Economia

Tassare il lavoro intelligente perché è un privilegio: l’idea di Deutsche Bank

Rapporto per Banca tedesca Dice che per riavviare l’economia sarà necessario imporre tasse ai lavoratori a distanza che, secondo le previsioni, si diffonderanno a macchia d’olio dopo la fine dell’epidemia. Secondo gli autori, chi lavora da casa spenderà meno, quindi dovrà tassare il privilegio per ottenere il privilegio. Il rapporto è definito “provocatorio” e mira a suscitare il dibattito su come affrontare la transizione verso una nuova economia nell’era post-Coronavirus, ma è in conflitto con una realtà che sembra lontana dalla realtà in essa.

Tassare il lavoro intelligente: la strana idea della Deutsche Bank

Mi permetto di rompere la barriera della personalità che di solito uso per passare invece alla prima persona. Lo prendo sempre di più Il termine “consumatore” è utilizzato come alternativa complementare alla parola “cittadino”., Perché sembra implicare che l’unico diritto, l’unico dovere e l’unica caratteristica eccezionale delle persone sia il “consumo” – un termine che, inoltre, non ha alcun significato positivo. Fino ad ora Link La Deutsche Bank sembra andare in questa direzione: siamo solo consumatori e se consumiamo di meno, abbiamo meno diritti.

La proposta nella relazione lo prevede È imperativo tassare coloro che hanno il lusso di lavorare a distanza Perché si presume, senza presentare alcuna prova pratica, che chi lavora da remoto spenda meno e condivida meno nell’economia: dopotutto, telelavoro, nessun trasporto pubblico o privato, nessun pranzo fuori, niente scarpe e niente Vivi allo stesso modo (questo è, sì, è percepito come un significato negativo, dal momento che non ne acquisti di nuovi) ecc. In altre parole Non si consuma abbastanzaO almeno non consumarlo come il precedente. Immaginare di spendere i propri soldi in qualche altro modo, ad esempio per sviluppare la propria passione, e quindi partecipare all’economia nello stesso modo ma in modo diverso, sembra un’utopia.

READ  Sospensione degli esami di licenza: Avvertenza Scuola guida

Comunque, in ogni caso: chi lavora a distanza gode di benefici, indipendentemente dalla retribuzione e dal lavoro. In quanto tale, devi pagare: “Noi sosteniamo che i lavoratori a distanza dovrebbero pagare una tariffa per questo privilegio. I nostri calcoli indicano che l’importo raccolto potrebbe finanziare un aumento per coloro che guadagnano meno e non possono lavorare a distanza e quindi sono esposti a maggiori rischi legati alla ‘vecchia economia’ e alla salute. “.

Viene fornito l’esempio di un lavoratore del Regno Unito: il salario medio è stimato a £ 35.000, quindi una tassa del 5% per ogni giorno di lavoro a distanza equivale a Circa £ 7, Che è più o meno l’importo che verrebbe speso per andare al lavoro. L’azienda deve pagare l’importo se non fornisce un posto di lavoro per il lavoratore, o da quest’ultimo se ha un ufficio in ufficio. La logica è quella “Questo sistema fiscale se ne andrà [i lavoratori] Non sono in condizioni peggiori di quando vanno in ufficio “. Questo è vero, ovviamente, ma non tiene conto di alcuni aspetti chiave.

Continuando l’esempio del Regno Unito, il salario di £ 35.000 potrebbe sembrare alto, ma il costo della vita lo rende medio nella realtà. A Londra, in particolare, è uno stipendio con il quale si può affittare un piccolissimo appartamento e poco più. Al di sotto di questa soglia si è costretti a vivere in appartamenti comuni. Quindi la capacità di guadagnare 7 sterline in più al giorno può gestirlo Aumentare il proprio tenore di vita rendendolo più dignitoso E contribuire in un altro modo all’economia.

Il rapporto parla di ridistribuire le somme raccolte in questo modo alle fasce più povere della popolazione. Il problema, tuttavia, è che lo è Ci vuole da chi ha poco da dare a chi non ne ha.

READ  Sospensione degli esami di licenza: Avvertenza Scuola guida

Per ripensare l’economia, dobbiamo iniziare dalle persone

Il resto della relazione non sembra brillare perché vicino alla realtà quotidiana dei lavoratori. Parlando delle enormi disparità che esistono nella società, gli autori lo scrivono “Non ci si può aspettare che le aziende risolvano questi problemi da sole”. In effetti, è difficile pensare che stiano risolvendo i problemi che creano da soli. “Ma hanno gli strumenti a loro disposizione per guidare il cambiamento. Cosa possono fare? Oltre a fissare obiettivi per il cambiamento, le aziende devono essere responsabili di ciò che fanno. Il modo migliore per farlo è. Collega i loro obiettivi e obblighi alla retribuzione di manager e leader aziendali. “ Perché invece non imporre una migliore ridistribuzione della ricchezza per legge, in modo che i manager non ricevano bonus milionari ma i lavoratori godano di una vita migliore?

Se c’è una cosa che ci ha insegnato la deregolamentazione avvenuta dagli anni ’80 in poi, è che le aziende cercano esclusivamente il profitto perché è la loro missione, non creare maggiore giustizia sociale. laggiù Dottrina di FriedmanAfferma che le aziende dovrebbero rispondere agli interessi degli azionisti, non agli interessi dell’azienda: gli interessi degli azionisti sono aumentare i loro profitti aumentando il valore delle azioni, il che spesso significa aumentare i profitti delle società e non proteggere i gruppi vulnerabili della popolazione lavorativa. L’impressione è quella Le volpi sono tenute a stabilire norme in materia di protezione dei pollai: Non sembra una grande idea. Proprio per questo lo Stato è sempre intervenuto per cercare di tutelare i più deboli con leggi che impediscano ai più forti di beneficiarne.

Il problema con queste proposte è che vedono gli individui solo come ingranaggi meccanici che fanno cambiare l’economia, ma la miopia degli autori significa che questi ingranaggi non possono avere alcun uso diverso dalla posizione che occupano ora. Non stiamo parlando di persone con diritti al di là del loro potere d’acquisto, ma di numeri.

READ  Sospensione degli esami di licenza: Avvertenza Scuola guida

Non stiamo parlando dei diritti delle persone che lavorano da casa, lo diciamo solo I vantaggi di lavorare da casa, sia tangibili che intangibili, hanno tutti un valore. I costi generalmente superano i costi. Quest’ultimo è più che un maggiore stress psicologico rispetto al dover conciliare lavoro e figli e dover affrontare una situazione di ufficio a casa imperfetta. Questi costi non devono essere sottovalutati, Ma di solito è piccolo rispetto ai vantaggi “. Tuttavia, non è stato detto che lo stress aggiuntivo ha un impatto sulla vita personale che può essere maggiore del risparmio e che è difficile verificare il rispetto dei diritti dei lavoratori, che nessun contatto umano al di fuori della famiglia (quando presente) può influire negativamente sulla salute mentale delle persone, ecc. . Ha anche scritto che lavorare da remoto porterebbe a una maggiore sicurezza nel mantenere il suo lavoro, ma questo non è determinato da alcuna logica.

Sostenere chi vedrà diminuire il proprio fatturato o verrà annullato a causa dell’allontanamento dei lavoratori dai centri cittadini è un nobile intento. Invece di introdurre un sistema fiscale bizantino per coloro che lavorano da remoto, potrebbe essere utile Ripensare il sistema economico dalle sue radici.

Il pericolo di vedere i cittadini come consumatori sta creando una società come quella in cui è rappresentato Futureland Di Walter Mosley: Solo chi ha un lavoro può consumare e solo chi può consumare ha dei diritti. Gli altri sono numeri.

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close