Economia

Significativi flussi finanziari hanno spinto la Borsa di Milano a un altro massimo

In Piazza Affari prosegue il trend rialzista iniziato a novembre e ora si parla di rally a dicembre. L’altezza che può essere preferita è un fenomeno che si verifica nei mercati finanziari.

I significativi flussi finanziari di oggi hanno spinto la Borsa di Milano a un altro massimo. Vediamo cosa è successo oggi, grazie all’analisi odierna dell’Ufficio Studi ProiezionidiBorsa.

Significativi flussi finanziari hanno spinto la Borsa di Milano a un altro massimo

Altra seduta sull’ascesa di piazza Avari. Ad oggi, la Borsa di Milano guida il gruppo europeo di borse in termini di performance. Sembra davvero che Milano stia iniziando ad attrarre investitori stranieri. Ciò è dimostrato dal fatto che in alcune sessioni è stato il miglior listino prezzi in Europa, il che indica che il flusso di acquisto qui è maggiore che altrove.

Oggi l’indicatore blue chip, Ftse Mib (Indice: FTSEMIB), In aumento di quasi lo 0,9% a 21.622 punti. In Europa, l’indice Dax tedesco è salito dello 0,5%, a Londra il Ftse 100 è aumentato dello 0,3% ea Parigi l’indice Cac è salito dello 0,5%. L’indice paneuropeo Euro Stoxx 50 è salito dello 0,4%.

Cosa spinge la Borsa italiana? È l’aumento delle azioni finanziarie, in particolare delle azioni bancarie. Un settore sacrificato da mesi e ai minimi storici, ma che ora sembra essere nel mirino degli investitori. Non a caso oggi il titolo migliore tra le major è BPER Banca. Il titolo ha chiuso la seduta in rialzo del 6% a 1,41 €.

C’è una rotazione costante degli investimenti

È ragionevole pensare di avviare un turnover di investimenti. Rotazione sui settori produttivi e sul livello geografico. La liquidità fino alla fine di ottobre è stata un vantaggio per la tecnologia statunitense e le quote di mercato azionario. Ora, molto probabilmente, si sta spostando in Europa nei settori più strettamente legati al ciclo economico.

READ  UniCredit, un incontro tra manager. Voci: Mouster è uscito

Andiamo alla ricerca dei settori più vulnerabili alle sanzioni e delle liste più colpite. Perché? Perché sono loro che garantiscono la massima trazione in termini di arrampicata. A questo proposito, la nostra lista occupa il primo posto.

In effetti, nel corso di poche sedute, tutti i banchieri italiani hanno mostrato segni di allerta. Basta guardare l’indice Ftse Banking, ai suoi livelli più alti negli ultimi otto mesi.

Approfondimento

questo è Analisi di più giorni e analisi di mercato internazionale a cura della Divisione Ricerche di ProiezionidiBorsa.

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close