Economia

Tasse digitali discriminatorie negli Stati Uniti, in India, in Italia e in Turchia

(Bloomberg) – Gli Stati Uniti hanno dichiarato che le decisioni di India, Italia e Turchia di tassare le entrate nazionali dei giganti di Internet come Facebook Inc. Discrimina le società statunitensi, ma per ora non intraprenderà azioni contro i paesi.

L’ufficio del rappresentante per il commercio degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che le tasse “contraddicono i principi prevalenti della tassazione internazionale, che gravano o limitano il commercio degli Stati Uniti”. Ha detto che anche se non si sarebbe vendicato ora, avrebbe “continuato a valutare tutte le opzioni disponibili”.

Questi paesi sono tra i tanti che hanno imposto le cosiddette tasse sui servizi digitali, o commissioni sulle vendite interne di società, tra cui Alphabet Inc. In Google.

A giugno, l’Ufficio del Rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha avviato indagini sui movimenti di almeno 10 paesi, citando la sezione 301 dell’US Trade Act del 1974, che gli consente di reagire contro pratiche commerciali che ritiene sleali. È lo stesso strumento utilizzato per giustificare le tariffe statunitensi sulle merci cinesi per presunti furti di proprietà intellettuale.

Se gli Stati Uniti decidono di imporre dazi sulle importazioni da questi paesi, sarà probabile che spetterà all’amministrazione Biden entrante attuare tale decisione, poiché il tempo si esaurisce per l’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti in carica per preparare elenchi tariffari e passare attraverso un periodo di commento pubblico prima che i dazi entrino in vigore.

I piani per un accordo internazionale sulla tassazione digitale mediato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sono stati rinviati almeno fino all’estate di quest’anno dopo che è diventato chiaro che la scadenza iniziale per il raggiungimento di un accordo nel 2020 non sarebbe stata rispettata. L’obiettivo era sostituire le tasse digitali di ogni paese con un piano globale.

READ  Luigi's Ristorante Italiano: Il proprietario porta un'eredità dalla Cy-Fair di base

Senza l’accordo OCSE, i paesi vanno avanti con le proprie versioni delle tasse, che potrebbero portare a una guerra fiscale di ritorsione a livello mondiale e una guerra doganale tra gli Stati Uniti e i paesi che vogliono una quota delle tasse dai proventi dei giganti tecnologici americani. Belgio, Norvegia e Lettonia sono tra i paesi che potrebbero tassare i servizi digitali nel 2021, mentre Spagna e Repubblica Ceca inizieranno a riscuotere le tasse questo mese.

Vendetta francese

Mercoledì gli Stati Uniti avrebbero iniziato a imporre una tassa del 25% sulle importazioni di cosmetici, borse e saponi francesi per un valore di circa 1,3 miliardi di dollari all’anno come rappresaglia per la tassa statale europea sui ricavi delle società tecnologiche statunitensi. Il valore annuale originale della merce target era di $ 2,4 miliardi.

Il rappresentante commerciale degli Stati Uniti non ha risposto alle richieste di conferma dell’entrata in vigore delle tariffe. I funzionari del ministero delle Finanze francese e della Commissione europea non avevano ricevuto notifiche dagli Stati Uniti entro la fine dei lavori mercoledì.

La Francia ha applicato le sue tasse sulle entrate digitali nel 2019 per fare pressione sui colloqui per farsi avanti, ma gli Stati Uniti hanno affermato che la mossa unilaterale si rivolge ingiustamente alle aziende statunitensi.

Nel gennaio 2020, il presidente Emmanuel Macron e il suo omologo statunitense Donald Trump hanno concordato una tregua nella loro controversia per dare tempo ai negoziati internazionali per raggiungere un accordo globale, ma i colloqui hanno vacillato a ottobre e la Francia ha ripreso la riscossione delle tasse a metà dicembre.

© 2021 Bloomberg LP

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close