Le notizie più importanti

“Se il collegio elettorale nomina ufficialmente Biden, me ne vado” – Corriere.it

Inganno, bugie, frode. Hai perdonato tutto? Donald Trump sta iniziando a regolare i conti, dal suo punto di vista, con investigatori e giudici che prima hanno indagato e poi condannato un folto gruppo di lealisti. La Costituzione gli dà il potere di rinviare o perdonare i crimini contro gli Stati Uniti. Ma la vera domanda ora è se Trump l’ha fatto intenzione di utilizzare, per la prima volta nella storia, questa opzione per garantire l’immunità legale, dopo aver lasciato la Casa Bianca. Ieri lo ha detto per la prima volta il presidente uscente se ne andrà se il collegio elettorale nominerà ufficialmente Biden il 15 dicembre. Trump, tuttavia, non ha rivelato se sarà presente il giorno dell’inaugurazione, il 20 gennaio 2021.

In ogni caso, anche Letitia James, Procuratore generale, Procuratore dello Stato di New York e Cyrus Vance, Procuratore distrettuale capo di Manhattan, stanno aspettando questo momento. Entrambi sono indagando in particolare sulla Trump Organization, la holding di famiglia che includono hotel, immobili, campi da golf e altre attività. Gli investigatori di New York lo sospettano Il Paperino ei suoi contabili si gonfiarono il valore delle attività per ottenere vantaggi fiscali ingiustificati dallo Stato di New York e prestiti agevolati dalle banche. L’avvocato James sta cercando da più di un anno di ottenere le dichiarazioni dei redditi dall’ex costruttore e dal suo gruppo. A è nato lungo contenzioso davanti ai tribunali, che si è concluso in Cassazione. Trump spera che la maggioranza conservatrice respinga la richiesta dei magistrati di New York. Ma anche questo probabilmente non sarebbe sufficiente per sfuggire alle indagini. Il procuratore Vance sta conservando le registrazioni delle dichiarazioni di Michael Cohen, l’ex avvocato personale, il pitbull di Trump. Nel 2018, Cohen è stato condannato a tre anni di carcere. E a questo punto, sembra aver lasciato l’orbita del suo capo. Per un po ‘si è pensato che Trump potesse perdonarlo. Non lo era, ea questo punto potrebbe anche essere inutile. Quindi ecco quello il presidente pensa a uno scudo legale, all’auto perdono. Gli avvocati si chiedono se sia possibile farlo; altri sottolineano che in ogni caso il perdono fai da te non sarebbe sufficiente a proteggere Trump dai crimini statali e non federali, come prevede la Costituzione.

READ  "Blocco in Francia da venerdì, ma le scuole restano aperte" - Corriere.it


In attesa Trump paga i debiti lealisti che non si sono arresi, anche se si sono messi nei guai con la legge. Ha iniziato mercoledì perdonando il generale Michael Flynn, il suo primo consigliere per la sicurezza nazionale, condannato per aver mentito due volte all’FBI sui contatti con l’ambasciatore russo a Washington, Sergei Kislyak.

Roger Stone è in lista d’attesa, consigliere e compagno di una vita, condannato per aver nascosto all’FBI le sue manovre per screditare Hillary Clinton. Aveva preso 3 anni e 4 mesi di carcere, poi cancellato lo scorso luglio dall’intervento di Trump. E ancora: Paul Manafort, un’altra vecchia conoscenza da The Donald e dallo stesso Stone. Nel 2106 fu per breve tempo il leader della campagna elettorale di Trump. Condannato a 7 anni e 6 mesi, da maggio agli arresti domiciliari. La lista continua con personaggi di second’ordine, come gli ex registi Rick Gates (partner di Manafort) o George Papadopoulos, consigliere nel 2016, ma ancora un Trumpian convinto, e molti altri stanno cercando di mettersi al passo. Tra questi, Scrivi la New York Times Potrebbe esserci anche Steve Bannon, lo stratega dall’inizio. Ad agosto è stato incriminato per aver intascato contributi privati ​​per finanziare la costruzione del muro al confine con il Messico.

27 novembre 2020 (modifica il 27 novembre 2020 | 01:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Narciso Borroni

"Drogato di zombi. Studente. Organizzatore. Pensatore. Appassionato di Internet. Fanatico di alcol hardcore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close