Mondo

Segnali contrastanti per la sorella del leader nordcoreano mentre Kim Jong-un cerca di cementare il potere

In questa foto fornita dal governo nordcoreano, il leader nordcoreano Kim Jong Un parla al congresso del partito al governo a Pyongyang, in Corea del Nord, venerdì 8 gennaio 2021.

????? / The Associated Press

Il nome della sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un mancava da un nuovo elenco dell’ufficio politico del Partito dei Lavoratori al potere, secondo quanto riportato lunedì dai media statali, sollevando interrogativi sul suo status dopo anni di influenza in crescita.

Domenica il partito ha tenuto le elezioni per il suo Comitato Centrale in un congresso, che fissa gli obiettivi di politica diplomatica, militare ed economica per i prossimi cinque anni.

Kim Yo Jong, la sorella di Kim Jong Un, è rimasta un membro del Comitato Centrale ma non è stata inclusa nel suo politburo, come hanno mostrato gli elenchi pubblicati dall’agenzia di stampa nordcoreana, KCNA.

La storia continua sotto l’annuncio

Nel 2017, Kim è diventata la seconda donna patriarcale nordcoreana a unirsi al politburo esclusivo dopo sua zia Kim Kyong Hui. L’agenzia di intelligence sudcoreana ha dichiarato ad agosto di essere de facto il “secondo in comando” di suo fratello.

Ma i segnali sono stati contrastanti per gli osservatori reclusi del regime. La sua assenza dalla lista del politburo arriva giorni dopo essere salito sul podio della leadership per la prima volta insieme ad altri 38 leader di partito all’inizio del congresso.

“È troppo presto per trarre conclusioni sul suo status, poiché è ancora un membro del Comitato centrale ed è possibile che abbia ricoperto altre posizioni importanti”, ha detto Lim Eul-chul, professore di studi del nord. Studenti coreani alla Kyungnam University di Seoul.

READ  American Airlines Union chiede il divieto ai manifestanti che hanno preso d'assalto Capitol Hill | Notizie sull'aviazione

L’influenza di Kim Yo Jong è cresciuta notevolmente negli ultimi anni.

Emersa come figura politica, sembrava essere la segretaria personale di suo fratello. Ha poi servito come suo inviato speciale in Corea del Sud e vicedirettore di un dipartimento del partito responsabile del personale e degli affari organizzativi.

Michael Madden, un esperto di leadership nordcoreano presso lo Stimson Center con sede negli Stati Uniti, ha detto che Kim Yo Jong gode del massimo grado di influenza sulle deliberazioni e decisioni politiche, indipendentemente dal fatto che sia o meno nel politburo. .

“Ci siamo abituati a vederla in un ruolo più pubblico, ma le radici politiche di Kim Yo Jong e la sua esperienza di carriera formativa sono dietro le quinte, non seduti su una piattaforma ad ascoltare discorsi”, ha detto. dichiara.

La storia continua sotto l’annuncio

“LA REGOLA DI UN UOMO”

Il leader Kim Jong Un ha consolidato il suo potere al congresso con la sua elezione a segretario generale del partito, prendendo il titolo dal suo defunto padre, Kim Jong Il.

Kim ha esercitato un potere quasi assoluto nel sistema dinastico nordcoreano da quando ha preso il potere dopo la morte di suo padre nel 2011.

Nel 2012, il partito ha chiamato il compianto Kim Jong Il “Segretario generale eterno” e Kim Jong Un “Primo segretario”.

KCNA ha detto che il Congresso “ha pienamente approvato” una proposta per promuovere Kim alla posizione, che ha definito “il cervello più alto della rivoluzione” e “il centro della leadership e dell’unità”.

“L’acquisizione di Kim dimostra la sua fiducia, che ora è ufficialmente entrato a far parte dei ranghi di suo padre e suo nonno”, ha detto Yang Moo-jin, professore presso l’Università degli studi nordcoreani. Seoul.

READ  A casa di Gigi Hadid, tra divani moderni e cose vecchie

“Indica anche la sua intenzione strategica di centralizzare il sistema dei partiti intorno a lui e rafforzare il suo governo unico.

La storia continua sotto l’annuncio

Le riforme della leadership del partito annunciate nel fine settimana possono sembrare apparenti agli osservatori esterni, ma sono oscuri cambiamenti nel modo in cui le politiche vengono decise e attuate, ha detto Madden.

“Questi cambiamenti hanno lo scopo di dare (Kim) grande flessibilità nel modo in cui prende le decisioni, snellendo i processi attraverso i quali le decisioni raggiungono il suo ufficio”, ha detto.

Una figura che sembrava crescere rapidamente era Jo Yong Won, appena nominato al presidium del politburo composto da cinque membri e formidabile Commissione militare centrale del partito.

Choe Son Hui, un viceministro degli esteri che è stato determinante nella preparazione di un secondo vertice fallito con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2019, è stato retrocesso.

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha promesso sforzi per aiutare a raggiungere una svolta nei colloqui di denuclearizzazione in fase di stallo mentre il presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden si prepara a entrare in carica.

Kim ha detto che avrebbe ampliato la diplomazia, ma venerdì ha promesso di sviluppare armi che includano missili balistici intercontinentali “multi-testate”, definendo gli Stati Uniti “il nostro più grande nemico”.

La storia continua sotto l’annuncio

L’esercito sudcoreano ha detto di aver rilevato segni che la Corea del Nord ha tenuto una parata militare domenica sera in occasione del congresso.

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close