Economia

Test Fiat Panda, scheda tecnica, opinioni e dimensioni 1.0 Hybrid City Life

Stai navigando utilizzando il tuo telefono cellulare

Per quarant’anni (la prima generazione ha debuttato nel 1980), l’auto più venduta in Italia è stata modernizzata e introdotta con nuovi equipaggiamenti (Organizzazione mondiale della sanità Dettagli) con prezzi a partire da 13.900 euro. La notizia più importante Fiat Panda Si tratta di un sistema multimediale, precedentemente non disponibile, di serie per lo sport e optional (500 €) per il nostro test City Life. Montato in posizione rialzata ben visibile, prendeva il posto delle aperture centrali, che “migravano” sopra lo schermo: venivano installate orizzontalmente, e si perdeva la direzione del flusso, in modo che l’aria non potesse più raggiungere direttamente gli occupanti di fronte. D’altra parte, il sistema ha uno schermo da 7 pollici molto reattivo e ben definito. Le funzioni non sono un gran che, ma sono davvero utili: Android Auto e Apple CarPlay sono di serie e non ti fanno sentire la mancanza di navigatore e comandi vocali (puoi usare quelli del tuo cellulare, spesso sono molto più sani e intuitivi di quelli integrati nelle auto).

Attrezzatura (leggermente migliorata)

La tasca ricavata sulla parte superiore dello schermo permette di riporre un telefono cellulare da collegare al sistema multimediale tramite un cavo USB: l’unica presa è fissata al telaio. Per il resto piccole migliorie, con dispositivi prepagati ormai di serie; I poggiatesta posteriori, ad esempio, sono assenti solo sulla “base”. Inoltre, il sistema di frenata di emergenza automatica è nuovamente disponibile su tutta la gamma di Fiat PandaFatta eccezione per la “base”: 260 euro per la croce e 450 euro per le altre (pacchetto sicurezza, con sensori di distanza posteriori e specchietti biodegradabili). Tuttavia, la dotazione deve essere completata. Due esempi? Si paga un divano sdoppiato e si concorda tutti il ​​quinto (pacchetti Flex, da € 300). Lo stesso vale per gli airbag laterali (310 €).

READ  "Conflitto di interessi", Lezzi grillina sgancia una bomba Benetton su Gualtieri - Il Tempo

Ibrido “leggero”

Per il resto, ad eccezione di alcuni matrimoni misti, il Fiat Panda È quello che sappiamo: si apprezza la posizione di guida rialzata, con la leva del cambio a portata di mano, lo spazio interno in termini di volume e la buona visibilità. Anche meccanicamente è invariato e può essere ordinato con un motore 0.9 turbo benzina (riservato alle versioni 4×4 e metano) o un moderno motore 1.0 da 70 CV equipaggiato con tecnologia “mild hybrid”: l’unità elettrica funge da motore start-up, stop and go, ripristinando potenza negli stati di minimo (Che è immagazzinata in una piccola batteria agli ioni di litio montata sotto il sedile di guida) ed eroga fino a 5 CV in accelerazione, riducendo così il lavoro (e il consumo) dei tre cilindri. Abbiamo già avuto modo di apprezzarlo a febbraio al test Launch Edition, con prototipi dei piccoli SUV (leggi qui primo contatto https://www.alvolante.it/primo_contatto/fiat-panda-hybrid)

La regina dell’atteggiamento

Questo è esattamente il motore Fiat Panda City Live Quello che stiamo provando oggi: per essere un tre cilindri, si dimena un po ‘, mentre la spinta è ciò di cui ha bisogno, e le sei marce (cosa rara per le auto di questa classe) aiutano a sfruttare al meglio i pochi cavalli. E poiché è anche facile da manovrare, è meglio usarlo spesso: anche perché tirare da curve basse è un po ‘debole. Lo sterzo ha solo una precisione a parte ma in compenso ha la funzione ergonomica da città: premendo un pulsante si può ribaltare con un dito: una benedizione nelle manovre.

Secondo noi

Vantaggi
> Vita. Data l’altezza di soli 365 cm, lo spazio sulla scacchiera è ampio.
> Cambiano. È dotato di un comodo ascensore elevato, buona manovrabilità e sei marce.
> Sistema multimediale. Fa alcune cose ma molto bene e quelle sono quelle che fanno la differenza. Tasca per cellulare “intelligente”.

READ  Polestar Precept, il veicolo elettrico sarà prodotto in serie

Svantaggi
> Fori di ventilazione. Gli elementi centrali non sono più orientabili.
> attrezzature. È andato un po ‘meglio, ma si paga sia per gli airbag laterali che per il divano diviso in due.
> tiro. Dai bassi regimi, se non cambi una o due marce è lento.

Florentino Vecellio

"Ninja appassionato della cultura pop. Fanatico dei viaggi certificato. Introverso. Nerd del web inguaribile. Pioniere malvagio della pancetta. Creatore."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close