SpaceX aggiunge altri satelliti alla flotta Internet Starlink – Spaceflight Now

SpaceX aggiunge altri satelliti alla flotta Internet Starlink – Spaceflight Now
Un razzo Falcon 9 decolla dalla Cape Canaveral Space Force Station giovedì alle 3:13 EDT (0813 GMT). Credito: SpaceX

Continuando il ritmo di un lancio ad alta velocità, SpaceX ha consegnato un altro set di 60 satelliti Internet da Starlink in orbita all’inizio di giovedì dopo un decollo apparentemente impeccabile da Cape Canaveral a bordo di un razzo Falcon 9.

I principali motori a razzo Falcon 9 del Merlin 1D hanno quindi preso vita e la rampa di lancio di 70 m (229 piedi) è salita dal Panel 40 alla stazione delle forze spaziali di Cape Canaveral alle 3:13:29 EST (0813): 29 GMT) Giovedì, la settima missione SpaceX di quest’anno inizia dalla Florida Space Coast.

Accelerando per generare 1,7 milioni di libbre di spinta, i nove motori principali guidarono il razzo Falcon 9 in un percorso a nord-est della costa della Florida. Il missile ha lasciato cadere il primo stadio del suo ripetitore e ha avvolto il suo carico utile per i primi minuti di volo, quindi lo stadio superiore del Falcon 9 ha sorvolato la costa orientale prima di raggiungere un’orbita di parcheggio iniziale.

Il primo palco di 15 piani è sceso in un atterraggio immediato sul tetto dello stadio di calcio della nave drone “Just Read the Instructions” di SpaceX parcheggiata nell’Oceano Atlantico a poche centinaia di miglia a est di Charleston, nella Carolina del Sud. L’atterraggio di successo ha concluso il suo sesto volo riutilizzabile nello spazio e ritorno da quando ha fatto il suo debutto al lancio degli astronauti di SpaceX lo scorso anno.

Due navi di soccorso sono state anche stazionate nell’Oceano Atlantico per recuperare le metà del Falcon 9.

Dopo aver volato dall’altra parte del mondo, il secondo stadio del Falcon 9 ha riacceso il suo motore per iniettare in orbita 60 satelliti Starlink appropriati per il dispiegamento. Il satellite è stato lanciato per un singolo lancio alle 4:18 EST (0918 GMT) mentre navigava per 180 miglia (291 chilometri) a sud della Nuova Zelanda.

READ  Come e quando vedere una rara tripla congiunzione nel cielo notturno

I funzionari di SpaceX hanno confermato che il razzo Falcon 9 ha posizionato i satelliti Starlink in un’orbita di destinazione, concludendo il 110 ° lancio del Falcon 9 dell’azienda dal 2010 e il 94 ° volo con successo della famiglia di missili Falcon di SpaceX.

Un razzo Falcon 9 è sceso da Cape Canaveral all’inizio di giovedì in questa foto a lunga esposizione. Credito: SpaceX

Con il lancio di SpaceX giovedì, 21 missioni Falcon 9 sono dedicate al trasporto di satelliti su Starlink Internet dell’azienda. 60 nuovi Starlink lanciati giovedì, portando il numero totale di satelliti Starlink lanciati fino ad oggi a 1.265 veicoli spaziali, comprese le piattaforme prototipo non progettate per il servizio operativo.

Più di 1.100 satelliti Starlink sembrano essere operativi, riducendo i veicoli spaziali sperimentali e i satelliti in avaria, secondo un catalogo gestito da Jonathan McDowell, un astronomo e inseguitore spaziale ampiamente rispettato.

La rete Starlink potrebbe eventualmente contare oltre 10.000 satelliti, ma la prima tranche di Starlink conterrebbe 1.584 satelliti in orbita attorno a 341 miglia (550 km) sopra la Terra su sentieri inclinati di 53 ° rispetto all’equatore. SpaceX ha ricevuto l’approvazione dalla Federal Communications Commission per circa 12.000 satelliti Starlink a una gamma di altitudini e miglia, tutti entro poche centinaia di miglia dal pianeta. La bassa quota dei satelliti consente di fornire connettività ad alta velocità e bassa latenza ai clienti e aiuta a garantire che il veicolo spaziale ritorni naturalmente nell’atmosfera più velocemente che se stesse volando via dalla Terra.

Starlink offre già un servizio di prova temporaneo in regioni ad alta latitudine, come gli Stati Uniti settentrionali, il Canada e l’Inghilterra. L’ulteriore lancio di Starlink quest’anno consentirà l’espansione dell’area di copertura.

SpaceX ha annunciato all’inizio della settimana che il servizio pilota Starlink avrebbe presto iniziato a raggiungere i clienti in Germania, Nuova Zelanda e in altre regioni del Regno Unito, tra cui Galles, Scozia, Irlanda del Nord e Inghilterra settentrionale. SpaceX ha affermato che queste aree potrebbero ricevere un servizio di prova nelle “prossime settimane”.

SpaceX accetta preordini da potenziali consumatori Starlink, che possono pagare $ 99 per fare la fila per il servizio Starlink quando sarà disponibile nella loro zona. Per le persone negli Stati Uniti meridionali e in altre regioni a bassa latitudine, ciò dovrebbe arrivare entro la fine del 2021, afferma SpaceX.

READ  Le frane di Marte potrebbero essere causate dal sale sotterraneo e dallo scioglimento del ghiaccio?

Una volta confermato, i clienti pagheranno $ 499 per l’antenna e il modem Starlink, più $ 50 per la spedizione e la gestione, afferma SpaceX. L’abbonamento verrà eseguito $ 99 al mese.

I satelliti Starlink sono stati costruiti da SpaceX a Redmond, Washington, e ogni navicella pesa circa un quarto di tonnellata al decollo. È dotato di ali che generano energia solare, ioni krypton per la propulsione e maschere per attenuare la sua luminosità alle persone sulla Terra, una diluizione aggiunta ai satelliti Starlink lo scorso anno dopo che gli astronomi hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che il veicolo spaziale potrebbe distruggere alcune osservazioni telescopiche.

Come i precedenti satelliti Starlink, il nuovo veicolo spaziale rilasciato giovedì utilizzerà i suoi sistemi di propulsione per aumentare la sua altitudine sull’orbita operativa di 341 miglia di Starlink per iniziare a inviare segnali a banda larga in banda Ku ai consumatori.

SpaceX costruisce la produzione di stazioni di terra, router e altre apparecchiature da spedire ai clienti Starlink. Un elenco di lavoro pubblicato online la scorsa settimana ha suggerito che SpaceX prevede di creare un centro di produzione ad Austin, in Texas, per produrre elettrodomestici Starlink destinati ai consumatori.

La società ha presentato venerdì una richiesta alla Federal Communications Commission per approvare l’installazione di stazioni per utenti finali che chiama “stazioni di terra in movimento” o ESIM. SpaceX ha affermato nel deposito che i terminali mobili saranno installati su veicoli terrestri, navi e aerei.

I terminali mobili sono “elettricamente identici” ai terminali da 499 dollari già autorizzati dalla Federal Communications Commission (FCC) per i consumatori fissi. Il regolatore federale ha precedentemente rilasciato una licenza a SpaceX per fornire fino a 1 milione di stazioni di terra per utenti finali progettate per case, aziende, scuole, ospedali e altri tipi di clienti.

READ  Bollettino Coronavirus Emilia Romagna, 1763 nuovi positivi, 343 a Bologna. Sono stati eseguiti quasi 3.000 test sierologici

SpaceX ha scritto nel suo file con la Federal Communications Commission (FCC) che le stazioni Starlink progettate per il trasporto hanno “rack che consentono l’installazione su veicoli, navi e aerei”. Le stazioni comunicheranno con i satelliti Starlink visibili sopra i 25 gradi nel cielo.

Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha twittato lunedì che i terminali portatili non verranno utilizzati nei piccoli veicoli, come le auto Tesla, perché “il nostro terminale è troppo grande”.

“Questo è per aeroplani, navi, grandi camion e camper”, ha scritto Musk in un tweet.

SpaceX ha almeno altre due missioni Starlink programmate per il lancio entro la fine di marzo, forse di più.

Il prossimo razzo Falcon 9 è programmato per il lancio entro e non oltre le 5:44 EDT (0944 GMT) di domenica dalla piattaforma 39A del Kennedy Space Center, poche miglia a nord della piattaforma 40, il punto di lancio del lancio del Falcon 9 giovedì mattina. La missione Falcon 9 di domenica schiererà in orbita anche un gruppo di satelliti Starlink.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega