scienza

Mars Express individua un terreno caotico vicino a Valles Marineres | Scienza planetaria, esplorazione dello spazio

Il Telecamera stereo HD (HRSC) è a bordo L’orbiter Mars Express dell’Agenzia spaziale europea Ha fotografato paesaggi meravigliosi vicino al sistema di canyon principale di Valles Marineris sul Pianeta Rosso.

Questa immagine dalla High Resolution Stereo Camera (HRSC) a bordo del Mars Express dell’ESA mostra crateri, canyon e terreno caotico a Pyrrhae Regio, Marte. Il terreno caotico si forma come uno strato alterato sub-superficiale di scioglimento del ghiaccio ei sedimenti causano il collasso della superficie sovrastante. Nel terreno caotico che vediamo qui, il ghiaccio si è sciolto, l’acqua risultante è stata lavata via e un certo numero di blocchi rotti sparsi sono rimasti in piedi in cavità ora vuote (che un tempo contenevano ghiaccio). Questa immagine include i dati raccolti da HRSC il 3 agosto 2020. Immagine di credito: ESA / DLR / FU Berlin / CC BY-SA 3.0 IGO.

JM Marineris È l’ampio sistema di vallate che corre lungo l’equatore marziano a est di Tharsis.

È lungo 4.000 chilometri (2.500 miglia) e raggiunge una profondità di 7 chilometri (4 miglia), circa 10 volte più lungo e 5 volte più profondo del Grand Canyon in Arizona.

Sono composti da innumerevoli piccole crepe, canali, deflussi, fratture e segni di materiale che scorre (come acqua, ghiaccio, lava o detriti).

La Vallis Marineris è un’imperdibile cicatrice sulla faccia di Marte e si ritiene che si sia formata quando la crosta del pianeta è stata allungata dalla vicina attività vulcanica, causandone la rottura e la rottura prima di collassare nei bacini profondi che vediamo oggi.

Questi bacini sono stati ulteriormente formati ed erosi da flussi d’acqua, smottamenti e altri processi di influenza, con veicoli spaziali inclusi i segni di spionaggio di Mars Express che indicano la presenza di acqua in parti della Valles Marineris in un passato relativamente recente.

Visualizza una prospettiva del terreno caotico di Pyrrhae Regio, Marte. Credito fotografico: ESA / DLR / FU Berlin / CC BY-SA 3.0 IGO.

La nuova immagine dello strumento HRSC da Mars Express mostra il “terreno caotico” di Pyrrhae Regio – un’area a sud di Eos Chasma, il ramo orientale del sistema Valles Marineris.

READ  Basetti, specialista in malattie infettive: "Per la scienza è un giorno più importante del primo passo sulla luna".

La dispersione dei crateri, che si è formata quando gli oggetti dallo spazio sono entrati in collisione con la superficie di Marte, può essere vista a sinistra del fotogramma.

Il pavimento del bacino più grande e più alto si estende per circa 40 chilometri (25 miglia) e contiene alcune fratture e segni che si sono formati immediatamente dopo il cratere stesso.

Si pensa che la roccia fusa calda sia stata gettata via durante la collisione che ha formato il cratere, e poi raffreddata e stabilizzata per formare le caratteristiche simili a cicatrici visibili qui.

Al centro della cornice, la superficie è relativamente liscia e praticamente piatta, tuttavia, due ampi canali si sono fatti strada attraverso il paesaggio e possono essere visti come rientranze frastagliate e ramificate nel terreno circostante.

Le valli alla loro estremità destra sono collegate alla vera stella dell’immagine: un punto infossato, irregolare e bitorzoluto dal terreno noto come terreno caotico.

Il terreno caotico, come suggerisce il nome, è irregolare e misto e si crede che si formi quando il ghiaccio e i sedimenti sotterranei iniziano a sciogliersi e spostarsi.

Questo strato mutevole fa collassare la superficie sovrastante, un collasso che può avvenire rapidamente e in modo catastrofico mentre l’acqua defluisce rapidamente attraverso la regolite marziana.

Lo scioglimento del ghiaccio può essere indotto da eventi di riscaldamento come flussi piroclastici, magma sotterraneo, impatti di grandi meteoriti o cambiamenti climatici.

Nel terreno caotico che vediamo qui, il ghiaccio si è sciolto, l’acqua risultante è stata lavata via e un certo numero di blocchi rotti sparsi sono rimasti in piedi in cavità ora vuote.

Significativamente, i pavimenti di questi pozzi si trovano a circa 4 chilometri (2,5 mi) sotto un terreno pianeggiante vicino ai crateri sulla sinistra.

READ  I test sierologici e quantitativi sono quello che sono e perché vengono eseguiti

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close