Trump attacca McConnell mentre il divario repubblicano si approfondisce | Donald Trump News

Trump attacca McConnell mentre il divario repubblicano si approfondisce |  Donald Trump News

Donald Trump castiga il parlamentare repubblicano Mitch McConnell, che ha incolpato l’ex presidente degli Stati Uniti per la rivolta a Capitol Hill.

Nell’ultimo esempio di una crescente spaccatura all’interno del Partito Repubblicano degli Stati Uniti a seguito dell’impeachment di Donald Trump, l’ex presidente degli Stati Uniti ha criticato il leader della minoranza del Senato Mitch McConnell martedì.

“Mitch è un hacker politico austero, minaccioso e senza sorriso, e se i senatori repubblicani vogliono restare con lui, non vinceranno più”, ha detto Trump in una dichiarazione.

Il 13 febbraio, McConnell ha votato per assolvere l’ex presidente in un processo per impeachment del Senato degli Stati Uniti in cui Trump è stato accusato di incitare una folla di suoi sostenitori che hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio.

Il Senato alla fine non ha avuto voce sufficiente per condannare Trump di “incitamento alla rivolta”.

Il leader della minoranza del Senato degli Stati Uniti Mitch McConnell ha votato per assolvere l’ex presidente per aver incitato all’insurrezione del 6 gennaio, quando una folla pro-Trump ha preso d’assalto la capitale degli Stati Uniti durante la quale sono morte cinque persone [Al Drago/Reuters]

Ma in un discorso post-votazione, McConnell, una volta un forte sostenitore dell’ex presidente, ha rimproverato inequivocabilmente Trump, incolpandolo per l’insurrezione che ha causato cinque morti.

“Non c’è dubbio che il presidente Trump sia praticamente e moralmente responsabile della realizzazione degli eventi di quel giorno”, ha detto McConnell dal Senato.

“Le persone che hanno preso d’assalto questo edificio credevano di agire secondo i desideri e le istruzioni del loro presidente”.

Il discorso di McConnell, insieme al fatto che sette senatori repubblicani hanno votato per condannare Trump, ha evidenziato che alcuni legislatori repubblicani vogliono che il partito inizi a prendere le distanze da Trump.

Ma l’ex presidente repubblicano mantiene ancora una presa sul partito ei suoi sostenitori – compresi diversi legislatori repubblicani al Congresso – rimangono saldamente dietro di lui.

READ  Aung San Suu Kyi, leader del partito al governo detenuti in Myanmar | Notizie Aung San Suu Kyi

“Il Partito Repubblicano non potrà mai più essere rispettato o forte con ‘leader’ politici come il senatore Mitch McConnell a capo”, ha detto Trump nella sua dichiarazione martedì.

Ha anche detto che sosterrà i repubblicani “i principali rivali che sposano Making America Great Again e la nostra politica America First”.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump sembrava opporsi alla possibilità di perdere il controllo sul Partito Repubblicano martedì [File: Jim Bourg/Reuters]

John Hendren di Al Jazeera, che fa rapporto dal Wisconsin, ha detto che la dichiarazione di Trump è stata “una fulminea dichiarazione di guerra civile all’interno del Partito Repubblicano”.

Trump non prende alla leggera il discorso critico di McConnell dopo il processo di impeachment al Senato, ha detto Hendren.

“Sta attaccando Mitch McConnell e fondamentalmente dicendo che è da una parte del Partito Repubblicano, il resto del Partito Repubblicano è dalla parte moderata. E sta essenzialmente dichiarando guerra da quella parte del partito.

I legislatori repubblicani sono stati criticati dai rispettivi partiti repubblicani per aver sostenuto l’impeachment di Trump.

I leader repubblicani della Carolina del Nord hanno votato per censurare il senatore Richard Burr per il suo voto di condannare Trump nel processo al Senato.

Il Partito Repubblicano della Louisiana ha votato sabato per censurare il senatore Bill Cassidy, mentre i leader del Partito Repubblicano in Pennsylvania e Maine si stanno anche preparando a censurare rispettivamente i senatori Pat Toomey e Susan Collins per i loro voti di condanna.

Ma ci sono pochi segni che McConnell invertirà le sue critiche a Trump.

In un articolo d’opinione per il Wall Street Journal pubblicato lunedì, il leader repubblicano ha nuovamente criticato Trump per “le folli bugie che ha gridato al megafono più grande del mondo” prima della rivolta del Campidoglio.

READ  La migrazione dei barboni da Twitter al social network di destra - Corriere.it

“Anche il suo comportamento durante e dopo il caos era inaccettabile, dall’attaccare il vicepresidente Mike Pence durante la rivolta alle lodi dei criminali dopo la fine”, ha scritto McConnell.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega