Mondo

Oggi il Congresso ha il voto finale nelle elezioni del 2020. Ecco come funzionerà.

Gli elettori hanno votato. Gli Stati hanno contato i voti. Le sfide furono ascoltate e respinte. il Il collegio elettorale fatto Il presidente eletto Joe Biden vittoria completamente ufficiale.

Tempo per Presidente Trump le ripetute e infondate accuse di frode sono finite, ma questo non significa che il dramma sia finito. I legislatori seguono una linea temporale arcaica che stabilisce la Costituzione e la legge degli Stati Uniti per nominare Biden presidente.

Proprio come allora il vicepresidente Biden ha supervisionato il conteggio dei voti elettorali che hanno dato a Trump la Casa Bianca Nel 2017 sarà ora il vicepresidente Mike Pence, fedele soldato di Trump negli ultimi quattro anni, ad annunciare il conteggio dei voti che rende ufficialmente Biden il vincitore. Scopri di più qui.

E i repubblicani dovranno scegliere fino a che punto vogliono seguire Trump nella sua tana delle teorie del complotto.

I legislatori avranno l’opportunità di sollevare obiezioni al voto, proprio come hanno fatto alcuni democratici nel 2017. Ma mentre quelle obiezioni sono state facilmente respinte nel 2017, i senatori repubblicani potrebbero, se lo desiderano, ritardare il processo. quest’anno e costringono Camera e Senato a votare sui singoli punti.

Ecco uno sguardo a cosa accadrà oggi:

  • I voti elettorali vengono contati al Congresso.
  • I membri della Camera e del Senato si incontreranno alla Camera della Camera. Il presidente del Senato – questo è Pence – presiederà la sessione e le votazioni elettorali saranno lette e conteggiate in ordine alfabetico da due candidati ciascuno della Camera e del Senato.
  • Quindi consegneranno i loro conti a Pence, che annuncerà i risultati e ascolterà le obiezioni.
  • Se ci sono obiezioni, la Camera e il Senato le considerano separatamente per decidere come contare quei voti.
  • Ci sono 538 voti elettorali – uno per ogni membro del Congresso e senatore più tre per Washington, DC. Se nessun candidato ottiene la maggioranza – cioè 270 – allora i 435 deputati decidono sull’elezione. Ogni stato ottiene un voto. Quindi, mentre ci sono più democratici alla Camera, i repubblicani controllano più delegazioni statali al momento, quindi è possibile che la Camera possa scegliere Trump anche se c’è una maggioranza democratica.
  • La Camera ha tempo fino a mezzogiorno del 20 gennaio per scegliere l’oratore. Se non possono, sarebbe il vice presidente o la prossima persona idonea nella linea di successione presidenziale.
READ  Coronavirus in Francia: oltre 33.000 contagi e 425 morti: il blocco esteso per due settimane. Registrato nel Regno Unito: oltre 33mila feriti

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close