Le città stellari d’Europa, capolavori dell’architettura rinascimentale

Le città stellari d’Europa, capolavori dell’architettura rinascimentale

(CNN) – È sparso in tutta Europa ma la sua perfetta bellezza geometrica può essere ammirata appieno solo se vista dall’alto.

Come i fiocchi di neve visti attraverso una lente d’ingrandimento, c’è un’abbagliante qualità simile a un frattale del modo intricato e intricato in cui sono disposti – solo che non stiamo parlando di meraviglie naturali qui.

Un modo completamente nuovo e razionale di progettare gli insediamenti fortificati, le “città stellari” del XVI e XVII secolo furono il gioiello della prima età moderna e furono progettate da alcune delle menti più brillanti del loro tempo.

La scienza della costruzione di forti stellari è apparsa in Italia durante il Rinascimento, quando la polvere da sparo e i cannoni rendevano obsolete le mura medievali.

L’aumento dei muri verticali lasciava il posto a bastioni più bassi, che non offrivano meno bersaglio, mentre ampie trincee, scoscesi terrapieni e intricate reti di roccaforti sporgenti avrebbero eliminato qualsiasi punto cieco e impedito agli eserciti assediati di avvicinarsi ovunque vicino alle recinzioni.

Questo stile di architettura militare ha avuto il suo periodo d’oro durante il XVI e soprattutto il XVII secolo, un periodo in cui molte parti d’Europa hanno vissuto una guerra quasi continua.

Non è un caso che alcuni degli esempi migliori e più impressionanti si raggruppino in luoghi come i Paesi Bassi e la valle del Reno, le linee di frattura tra imperi in guerra.

Ingegneri militari come il francese Sebastian Le Priestre de Vauban e il suo rivale olandese Mino van Cohorn elevarono la fortificazione delle città quasi a un livello artistico.

I successivi cambiamenti nella tecnologia militare resero molte delle loro “città stellari” obsolete, ma poiché molte di loro erano diventate a quel tempo insediamenti civili, questo straordinario approccio alla pianificazione urbana non fu una perdita di tempo.

Ecco una selezione di alcune delle città più belle d’Europa. Sebbene l’elenco dei forti a forma di stella in Europa sia molto più lungo, ci siamo concentrati deliberatamente su quelli che sono diventati la casa delle comunità viventi, il tutto preservando il disegno geometrico originale.

Olanda

Nardin

I Paesi Bassi sono una destinazione privilegiata per chi è interessato all’architettura “Star City”. The Dutch Revolution (1566-1648) è il nome dato ai lunghi anni di guerra che seguirono la rivolta olandese contro il dominio spagnolo e che hanno lasciato il segno nel paesaggio urbano di una terra priva di fortificazioni naturali.

Forse la città stellare olandese più impressionante è Nardin, che si trova a circa 20 chilometri a est di Amsterdam. Nardin, completamente circondata da linee di fortificazione e due anelli d’acqua, potrebbe essere la perfetta città a forma di stella. È anche, molto appropriatamente, un sito Dutch Fort Museum.

Brill

Brill ha avuto un posto di rilievo nella storia olandese dal 1572, quando la sua cattura da parte del “mare dei mendicanti”, una milizia nazionalista che opera sui mari, segnò un punto di svolta importante nella guerra d’indipendenza olandese.

Sebbene ora diminuisca di fronte all’adiacente porto di Rotterdam Europort, il più grande porto commerciale d’Europa, i suoi bastioni e il fossato progettato con cura sono facili da vedere dal cielo.

Heusden

Il lavoro di Heusden fu completato nel 1597 e oggi può vantare le sue splendide roccaforti meticolosamente organizzate grazie al suo pluripremiato progetto di ricostruzione di 40 anni.

Nel diciannovesimo secolo, tutte le fortificazioni originali della città del Brabante settentrionale erano crollate. Tuttavia, a partire dagli anni ’60, la gente del posto ha condotto una campagna di successo per riportare Heusden al suo antico splendore. Una mappa di 300 anni è stata utilizzata come modello per trasformare il luogo in una bellissima città pre-pandemica che ha ricevuto centinaia di migliaia di visitatori ogni anno.

Willemstad

Sempre nella regione del Brabante settentrionale, questa piccola città è un altro ottimo esempio di città delle star olandesi.

Si dice che ognuna delle sue sette roccaforti rappresenti una delle sette province che si unirono per liberare i Paesi Bassi dal dominio spagnolo nel XVI secolo, per formare uno stato olandese indipendente.

Portang

Nel nord-est dei Paesi Bassi, a pochi metri dal confine tedesco, Fort Bourtange fu costruito nel 1593 e utilizzato fino al 1851.

Il castello fu poi trasformato in un villaggio, perfettamente conservato con la sua forma pentagonale e il disegno stradale geometrico, ma non fiorì mai come insediamento urbano. Oggi, l’intero complesso architettonico è aperto ai visitatori come un Museo.

Italia

È stata fondata a Manova nel 1593.

È stata fondata a Manova nel 1593.

Shutterstock

Manova

Palmanova si trova vicino all’attuale confine tra Italia e Slovenia (da non confondere con l’omonima località maiorchina) ed è la perfetta città dell’ingegneria oltre ad essere una delle più grandi e meglio conservate. Fu costruito dai veneziani alla fine del XVI secolo per difendere i confini nord-orientali della loro repubblica più tranquilla.

Il suo disegno radiale si estende da una piazza centrale esagonale (“Piazza del Duomo”) in anelli concentrici su nove lati che attraversano percorsi rettilinei che conducono a ciascuno dei suoi angoli. L’intero gruppo è circondato da un doppio perimetro esterno di fortificazioni a forma di stella.

Palmanova è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO (insieme ad altre fortificazioni veneziane della stessa epoca).

Peschira del Garda

Se Palmanova proteggeva gli ingressi orientali di Venezia, le sue strade occidentali erano sotto l’occhio vigile di Peschiera del Garda, anch’essa patrimonio dell’umanità. Ben adatta a dove ha governato a lungo Venezia, la città fortificata non si trova sulle rive del Lago di Garda, ma al suo interno, circondata da acqua su tutti i lati, attraversata da un canale.

READ  WiFi gratis in Italia, una novità: gli abbonamenti online crescono

Portogallo

Almeida

Almeida è oggi una piccola città con una popolazione di circa 1.300 abitanti.

Almeida è oggi una piccola città con una popolazione di circa 1.300 abitanti.

Shutterstock

Nel nord del Portogallo, vicino al confine spagnolo, questa città si inserisce perfettamente tra le sue maestose mura a forma di stella.

Durante la guerra peninsulare (1804-17), fu catturato dalle forze napoleoniche al comando del comandante militare francese Michel Nye (nato in un’altra città stellare, la tedesca Saarlouis) dopo l’esplosione del caricatore di polvere da sparo, uccidendo centinaia di difensori britannici e portoghesi.

ascia

A circa 200 chilometri da Lisbona, Elvas è una roccaforte di sette fortezze e due fortezze che per secoli hanno protetto i confini orientali del Portogallo contro le incursioni spagnole.

Sebbene la sua rete urbana manchi delle fresche linee geometriche di altre città stellari, le sue case imbiancate a calce e la posizione collinare rendono Elvas uno spettacolo pittoresco.

Francia

Neuf Presach

Ecco un’altra città stella con lo status di patrimonio mondiale, come parte della rete di forti creata da Sebastian Le Priestre de Vauban, il più grande ingegnere militare di Luigi XIV. Fu costruito ex novo sul lato francese del Reno, dopo che la Francia perse la città di Brissach sulla sponda opposta del fiume, da cui il prefisso “Neuf” (nuovo).

Progettato fin dall’inizio per usi misti civili e militari, seguendo le nozioni contemporanee di cosa dovrebbe essere una “città perfetta”, con un design ottagonale e strade disposte in una griglia quadrata.

Repubblica Ceca

Teresin

Questa fortezza militare era sia una prigione che un campo di concentramento.

Questa fortezza militare era sia una prigione che un campo di concentramento.

Milan Fachal / CTK / AP

Costruita alla fine del XVIII secolo come città di guarnigione dall’imperatore degli Asburgo Giuseppe II, che la chiamò come sua madre, l’imperatrice Maria Teresa, Theresien vide poco o nessun combattimento in prima linea.

Durante la prima guerra mondiale, il castello fu utilizzato come campo di concentramento politico. Morì qui nel 1918 di tubercolosi, l’uomo che ha contribuito a scatenare la guerra con l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando.

Dopo che i nazisti presero il controllo della Cecoslovacchia, la Gestapo utilizzò parte delle sue strutture come prigione e l’intera città fu successivamente trasformata in un campo di concentramento e in un ghetto. Prigionieri ebrei provenienti da tutta Europa furono stipati tra le sue mura e molti furono successivamente trasportati nei campi di sterminio. Si stima che delle quasi 150.000 persone che passarono attraverso quello che i nazisti chiamarono “Theresienstadt Ghetto” durante la guerra, solo 23.000 sopravvissero. Oggi è un sito Museo del Ghetto di Theresien.

READ  Non può mancare la parodia a luci rosse nella realtà virtuale?

Polonia

Zamosc

Il centro storico di Zamosc, patrimonio mondiale dell’UNESCO, ha conservato la maggior parte del suo design originale risalente al XVI secolo.

Gran parte della sua unicità si basa sul fatto che fonde influenze architettoniche da diverse parti d’Europa, poiché Zamosc era un avamposto commerciale che attirava mercanti dall’est e dall’ovest. Inoltre, la pianta della città è stata progettata da un architetto italiano di Padova che ha incorporato elementi architettonici del suo paese natale.

Croazia

Karlovac

Questa città a sei punte fu costruita dalla Casa degli Asburgo nel 1579 come fortezza per proteggere le loro terre dagli Ottomani. Nel secolo successivo lo assediò ben sette volte, ognuna delle quali non ebbe successo.

Sebbene i sobborghi moderni si siano sviluppati in tutto il centro storico di Karlovac, l’insieme architettonico armonioso al suo centro è stato ben conservato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega