Sport

PRIZIO IN FV, ecco Cesare, oh uomo che è indimenticabile

indietro Cesar Prandelli A Firenze ha portato un’ondata di entusiasmo, ma non solo tra i tifosi. C’è, infatti, un giornalista che ha un rapporto speciale con l’allenatore di Orzinuovi: “Con Cesare – dice Stefano Brizio Esclusivamente per FirenzeViola.it – C’è una grande amicizia. Ci sentiamo ancora: è una persona disponibile, calma e di buon senso in Bresian. In breve, rappresenta l’etica del lavoro e la gentilezza dell’uomo di campagna “.

Brizio, qualche anno fa ha scritto anche un libro su Prandelli.
“Sì, nel 2008. Era la sua autobiografia, la storia della sua carriera calcistica. È stato bello perché abbiamo raccontato, con Marco Pucciantini, i luoghi dove sono nati Cesar e Urzinovi. Siamo andati lassù e siamo stati ben accolti dagli amici e dalla mamma. Presentata e allenata, infatti le sue amicizie più intime si sono incontrate. Il libro è stato un successo, è andato benissimo, poi nonostante l’addio non tanto pacifico che ha avuto, la Fiorentina della Valle è stata ed è ancora nel cuore dei fiorentini, perché Firenze è entrata nel loro sangue. Penso che il suo ritorno, Che non mi aspettavo, è stata la scelta giusta in questo momento. ”

Puoi raccontarci una storia sulla tua amicizia?
“La cosa più cara risale a qualche anno dopo aver salutato, quando mi sono ammalata e ho sofferto di momenti molto difficili. Cesar è venuto a trovarmi in ospedale e ricordo ancora i sentimenti delle persone che a poco a poco hanno sentito la sua voce e hanno capito che era lui. Ma è venuto anche a trovarmi a casa, tra l’altro I miei figli erano lì: Giorgio il Vecchio era ossessionato dal calcio e indossava una nuova maglia della Fiorentina, non quella di Cesar., Con la quale giocava da tempo. Trovarla davanti è stata una gioia per lui. È stato bello perché le persone che lasciano il mondo del calcio spesso non tengono Sulle relazioni, mentre lo fa “.

READ  L'ultima seduzione dell'Inter, Sanchez-Lukaku-Lotaro Trident

Cosa ne pensa invece dell’attuale Fiorentina?
“È decisamente migliore dell’ultima Fiorentina di Iacini, prima che la stagione riprenda. Ha una qualità superiore e credo che Prandelli ce lo dimostrerà, da uomo razionale che metterà i giocatori nel loro ruolo e tirerà fuori il meglio di loro. Vedremo una squadra molto migliore di quella che abbiamo visto nell’ultima parte di Iachini. E non ci vorrà molto. “Potrebbe essere uno scherzo. Penso che la posta in gioco di Iachini fosse solo figlia della sua disperazione, era frustrato non poter vincere la carriera”.

A quasi un anno e mezzo dal tuo arrivo, qual è la tua idea di Rocco Comiso?
“Ho semplicemente vissuto l’accesso di Rocco come un accesso liberatorio, e soprattutto per i problemi che ho avuto con Della Valle, che mi hanno rovinato la vita. Ovviamente è inutile illudersi che entrare nel calcio italiano sia facile. Si concentra troppo su se stesso”. Perché si è fatto e quindi ha una difficoltà in più a mettersi in questo modo. Detto questo, penso che voglia una squadra di calcio di tutto il suo essere e si stia divertendo, è tutto diverso dai vecchi possedimenti. Quindi penso che, se non oggi, il suo divertimento sarebbe divertente per i tifosi. L’unica cosa che posso fare con lui è che anche lui deve imparare un po ‘. Tornando a Prandelli, Break with Della Valle, era il risultato di lui che chiedeva di provare a far crescere la squadra, che stava ottenendo ottimi risultati, e quindi provava quel salto in più. Beh, immagino se fosse … Questa richiesta, in quel momento gioioso, lo indirizzava a Rocco, Tatto sarebbe stato soddisfatto “.

READ  L'ultima seduzione dell'Inter, Sanchez-Lukaku-Lotaro Trident

Antonello Capone

"Amichevole drogato di caffè. Professionista di viaggio. Fanatico di zombi. Piantagrane. Gamer. Analista. Specialista di pancetta. Scrittore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close