Mondo

Una breve storia dei cartelli elettorali del parco

Ai primi di novembre, quando le elezioni presidenziali americane avranno un risultato evidente, l’artista Nina Kachadurian Aggiornerà una delle sue strutture – che vedi sotto – con un nuovo franchise, aggiungendo che sarà il candidato perdente tra Joe Biden e Donald Trump. L’installazione è effettivamente chiamata “Monumento ai non elettiAttualmente è composto da 58 cartelli: uno per ogni elezione presidenziale statunitense, dal 1788 al 2016.

(© Nina Kachadurian, per gentile concessione dell’artista, Catherine Clark Gallery, Pace Gallery)

I cartelli kachaduriani sono di loro produzione, ma rappresentano comunque un’abitudine un po ‘radicata negli Stati Uniti: la presenza nei parchi di striscioni recanti slogan e slogan di questo o quel candidato, con cui i residenti annunciano le loro preferenze e fanno pubblicità. Nonostante Google, Facebook, Instagram e TikTok, anche gli striscioni elettorali nei parchi sono tornati in vista alla luce delle elezioni presidenziali del 3 novembre.

Secondo alcune ricostruzioni, tra le altre sarebbe stata citata Scientific American, Che è il primo candidato presidenziale americano ad essere distribuito sulla falsariga degli attuali cartelli elettorali Veniva dal giardino John Quincy Adams, che divenne il sesto presidente americano negli anni 1820. La vera diffusione dei cartelli elettorali moderno Tuttavia, risale agli anni ’60. Non è un caso che sia il periodo in cui è nata anche una certa idea di famiglia e di casa: in lingua inglese, infatti, il nome di questi segni è “segni di erba” o “segni del cortile” (che significa “segni” da “erba” o da “giardino” ). In effetti, questi cartelli elettorali “speciali” funzionano molto bene se collocati in giardini di zone residenziali che, negli Stati Uniti, spesso non sono recintati con siepi o recinzioni.

Regole per contrassegnare i franchising nel parco Diverso Da stato a stato e da stato a stato (le elezioni municipali differiscono dalle elezioni presidenziali), ma in generale il loro uso è una forma legittima di espressione della libertà di espressione garantita dal primo emendamento alla Costituzione. Insomma, il regolamento specifica quanti giorni prima che si svolga la votazione, quale sia la dimensione massima che può essere (il segno dei venti metri in una casa vicino a un’autostrada non è un “cartello di parcheggio”) e quanto lontano dovresti essere da dove voti. Esistono anche regole che richiedono che questi segnali siano posizionati completamente a terra e non, ad esempio, su un albero o sul muro di una casa, e altre che impediscono ai loro disegni di tentare di copiare i segnali stradali in qualsiasi modo.

Tuttavia, non c’è modo di dire con certezza se e in che misura gli striscioni elettorali nel parco possano influenzare il voto di chi li vede. Numerosi studi Ci hanno provato Da fare calcoli e ricerche al riguardo, ma è praticamente impossibile isolare l’esistenza dei segni da una lunghissima catena di altri elementi che potrebbero interessare ogni elettore nei giorni, ore o anche minuti prima del voto.

Secondo un’idea che tende ad essere condivisa da chi si occupa della questione, gli striscioni elettorali del parco possono trasformare alcuni voti in elezioni locali, dove è più facile non conoscere i nomi di alcuni candidati e quindi c’è un incentivo a votarne uno perché si scopre che due vicini – magari quelli Coloro con cui hai un buon rapporto hanno contrassegnato questo filtro. Oppure, al contrario, scegli di non votare per un candidato Il semplice fatto Che questo vicino odioso si è rivelato suo sostenitore.

Guarda anche: 35 manifesti elettorali americani

Da un lato, è difficile che nelle elezioni presidenziali, soprattutto quelle caratterizzate da una campagna polarizzante come quella attuale, gli striscioni nel promotore possano aiutare una persona a ricordare chi è Trump e chi è Biden, oppure scegliere se preferisce l’uno o l’altro in base a Amare o non amare il quartiere. Spesso viene citata una frase al riguardo, forse in risposta a chi cerca di fare previsioni di voto contando i cartelli in certi quartieri che sono:I segni non suonano “, “I cartelli non votano”.

Tuttavia, per decenni, i comitati che si occupano di campagne elettorali hanno prodotto e distribuito (spesso, soprattutto in passato, gratuitamente) e venduto striscioni elettorali, anche se solo per dare un’impressione di forza e presenza in un determinato territorio. Nel 2012, quando le campagne elettorali si sono parzialmente spostate dalle strade a Internet, lo è statoL’Atlantico citazione Ad esempio, studi riportano che l’uso dei cartelli del parco elettorale è quadruplicato negli ultimi 40 anni.

Ancora oggi sembra che gli striscioni elettorali nel parco non siano mai passati di moda. Perché continuano a consentire la raccolta dei fondi della campagna, ma soprattutto perché – a prescindere da ogni potenziale margine di profitto – le commissioni elettorali continuano ad essere viste come uno strumento efficace per la felicità di alcuni elettori, per i quali il cartello elettorale è simbolicamente uno strumento importante.

A volte nasce l’impazienza da parte di chi le presenta: Tim Buckley, Direttore della Comunicazione del Partito Repubblicano del Massachusetts, io parlo Tutti’L’Atlantico Come un “peso”, perché “finisci per tormentarti da persone che vogliono più segni, e anche i candidati stessi vogliono vederne di più”.

Buckley ha anche spiegato che i voti elettorali, a suo avviso, erano “illustrativi piuttosto che convincenti”. Un po ‘come succede con le bandiere delle squadre di calcio, mostrarne una dal balcone o dal proprio orto non convince qualcuno a tifare questa squadra, serve solo a identificarsi come tifosi di questa squadra. Da questo punto di vista, i segni elettorali sono usati da chi li usa per mostrare il proprio interesse per la politica, e che vuole informare le persone di che parte stanno.

Pur continuando a seguire questa logica, è anche possibile che per alcune persone mettere un segno elettorale equivalga a impegnarsi in politica, credendo di aver fatto la loro parte. Ad esempio, un elettore di Biden può credere che mostrare ai vicini che intende votare per Biden sia più di un semplice gesto politico sufficiente, senza bisogno di sentirsi in colpa se non partecipa attivamente in un altro modo.

O forse, invece, solo una tradizione civica a cui alcuni americani si sentono ancora legati. Al che, in caso di dubbio, le commissioni elettorali continuano a sostenere: alla luce delle elezioni di novembre, i comitati Biden e Trump hanno messo in vendita i loro striscioni da giardino: i sostenitori di Biden possono essere ordinati online a partire da 16 dollari; Quel costo pro-Trump $ 2 per una coppia (Il 325 Per chi chiede 50 insieme).

E c’è chi cerca di rubare o distruggere gli striscioni elettorali. Né Filo ultimamente giornale di Wall Street, Spiegando come – anche grazie alla crescente prevalenza di citofoni e allarmi antifurto da videocamera – quest’anno siano state realizzate più foto sull’argomento rispetto alle precedenti elezioni presidenziali.

Come è successo di recente che un uomo del Michigan, incaricato dall’amministrazione locale di rimuovere un cartello pro-Trump troppo vicino alla strada, si è ferito alle mani e Dovevano essere ricevuti tredici puntiPerché il proprietario ha posto i rasoi sotto il cartello per impedire a chiunque di rubarlo o rimuoverlo.

Il giornale di Wall Street Ha scritto che oltre ad alcuni casi di furto o vandalismo, sono stati documentati alcuni casi in cui le persone “gridano ai cartelli”.

READ  Il mistero comincia a rivelarsi, qualcosa dentro il Vaticano: "Non usciamo con nessuna notizia, la crisi dei media è in atto".

Berengar Vecoli

"Fanatico della TV. Pensatore. Bacon ninja. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Orgoglioso amante dei viaggi. Specialista del cibo."

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button
Close
Close