scienza

Non ci sono standard per tutto, perché non vuoi usare l’Istat?

“In Covid compaiono i dati, infatti sarebbe più opportuno vedere il contesto socio-economico in cui si sta diffondendo il virus: la struttura per età della popolazione, le unità locali delle aziende attive, i dati della mobilità e delle relazioni sociali … Altrimenti si parla solo di Covid, che è riuscita a ridurre Rischi, ma è sempre difficile attuare interventi efficaci perché più mirati e precisi. Guardando le tabelle pubblicate ogni giorno dall’Istituto Superiore di Sanità e CTS, l’ex presidente dell’Istat, Luigi Biggeri, ora professore emerito di statistica all’Università degli Studi di Firenze, non fa mistero dei suoi dubbi sulla completezza, affidabilità e fruibilità di questi dati.

Perché non la convincono Numero di feriti, casi ospedalieri, recupero e decessi? Non ci dicono come si sta sviluppando l’epidemia?

Non può essere spiegato facilmente. A partire dal numero di lesioni dipende dal numero di tamponi, che a loro volta non sono stati definiti con precisione. È stato eseguito per sospetta diagnosi o attività di screening? Dopo di che cosa significa ferito? Abbiamo interpretazioni diverse da regione a regione e da origine a origine, non esiste uno standard uniforme. Si torna persino a dire che non dovresti cancellare i sintomi che costituiscono il 70-80% dei positivi, e la definizione di stretto contatto è troppo volubile. Nella statistica, invece, sono necessarie definizioni e dati accurati per interpretare correttamente i fenomeni.

L’ospedale o la terapia intensiva non sono accettati?

Si ritiene che questo sia il dato più importante e accurato ed è correlato al numero di morti, ma anche in questo caso i numeri sono errati e non sufficientemente dettagliati. Dati forniti in ricoveri ospedalieri o in terapia intensiva Sono azioni, non flussi. Determinano quante persone sono infette, ma poi non ci dicono esattamente dove andare, perché i pazienti lasciano la terapia intensiva o perché si riprendono o purtroppo muoiono. Lo stesso vale per i decessi.

READ  Di cosa hai bisogno in questo momento?

Perché?

Se non sappiamo dove stanno morendo, e purtroppo non ci dicono se la morte è avvenuta in terapia intensiva, in isolamento domiciliare, in RSA …, come possiamo analizzare e spiegare meglio il fenomeno e le dinamiche dell’epidemia?

I numeri ci perseguitano ogni giorno. I dati spaziali dell’epidemia sono il miglior uso?

No, questo è il principale svantaggio. Abbiamo dati molto approssimativi e non abbiamo definizioni molto precise. Le informazioni sono raccolte a livello delle singole ASL, ma gli aspetti dell’epidemia dovrebbero spingerci a conoscere numeri regionali più dettagliati, soprattutto a livello dei sistemi aziendali locali.

In effetti, si è discusso molto sull’accuratezza dei dati ed è stata lei a suggerire, in termini di tracciamento per buffer, l’utilizzo di sistemi aziendali locali. Perché?

Le Norme locali del lavoro 610 definite dall’Istat sono “aree regionali delimitate da un insieme di comuni legati tra loro da flussi quotidiani di movimento per finalità di lavoro e studio”. Ovviamente, se si verifica un’infezione, sia essa asintomatica o asintomatica, si muove principalmente all’interno di quelle aree. Pertanto, non è necessario fare affidamento su interrupt e nemmeno su ASL. Ammettiamo che l’epidemia sia comparsa, non basta dire che ha avuto origine nella regione RSA. È essenziale considerare il sistema aziendale locale che è stato sviluppato, come questo sistema è organizzato, cioè se è aperto o chiuso, se il virus si sta diffondendo e come si sta diffondendo. Perché è a questo livello che sono disponibili anche altri dati – livello di personale, intensità di mobilità, ecc. – che aiutano a capire se questo focolaio può diventare pericoloso o meno. Se l’allarme si attiva, è possibile eseguire il monitoraggio completo.

READ  Di cosa hai bisogno in questo momento?

Ma questi dati sono disponibili? Chi può fornirli?

Si scoprono, dovrebbe essere l’Istituto Superiore di Sanità a livello comunale ei sistemi locali del lavoro sono i raggruppamenti dei comuni. Quindi raccoglili e basta. Una richiesta in tal senso è stata avanzata mesi fa dal presidente dell’Associazione Italiana di Statistica e dal sottoscritto.

nessuna risposta? E perché in questa seconda ondata non si tiene conto dell’ipotesi di lavorare sui dati dei sistemi aziendali locali?

All’epoca, si giustificarono dicendo che dipendeva dall’urgenza e dalla delicatezza della situazione. Ma da allora sono passati diversi mesi ed è stato possibile prepararci e correggere questo difetto. E onestamente non capisco perché non lo fai.

Non pensi che i numeri approssimativi contribuiscano alla diffusione di un’ansia eccessiva?

Creare panico con dati di difficile interpretazione non è una buona cosa, perché possono offrire la loro parte a chi sa dire tutto e ribaltare tutto.

Abbiamo adottato “statistiche” più accurate per l’epidemia in precedenza, ne trarrebbero beneficio anche misure di mitigazione e contenimento?

Certamente sì, perché gli interventi, che dovrebbero essere condotti localmente e altamente mirati sia nel tempo che nello spazio, soprattutto nello spazio, dipenderanno da un insieme di informazioni più esplicito.

Secondo il presidente dell’Accademia dei Lincei, il calcolo dell’indice Rt non è affidabile. Cosa pensi? Posso trovare un altro indice?

Sono d’accordo. È inaffidabile, è vero, perché le definizioni ei dati dei singoli fenomeni che compongono l’indice Rt sono imprecisi e cambiano con l’evolversi dei fenomeni. Non credo che ci sia un altro indice migliore, quindi i dati che portano a RT devono essere migliorati.

Qual è la tua idea dei 21 indicatori utilizzati da Control Room e CTS? È davvero utile monitorare la situazione e aiutare a prendere le decisioni più appropriate? Garantiscono la tempestività?

READ  Di cosa hai bisogno in questo momento?

Purtroppo il tempismo non è così. Si tratta però di indicatori molto utili, che devono essere visti nel loro insieme, anche se alcuni di essi presentano difetti, a causa dei dati su cui si basano. Ci sono anche indicatori che vale la pena discutere.

Per esempio?

Tasso di occupazione nei luoghi di terapia intensiva. È importante, ma dipende sempre da quanti posti ci sono, quanti posti vengono attrezzati e quanti posti abbiamo dovuto aggiungere per aumentare la capacità complessiva. Se queste nuove capacità vengono accelerate, la situazione generale migliora.

Sei d’accordo con chi sostiene che studiare la pandemia sia solo il 50% dei poteri delle scienze della salute, perché un altro 50% include altre discipline scientifiche?

Questo approccio multidisciplinare è indispensabile.

Se dovessi dare un segnale per migliorare la qualità delle statistiche sull’epidemia, cosa consiglieresti?

Migliora i flussi e i dati regionali e li evidenzia sulle mappe. I dati incompleti possono essere modificati gradualmente.

(Marco Piscilla)

© Riproduzione riservata

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close