Sport

Nubian Planet Rugby of the Year

Ottenere la possibilità della prima squadra fa parte della battaglia in corso per molti aspiranti al rugby, ma nel 2020 queste stelle nascenti ne hanno fatto un successo.

I loro sforzi stellari non sono passati inosservati qui al Planet Rugby, quindi abbiamo raggruppato il XV insieme, che sebbene non abbia maiuscole, compensa la qualità.

Eccoci qui …

Neofiti generali

15 Hugo Kenan (Irlanda e Leinster): Il 2020 è stato indimenticabile per il ritorno del giovane Leinster che ha goduto di lunghi minuti per il boicottaggio, che ha coinciso con la possibilità di una maglia verde contro l’Italia a ottobre. Ha sicuramente colto questa opportunità con entrambe le mani mentre ha segnato due tentativi in ​​una vittoria per 50-17. L’attaccante 24enne, che può giocare come terzino o esterno, è finalmente arrivato alla grande.

14 Louis Reese Zemet (Wells e Gloucester): Piccole menzioni di andare al favoloso Padiglione irlandese di Londra Olly Hassel Collins E il Tom Wright Dei Brumbies dopo anni buoni, Hassel Collins in particolare ha avuto gli occhi spuntati per lo sbiancamento. Tuttavia, è impossibile non scegliere Rees-Zammit qui perché la star di Gloucester ci ha entusiasmato per tutto il 2020 e all’età di 19 anni ha un futuro luminoso davanti a sé.

13 Ole Lawrence (Inghilterra e Worcester Warriors): Che forza ha il 21enne Worcester Center e ci siamo divertiti a vedere i suoi progressi negli ultimi 12 mesi, incluso il suo arco con l’Inghilterra. I credenti in Sixways sanno tutto dei suoi talenti e sono felici di vederlo ora riconosciuto nella fase di prova. È davanti alla Georgia Gyorgy KveseladzeE il Regina Tobaya (Presidenti) e il 20enne France Centre e Bordeaux Begles Yoram MofanaChi pensavamo fosse a suo agio nella finale della Fall Nations Cup.

12 Hunter Pisame (Australia e rossi): Paisami era nel mucchio di cenere al Melbourne Rebels, dove faceva parte della loro prima squadra nel 2018 ma non ha mai avuto la possibilità di mostrare cosa poteva fare a livello di Super Rugby prima del suo rilascio. Dopo un anno nella natura selvaggia, Paisami ha avuto la possibilità di lasciare il segno ai Reds all’inizio di questa stagione e cogliere l’opportunità con entrambe le mani, consolidandosi nel team iniziale della franchigia con diverse ottime prestazioni, che a loro volta hanno portato a ottime prestazioni di Audition con l’Australia.

11 Caleb Clark (Nuova Zelanda e Blues): L’ex superstar degli All Blacks Sevens è venuto alla ribalta con diversi notevoli sforzi offensivi dei Blues nel Super Rugby Aotearoa, che gli è valso un richiamo per le Tri Nations neozelandesi mentre continuava la sua prestazione impressionante. Portando palle esplosive e devastanti, con velocità di combustione, la capacità del 21enne di battere i difensori lo ha reso uno dei preferiti dei fan con la sua franchigia e sulla scena internazionale, diventando l’ultimo numero 11 lontano dal nastro trasportatore di tutti. I neri.

10 Ewan Lloyd (Wells e Bristol Bears): Due giocatori che vanno citati subito sono l’Italia mezza mosca Paolo Jerbisi, Chi è stato portato al rugby internazionale come un’anatra nell’acqua, la prospettiva calda di Tolon e Francia Louis Carbonell, Ed entrambi hanno avuto anni buoni. Tuttavia, stiamo guardando fuori dagli schemi qui per includere un particolare Lloyd, il versatile splitter Bristol Bears che ha diviso le difese per tutta la stagione. È stato un piacere da guardare ed è stato davvero ricompensato con una convocazione alla squadra gallese, dove ha fatto il suo debutto ad ottobre, trascorrendo 12 mesi incredibili.

READ  Giro d'Italia e Nepal a Biancavalo per riaprire il Giro

9 Stephen Farney (Italia e Gloucester): Probabilmente è la maglia più difficile da prendere in mano perché nel 2020 i giovani numero nove sono scarsi in classifica. Sanel Nohamba Ha impressionato gli squali in Sud Africa, ma qui andremo a Varney, 19 anni, l’anno in cui si è fatto un nome facendosi un nome a Gloucester e poi vincere il suo primo titolo con l’Italia è difficile da ignorare. Non male per un adolescente.

8 Hoskins Sutoto (Nuova Zelanda e Blues): sebbene Harry Wilson Anche i Reds e l’Australia hanno apprezzato e hanno avuto più tempo a giocare sul palcoscenico internazionale, le affermazioni di Sototo non possono essere ignorate poiché ha catturato l’attenzione con una serie di grandi prestazioni durante la stagione del Super Rugby amputato e ha continuato a guardare alla grande nel blues al Super Rugby Aotiarua. Beato, un atleta affermato, Sototo con una velocità di rotazione superba e un set di abilità superbo, ha approfittato di tutti questi tratti e ha dato un mal di testa alle difese dell’avversario prima di premiarlo con la convocazione di All Blacks in Tri Nations. È stato trovato un sostituto a lungo termine della Nuova Zelanda per Kieran Reed in pensione.

7 Will Connors (Irlanda e Leinster): Una delle stelle nascenti del gioco irlandese, che proveniva dalle fila di PRO14 Leinster, il 24enne è il prototipo dell’ultima fila moderna, forte nelle formazioni, portatore di palla solido e difensore eccezionale. Sono state quelle caratteristiche che gli hanno valso un superbo ricordo di Andy Farrell al Campionato Sei Nazioni all’inizio dell’anno, e sebbene abbia dovuto aspettare fino a ottobre per il suo primo test – in una partita del Sei Nazioni riprogrammata contro l’Italia – è valsa la pena aspettare perché ha dimostrato di avere quello che aveva. Necessario al livello superiore. Ha continuato a rappresentare il suo paese in cinque prove e deve diventare sempre più forte.

READ  Tuchel e Allegri sono stati contattati in merito alla rosa di cinque candidati dell'allenatore, Declan Rice LATEST

6 Alfie Barberry (Inghilterra e vespe): Attualmente messo da parte per un infortunio alla caviglia, il 20enne ha lasciato il segno inizialmente come prostituta per la squadra di Vespe e Inghilterra U20 prima di passare all’ultima fila. L’influenza di Barberry nella sua nuova posizione è stata immediata e dopo essere apparso in panchina al suo debutto in Premier League contro il Worcester, ha segnato una tripletta al suo debutto contro il Leicester. Questo gli è valso una convocazione per la squadra inglese nella Coppa delle Nazioni Autunnali, e anche se doveva ancora fare il test dell’arco, ciò non lo ha scoraggiato poiché ha anche recitato nella vittoria della Coppa dei Campioni sui Draghi e sul Montpellier. Shane Lewis Hughes (Cardiff Blues) e Ileg Law (Bulls).

5 Colin Grace (Nuova Zelanda e crociati): Blocca i ribelli di 21 anni Trevor Hosea Può tenere la testa alta dopo un anno impressionante in Australia, ma c’è qualcosa di speciale in Grace. Ogni volta sembra un attaccante crociato perché si adatta perfettamente al modello, con la sua capacità di giocare in lato cieco e in seconda fila che si aggiunge ai suoi numerosi attributi. Guarda da vicino questo giovane nei prossimi anni.

4 Topo Faye (Nuova Zelanda e uragani): All’inizio di quest’anno, c’è stata un po ‘di crisi in Nuova Zelanda mentre hanno lottato per trovare un rinforzo in seconda fila per Sam Whitlock e Patrick Tuepolotto, dopo che Brody Ritalik si è preso una pausa e Scott Barrett ha perso per infortunio. Vaa’i, un ventenne che è stato uno dei pochi positivi per i Chiefs durante la stagione del Super Rugby Aotearoa, è caduto nell’oblio. Un buon operatore dotato di grande sportività e occhio per la serie positiva, come dimostrato quando ha segnato la sua prima prova nella sconfitta contro l’Australia a Brisbane, ha decisamente giustificato la fiducia mostrata in lui dall’head coach degli All Blacks Ian Foster. Kylian Gerache Lione e Francia sono state le seconde migliori.

READ  Sassuolo Inter gol 0-2 con Sanchez e autogol di Cheriches Diretto

3 Joshua Zeluke (Italia e Zebre): Zilocchi è uno dei tanti giovani italiani ad aver conquistato una lunga permanenza in campo internazionale dall’allenatore azzurro Franco Smith ed è stata sicuramente una storia di successo poiché è riuscito a relazionarsi bene contro avversari più esperti. Come la maggior parte dei vogatori italiani, Zilocchi tiene bene la presa, ma il suo gioco non è solo spingere nel set fermo perché lavora bene anche con la palla in mano e non si sottrae ai suoi doveri difensivi. In così giovane età come un tutore, c’è una vera promessa qui.

2 Tom Horton (Australia Warata): Prostituta neozelandese in aumento Tyrone Thompson Ha sicuramente lasciato il segno con alcuni fantastici tentativi nella Mitre Cup 10, ma abbiamo scelto Horton, che ha consolidato il suo posto nella formazione di partenza per Waratah dopo aver fatto il suo debutto in questa stagione in Super Rugby. Prostituta itinerante, forte anche nello svolgimento dei suoi doveri di base, il buon gioco a tutto tondo di Horton gli è valso una chiamata al più ampio gruppo di allenamento australiano e, se avesse continuato il suo percorso attuale, sarebbe diventato un Wallaby.

1 Angus Bell (Australia Warata): Ha solo 20 anni, ma ha già fatto tre presenze con l’Australia e ha fatto il suo debutto internazionale in una vittoria di prova contro gli All Blacks a Brisbane all’inizio di quest’anno. L’ascesa di Bell è stata veloce. Esattamente un anno fa, non aveva ancora fatto il suo debutto nel Super Rugby, ma dopo aver spuntato quella piazza – dalla panchina contro i Crusaders a Christchurch – non si poteva guardare indietro alla prima fila di talento. Venire prima Danilo Fichte, Bene anche con Zebri e con l’Italia.

Antonello Capone

"Amichevole drogato di caffè. Professionista di viaggio. Fanatico di zombi. Piantagrane. Gamer. Analista. Specialista di pancetta. Scrittore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close