scienza

“Negazione, ansia, paura. Così gli italiani soffrono di nuovi contagi”.

“Con l’epidemia ci aspettiamo 150.000 nuovi casi di depressione grave, con la comparsa di sintomi mentali nel 63 per cento degli italiani che sono durati più di quindici giorni”. A parlare con lo psichiatra Claudio Minkache Huffpost Spiega gli effetti sulla psicologia della seconda ondata. Paura, rifiuto e rabbia sono ora vissuti quotidianamente dalla popolazione mentre lotta per adottare nuove misure per contenere il virus. I confini sono ormai visti come indigesti, esponendo l’orizzonte spensierato della normalità e del piacere a cui si era abituati prima di quel maledetto evento ciclico, riassunto nell’acronimo Covid-19, a data successiva. Nella prima fase, chi ha avuto la fortuna di non ammalarsi, di non subire un lutto e di avere un lavoro a tempo indeterminato, in alcuni casi è stato sottoposto a chiusura come esperienza di grande sacrificio che deve essere consumata però, Un colpoA breve termine, canti di solidarietà collettiva la addolciscono alle finestre. Ora, tuttavia, con il naso (mascherato) che penzola dalla seconda ondata, nessuno tollera più questo modo di vivere e la frustrazione è in agguato. In questi giorni – spiega il presidente della Società Italiana di Psicofarmacologia e Neurologia – uso una frase che Murakami ha scritto così: Potresti anche non sapere come l’hai attraversato e ne sei uscito vivo, ma non c’è dubbio a un certo punto, ovvero che uscirai da quel vento non sarà lo stesso di come ci sei entrato.“.

La seconda ondata sembra aver cambiato la nostra psicologia: siamo stanchi e la “voglia di tornare a fare le cose nella vita come prima” ci domina. Queste sono le parole usate in Correre Scritto da Paolo Giordano, sei d’accordo?

Non ho menzionato Murakami per caso. Assistiamo al desiderio di tornare a “com’era prima”, ma è un desiderio perduto e l’idea, di non accettare il cambiamento, crea un’età dell’oro, un tempo che era una volta e non torna mai più. Da un lato, c’è uno stato di incertezza, e dall’altro c’è sempre una paura molto forte che deve affrontare la negazione o l’evitamento, ma la paura fondamentalmente genera sempre rabbia.

Alcuni sono usciti Il sondaggio Internazionali che parlano di problemi di salute mentale, depressione, ansia, ecc.

Sì, quello che mi ha colpito di più è stato che il 63 per cento dei cittadini italiani presentava sintomi psicologici durati più di quindici giorni. Gli inglesi e gli spagnoli sono più alti di noi, ei tedeschi sono più bassi del 50 per cento.

READ  Ha sopravvalutato il sensore Osiris Rex

Quali sono i sintomi più comuni?

Abbiamo testato una serie di sintomi che vanno ben oltre i disturbi del sonno che poi generano irritabilità – sintomi di depressione, ansia e paura particolarmente intensa.

Incontri di parole.

L’idea di ritrovarsi in uno stato di sigillamento – a causa di un nemico invisibile nel suo lavoro, ma ben visibile nei suoi effetti – porta a negare questa condizione. Stiamo anche affrontando uno scontro generazionale: un segmento della popolazione, adolescenti, giovani e un gruppo di persone over 65, che rappresentano il 22 per cento del nostro Paese, stanno combattendo. Stili di vita, senso di protezione e responsabilità reciproca. C’è pressione da parte dei giovani che, in parte per loro natura e in parte per il loro forte desiderio di partecipare, e che trovano difficile accettare i limiti, soprattutto quelli emotivi che ci vengono richiesti oggi perché dobbiamo imparare un’altra lingua, dobbiamo imparare a gestire la nostra influenza anche in modo diverso, dobbiamo essere capaci Per comunicare non con quelle apparenze a cui siamo abituati.

Lo stesso vale per le condizioni economiche.

Ci sono persone che si sentono gravemente danneggiate e molte persone stanno per impoverirsi. Con la comunità che dirigo, abbiamo pubblicato su un’importante rivista internazionale quanto pesa l’insieme degli effetti psicologici associati all’allontanamento relazionale, come si relaziona al complesso lutto di chi ha perso i propri cari, che sono tanti, l’aumento della “povertà in tutta quella fascia è inferiore ai 15.000 euro all’anno e la quantità di disoccupazione. Che questi casi portino al verificarsi di 150.000 nuovi casi di depressione grave. Sono numeri elevati oltre a quelli che abbiamo stabilmente, che in Italia ammontano a un milione.

L’epidemia è stata “lutto” rispetto alle nostre vite precedenti? Anche quando tornerà alla normalità, sarà una nuova normalità, senza possibilità di riavvolgere il nastro in qualche modo?

Il nastro non ritorna, ne sono assolutamente sicuro, perché il virus è arrivato, ma il nastro ha iniziato a essere trasmesso dal 2001, quando la paura ha iniziato a diffondersi a livello globale. Stiamo parlando di una paura oggi che si basa su un’altra paura di ieri. Queste paure stanno crescendo, sono iniziate con il terrore e poi sono proseguite in modi diversi, costringendo le persone a cambiare il loro modo di interagire e il loro stile di vita, spingendo sempre più in uno stato di veglia. Ora il nemico è così invisibile e diffuso da aver generato una sensazione di ansia.

READ  Ha sopravvalutato il sensore Osiris Rex

Dobbiamo ancora accettare la realtà e smetterla di negarla?

Per accettare che le cose non possano tornare come prima, dobbiamo creare un clima di solidarietà e vicinanza per darci il coraggio di affrontare il cambiamento, perché il cambiamento è già in atto e il punto è che non sempre le persone riescono a percepirlo e ad accettarlo. Non voglio citare San Francesco d’Assisi, perché il 4 ottobre è passato da giorni …

Fallo fallo.

Usa questa bellissima espressione: “Dammi chiarezza per accettare le cose che non posso cambiare”.

È così facile da dire, ma non dovrebbe essere fatto, non credi?

In alcune aree della vita siamo impotenti. Nei passaggi che portano alla trasformazione, al cambiamento, siamo impotenti. A volte lo sperimentiamo mentre siamo quando una storia d’amore è finita. L’unica cosa che possiamo fare in queste situazioni è accettare il cambiamento.

Un po ‘come rompere con qualcuno e poi riconnettersi? Non è più quello di una volta. Ma possiamo tornare alla felicità insieme?

Ci sono due condizioni richieste: che le persone siano cambiate e che siano cambiate nella stessa direzione, quindi potrebbe essere possibile se il tempo trascorso è tempo sufficiente per adattarsi al nuovo scenario e alle nuove circostanze e per capire come sono cambiate le nostre aspettative, sogni e progetti. Ci siamo ingannati nel predire, ora siamo in un mare turbolento e non possiamo sopportare di guardare la riva che abbiamo lasciato.

Stanchi delle regole: pesa la fatica?

C’è una graduale frammentazione della popolazione, le persone sono esauste da queste condizioni emotive e questo avrà un impatto sulla salute.

Volevi dire che anche gli operatori sanitari sono sotto pressione?

I datori di lavoro non sono più gli stessi di prima, sono lavoratori ingombranti. Hanno già attraversato un periodo di stress estremo e condizioni di esaurimento associate a un sovraccarico. Hanno già lottato e quindi dovremmo sempre considerare la loro capacità di rispondere in modo efficace, ma abbiamo a che fare con persone stanche. Questa è una cosa importante.

READ  Ha sopravvalutato il sensore Osiris Rex

In quale direzione possiamo cercare conforto e credere nel futuro?

Possiamo aggrapparci a questa resilienza, essere resilienti. Quello che viene chiesto alle persone è di essere stressanti l’uno con l’altro e di fidarsi degli altri. Il 2019 è stata un’azienda che non si fidava di nessuno, ha trionfato la sfiducia in Italia, e l’attenzione è solo sugli interessi dei singoli. Il 2020 ha ritrovato la solidarietà e ora dobbiamo guardare con fiducia alla prossima primavera.

La sofferenza della pandemia ci renderà, per coloro che non hanno lanciato una guerra, più felici una volta che sarà finita?

Un giorno questo dolore ci farà bene. Anche prima della pandemia vigeva il culto dell’egoismo, il culto dell’anestesia per sentimenti di solidarietà. Rispetto a questo, penso che qualunque cosa accada ci servirà, non ho dubbi che staremo meglio. Più poveri ma migliori.

ultima cosa. Un recente articolo di Il New York Times Racconta il boom negli Stati Uniti delle app per trovare un partner per una relazione seria ea lungo termine. Non dirci che Covid ha boicottato la tendenza dell’amore disponibile, con app per incontri sessuali rapidi e narcisistici …

Sigillare, sigillare ecc. Solleva molte domande a questo riguardo. Direi che nel contesto della rivoluzione digitale, oltre all’e-commerce, all’e-governance e all’e-learning, avremo sicuramente l’e-love. Fondamentalmente, questo ci dice che di fronte a momenti complessi, dobbiamo stringere relazioni che abbiano valore e consentano un progetto a lungo termine.

È scomparso da molto tempo, giusto?

Sì, perché non ci siamo resi conto del valore delle cose che ci circondano. Era consumato e bruciato, come nelle relazioni amorose. Ora penso che ci sia un ritorno alla pianificazione ed è questo ritorno alla pianificazione che ci dà un’idea del futuro.

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close