Economia

Le bollette Covid e la crisi ridurranno i regali

Tradizionalmente è sempre stato un tesoro di fine anno da utilizzare per fare regali a figli, nipoti e parenti vari, e per acquistare cibi prelibati da portare in tavola la sera della vigilia di Natale. E perché no, anche in parte a un viaggio. laggiù Tredicesimo Sta per arrivare lo stipendio mensile: lo riceveranno prima i pensionati, poi se dipendenti privati ​​e pubblici lo troveranno nella busta paga con lo stipendio di dicembre. Trentaquattro milioni di italiani, secondo i calcoli della CGIA di Mestre (16 milioni di pensionati e 18 milioni di dipendenti). Ma quest’anno Tredicesimo Per molti sarà più leggero: nel complesso – sempre secondo i calcoli della CGIA – varrà 30 miliardi di euro, ovvero tre volte meno dello scorso anno. È l’impatto di Covid, che ha portato al licenziamento di 6,6 milioni di lavoratori del settore privato. “Questa situazione – spiega il coordinatore dell’ufficio studi di Cgia Paolo Zabeo – non ha permesso a molte persone di accumulare il beneficio mensile che determina economicamente la ricompensa, diluendo così la somma finale di circa 100 euro mensili dal compenso ricevuto”.

Meno soldi in tasca e paura del futuro: un mix esplosivo che ha il potenziale per innescare un altro impatto negativo, ovvero un minor numero di acquisti. Le persone tendono a risparmiare un po ‘di più sia per i regali che per la cena di gala, perché se le regole per combattere l’epidemia non cambiano questo Natale, è davvero una stenografia. Per i commercianti – una classe già interessata – questa è una cattiva notizia.

Gli acquisti natalizi subiranno probabilmente una contrazione fino al 15%. Se la spesa complessiva dello scorso anno ha sfiorato i 10 miliardi di euro, quest’anno potrebbe scendere a 8,5-9 miliardi, un calo che rischia di penalizzare i negozi artigianali e limitrofi che faticano a tenere il passo con la concorrenza. Più crudele del commercio online “, spiega Zabio.

READ  Tasse, arriva il nuovo 730: cambia la dichiarazione dei redditi

Secondo Codacons, potrebbe effettivamente essere peggio. Altro che regali e cibo delizioso: “I tredici italiani quest’anno copriranno in gran parte le spese relative a prestiti, mutui, bollette, tasse e spese mediche. Solo un minimo, l’11%, andrà a coprire le spese per le vacanze ”, ha affermato l’organizzazione dei consumatori.

A livello regionale, la regione con il maggior numero di beneficiari al tredicesimo mese è la Lombardia: il numero di persone interessate è di circa 6,2 milioni di persone. Seguono 3 milioni e 287mila residenti nel Lazio, 2 milioni e 956mila residenti in Veneto e 2 milioni e 821mila in Emilia-Romagna. Fatti geografici, dove invece il numero dei destinatari del bonus natalizio più inclusivo sono l’Umbria con 532mila persone, la Basilicata con 290mila, il Molise con 160mila, la Valle d’Aosta con 77mila.

Ultimo aggiornamento: 22:51


© Riproduzione riservata

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close