Divertimento

Oggi, mi manca andare al cinema

Marco Tullio Cicerone ha detto: “Se hai un giardino e una biblioteca, hai tutto ciò di cui hai bisogno”.

Il vecchio Marcus avrebbe potuto parlare di come gestire questi blocchi pandemici, ma non lo fece.

Per fortuna ho una biblioteca domestica, ma non ho un giardino. E non posso andare un’altra primavera senza trapianto. Questo mi ucciderà.

Ma c’è ancora una cosa che non molti di noi hanno bloccato: io e te, chiunque non possa rischiare di contrarre il temuto virus.

Sta andando ad un appuntamento al cinema.

Non intendo sedermi a casa in streaming di film sullo schermo video.

Intendo film sui popcorn. Quel raduno di estranei nell’oscurità. È magia sullo schermo.

Andare al cinema non è solo sedersi sul divano, mandare messaggi al telefono, premere il pulsante di pausa in bagno e fare uno spuntino. Ed è tutto su quanto sia meglio trasmettere a casa che andare allo spettacolo?

non meglio.

Mi manca andare a casa al cinema per un appuntamento al buio. E poi, magari un po ‘di torta e caffè, o un drink, per parlare di quello che abbiamo appena visto. Se hai visto un film particolarmente bello, potresti sentire questa sensazione di vuoto dentro di te mentre entri in macchina e affronti tutto. Mi manca anche quello.

Una volta volevo fare film e sono andato a una scuola di cinema a Chicago. Il capo dipartimento, Tony Loeb, e l’insegnante Young Freeman, che insegnava sceneggiatura, erano ottimi insegnanti.

Un pomeriggio ci hanno raccontato come funziona la magia nel cinema. Hanno detto che si trattava di radunarsi al buio. Una folla sconosciuta di sconosciuti, che comunica silenziosamente tra loro in silenzio, in una meravigliosa cattedrale cinematografica.

READ  La famiglia Berlusconi guarda al matrimonio di Luigi

Non erano uomini religiosi, ma sembrava una religione. Conoscevano il potere dell’oscurità sconosciuta. Questa è la sensazione debole ed estenuante che potresti provare quando te ne vai, se sei fortunato.

Hai mai sentito il vuoto in te dopo aver visto un grande film? Stupito dalla forza che hai provato, questa sensazione che condividi senza parole con altri che non conosci e che potresti non rivedere mai più?

A me è successo dopo i film d’autore, come “La Strada” e l’altro triste italiano del vecchio che ha perso il suo appartamento e non voleva abbandonare il suo cane. Umberto D. Era chiamato.

A me è successo dopo Hell or High Water con Chris Pine, Jeff Bridges e il grande Ben Foster. Dopodiché, ho avuto bisogno di un po ‘di tempo per conto mio, per fumare e godermi il vuoto.

Anni fa, Betty e io abbiamo avuto un terribile dibattito in centro dopo aver visto “Sophie’s Choice”, un film fantastico ma triste sull’Olocausto e una scelta che nessuna madre dovrebbe fare. Ricorda, il film ci ha raggiunto.

Quando i nostri figli erano piccoli, li abbiamo portati a guardare uno dei film di Narnia dai romanzi del grande etico cristiano CS Lewis. Era “Il leone, la strega e l’armadio”. Stava soffiando una tempesta di neve. Il palco era quasi vuoto. Quando Aslan il Leone si è arreso al sacrificio sull’altare del male, ho visto i loro volti che guardavano lo schermo.

Non sapevano delle icone. Non sapevano chi rappresentasse il leone. Non sapevano che Aslan sarebbe risorto e avrebbe sconfitto la morte. Tutto quello che sapevano era orrore, mentre moriva su quell’altare con demoni che ridevano intorno. Stavano piangendo.

READ  Le riprese di Mission Impossible con Tom Cruise sono vietate a Venezia

Ma le lacrime fanno parte della vita. E la paura. Andava bene anche perché ho letto il libro e ho capito che sarebbe andato bene, per Aslan e per i miei figli.

Dopo la fine del film, dove siamo rimasti un po ‘nel parcheggio, è rimasta anche un’altra famiglia con bambini. La loro madre era un pastore, un pastore della Southside Black Church che ha camminato fino alla periferia occidentale in modo che i suoi figli potessero vedere il film. Anche a lei piaceva, e anche a lei. Quando ha iniziato a dire ai suoi figli e ai nostri chi rappresentava il leone, mi ha lanciato uno sguardo interrogativo come se chiedesse se doveva continuare.

Ho annuito e ho sorriso. Sorrise di nuovo, un caldo bellissimo sorriso di bontà venne da lei. La nostra famiglia non la dimenticherà mai. Di notte nevicava. Grandi e morbide squame caddero sui suoi capelli neri, sulla sciarpa e sulle mani mentre parlava dolcemente di Aslan.

Se l’avessimo mai vista a casa, non l’avremmo mai incontrata.

Non esiste andare al cinema.

Tino Piazza

"Esploratore. Esperto generale di alcol. Appassionato di Internet. Sostenitore dei social media. Cadute molto. Specialista televisivo professionista."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close