniglia).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA


Back to top button
Close
Close