Economia

Ristoro Quarto, scadenze fiscali differite per la compensazione dei lavoratori stagionali

Quarto decreto in un mese. 108 miliardi stanziati nel 2020

Quattro cerimonie in restauro in poco più di un mese. Quest’ultimo è stato discusso nella notte dal Consiglio dei ministri riunitosi ieri alle 22:30 in attesa del ritorno di tutti i ministri nella capitale. Con gli 8 miliardi di quarto finanziamento, il miliardo distribuito da tutti i decreti Restore sale a 18 miliardi, a partire dal 28 ottobre. Ci sono 108 miliardi di deficit stanziati nel 2020, dallo scoppio della pandemia in poi.
L’essenza del programma quadruplo RESTI è posticipare alla primavera le scadenze fiscali, che sono state estese anche alle società e ai numeri di partita IVA che hanno subito riduzioni significative delle loro vendite (almeno il 33% nel primo semestre di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2019), espandendosi così Oggetto dell’imposta. Il pubblico dei beneficiari dei precedenti decreti Resty, limitati alle attività chiuse o soggette a vincoli (a cui il Programma RelastiRetire aggiunge altri codici Ateco, come gli agenti commerciali) Questa disposizione è integrata da una serie di misure per facilitare le attività di raccolta, a partire dal differimento dei pagamenti previsto nei programmi di rottamazione E “bilanciare e rimuovere” le fatture. Vengono riaperte le condizioni anche per coloro che sono decaduti dalla precedente rottamazione e interruzione dell’azione esecutiva per chi è in disagio economico. Poi c’è una serie di indennità per i lavoratori stagionali nel turismo, tempo libero e sport. Inoltre è previsto un fondo di 500 milioni per il settore fiere e congressi e altri 62 milioni per polizia e vigili del fuoco. Sarà utilizzato per indennità e straordinari. Infine, 250 milioni andranno ai territori per aiutarli a gestire il debito.
Da un lato, l’espansione della platea dei beneficiari di borse di studio non rimborsabili sostenute da M5S è stata posticipata al 2021 (il programma Resty Ritter prevede una Cassa Compensativa) che voleva espandere la compensazione per includere attività (compresi i professionisti) che avevano subito forti cali. In entrata anche se non sei tra quelli soggetti ai vincoli previsti da Dogana e Protezione Frontiera. Se ne discuterà con un prossimo decreto, il “Ristorante 5”, che potrà essere varato previa approvazione parlamentare della Legge Finanziaria 2021, facendo leva sui 3,8 miliardi di fondi Covid in essa contenuti.

READ  Polline: Sinagra, 9 punti critici per scelta informata - Friuli VG

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close