Anomalie termiche atlantiche e impatti climatici europei: questo è ciò che potrebbe accadere

Anomalie termiche atlantiche e impatti climatici europei: questo è ciò che potrebbe accadere

Cosa succede nell’Oceano Atlantico? E quali sono gli effetti sulla Corrente del Golfo, la potente corrente oceanica calda nell’emisfero settentrionale che allevia gli inverni nell’Europa occidentale? Quello che si osserva da tempo è il riscaldamento delle acque oceaniche vicino alla costa del Nord America. Questa situazione allerta gli scienziati del clima, ma d’altra parte, spinge molti meteorologi verso una sfida incredibile: capire gli effetti che questo caldo in più può avere sulle stagioni future, soprattutto nel prossimo inverno.

C’è chi arriva al punto di prevedere il tempo inclemente alla fine dell’autunno e all’inizio dell’inverno. I vari centri informatici globali stanno “ballando” un po ‘nel tentativo di prevedere il prossimo trimestre invernale. Ci sono ancora due numeri di riferimento al momento: la presenza che Nina ora sembra aver confermato in segno negativo e un QBO potenzialmente positivo. Come influenzerà il tempo e il clima nei prossimi mesi? I più grandi centri di previsione tendono a concentrarsi sulle temperature medie o superiori alla media nel Mediterraneo, che è la regione che ci interessa di più. Dobbiamo quindi partire da un altro presupposto: l’emisfero si riscalda più velocemente, sia d’estate che d’inverno, rispetto all’emisfero australe. Un argomento che gli scienziati del clima faticano a spiegare.

Clima, l’Oceano Atlantico senza precedenti da 3000 anni

Studi dell’Atlantico caldo

Ancora una volta, sul riscaldamento globale, torniamo alle deviazioni termiche che si stanno verificando nell’Atlantico. Due nuovi studi credibili (uno dell’Università del Massachusetts e pubblicato sul Journal of the American Academy of Sciences, il secondo è un rapporto delle Nazioni Unite) sono ora arrivati ​​per indicare una situazione critica. L’Università del Massachusetts riferisce che l’ultimo decennio è stato il più caldo del Nord Atlantico negli ultimi 2.900 anni. Il rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi (UNSDIR) afferma che il cambiamento climatico è la ragione principale del raddoppio dei disastri naturali nel mondo in vent’anni. “Il riscaldamento globale negli ultimi 150 anni ha cambiato radicalmente il pianeta. Quest’ultimo è il periodo più caldo mai registrato, in un periodo così lungo di 3000 anni, osserva il fisico Massimiliano Pascoe, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), commentando lo studio sul Nord Atlantico.

READ  Gli Stati Uniti inviano per la prima volta una nave da guerra nello Stretto di Taiwan sotto Biden

Al fine di determinare l’anomalia termica, i ricercatori hanno studiato i sedimenti del South Sawtooth Lake: in questo modo, i ricercatori statunitensi ricostruiscono le variazioni della temperatura della superficie del mare a una profondità non raggiunta in precedenza. L’indicatore utilizzato si chiama Amv (Multi-Decadal Atlantic Volatility) e “tiene conto di come le temperature della superficie del mare variano nel complesso, e identifica alcuni fenomeni climatici nell’arco di diversi anni”, continua Pascoe. Le fluttuazioni del Nord Atlantico sono molto lente e durano per diversi anni, con fluttuazioni che possono variare da 10 a 40 anni, portando a periodi di siccità o precipitazioni, con ripercussioni per il Nord America, l’Europa e la Russia nel suo complesso. I ricercatori hanno sottolineato non solo che “queste fluttuazioni delle temperature in L’Oceano Atlantico dura da almeno 3.000 anni, ed è quindi una caratteristica fondamentale del pianeta – continua Pascoe – ma anche che l’ultimo decennio è stato il più caldo mai registrato in un simile periodo di tempo.

Cosa succederà nel futuro

Oggi nessuno è in grado di dire quali potrebbero essere le conseguenze di questo continuo aumento delle temperature dell’Atlantico, anche se alcuni climatologi arrivano a considerare almeno tre impatti: aumento del caldo estivo, siccità invernale ed eventi di tempesta con anche turbolenze meteorologiche. Brevemente. Gli impatti sono già evidenti, come osserva Unsdir: “Il numero di catastrofi naturali è triplicato negli ultimi 30 anni. Disaster and risk reduction (DRR) è uno dei punti strategici della Legge sulla cooperazione internazionale 2013-2016 e una delle priorità dell’Agenzia svizzera per lo sviluppo e la cooperazione per gli aiuti umanitari nello stesso periodo. “. Dal 2000, sono stati registrati 7.348 disastri naturali (per un costo di quasi 3 trilioni di dollari), che hanno causato più di 1,2 milioni di vittime.

READ  La Georgia apre le indagini sugli sforzi di Trump per ribaltare i risultati delle elezioni | Notizie americane

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega