Sport

La posizione del Manchester United sul trasferimento del prestito a Emad Diallo

Il Manchester United non ha intenzione di prestare Amad Diallo all’Atalanta per il resto della stagione.

Il club italiano è ansioso di concordare un accordo per mantenere il 18enne in prestito fino all’estate dopo il suo arrivo previsto all’Old Trafford questo mese.

Ma la squadra maschile capisce che lo United al momento non ha interesse a permettere a Diallo di tornare in Italia, con Ole Gunnar Solskjaer desideroso di integrare il giovane nella sua prima squadra il prima possibile.

Lo United è in procinto di finalizzare il permesso di lavoro di Diallo dopo che i due club hanno deciso di aumentare le tasse a 37 milioni di sterline per l’esterno il giorno della scadenza di ottobre.

MEN Sport è stato presentato per la prima volta L’interesse dello United per Diallo All’epoca affermava che l’accordo per Diallo era “indiretto” a causa di complicati problemi di passaporto. L’adolescente è nato in Costa d’Avorio e si è trasferito in Italia in giovane età.

In un intervento di sabato, l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha rivelato che il suo club stava “lavorando a un accordo” per mantenere Diallo fino alla fine della stagione di Serie A anche se ha giocato solo due partite come sostituto del club in questa stagione.

Diallo, come il suo compagno di squadra estivo Facundo Pellestre, avrà bisogno di tempo per stabilirsi in Inghilterra prima di diventare un titolare nelle squadre del giorno della partita, ma Solskjaer non vede l’ora di lavorare con l’entusiasmante ala.

READ  Giro d'Italia, subito Jana: trionfo di tappa e prima maglia rosa

“Ehi Amad, abbiamo i documenti richiesti”, ha detto Solskjaer dopo la vittoria dello United sull’Aston Villa il giorno di Capodanno. “Stiamo aspettando le altre scartoffie. Non vedo alcun intoppo, davvero, quindi spero che sia con noi in brevissimo tempo”.

Molto entusiasta di portarlo, ha dimostrato molte volte le sue qualità ma deve imparare che giocare in Inghilterra è un tipo diverso di calcio, quindi gli daremo il tempo di svilupparsi.

“Ma a parte non vedere molto di quello che faremo, lavoriamo sempre a lungo termine, questa è la cosa più importante, sugli obiettivi”.

Antonello Capone

"Amichevole drogato di caffè. Professionista di viaggio. Fanatico di zombi. Piantagrane. Gamer. Analista. Specialista di pancetta. Scrittore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close