‘Breve blocco fino ad aprile, quasi al culmine’

‘Breve blocco fino ad aprile, quasi al culmine’
Covid, Ranieri Guerra (QUI):

“I numeri ci dicono che c’è un rallentamento delle curve, ma non una diminuzione dei casi. Supponiamo che i numeri aumentino meno rapidamente. Importante, ma non sufficiente. Dovremo abituarci a chiusure flessibili, adattandoci a una tendenzaEpidemia. Pertanto, in alcune aree e per periodi di tempo limitati. In questo senso, il sistema 21 è un ottimo parametro, in quanto si adatta alla direzione dell’epidemia “.

professoressa Ranieri Guaira È il vicedirettoreOrganizzazione mondiale della sanità. Di fronte all’aumento della stabilità nei nuovi casi positivo E poiché il ricovero rallenta, ci invita a mantenere i nostri nervi saldi e razionali. Perché il viaggio verso la fine della fase più dolorosa dell’epidemia è tutt’altro che concluso.

Covid, Hope: “Il vaccino non sarà obbligatorio. Viaggia a Natale solo se tutte le zone sono gialle

Covid, Cts: “Controlli e multe per lo shopping natalizio, rischi della terza ondata”

Quando possiamo iniziare a parlare di un calo di nuovi casi? Dovresti essere certo che sono occupati meno nuovi letti? Dieci giorni prima oscillavano tra 150 e 200 ogni 24 ore nella sola terapia intensiva, questo fine settimana invece erano nettamente inferiori (43 ieri, 10 sabato e 36 venerdì).
“Prima di raggiungere una reale diminuzione dei nuovi casi positivi, ci vorranno ancora alcuni giorni. All’accettazione il risultato è promettente. Ma c’è anche una diminuzione in quelli che potremmo definire “rifugi sociali” e c’è maggiore interesse per chi dovrebbe essere ricoverato in ospedale e maggiore interesse per la medicina regionale nella diagnosi, nel follow-up e nel trattamento dei pazienti a casa. La gravità di solito appare al primo impatto, quindi si allontana. “Lo sviluppo a cui stiamo assistendo era previsto, oltre, purtroppo, nel numero dei morti, che sarà alto ancora per qualche giorno”.

READ  L'esperto di marketing Marco Valentinsig ha messo in atto politiche sui social media a tutela degli interessi delle aziende italiane

È una semplificazione che agli scienziati non piace, ma pensi che presto vedremo il culmine?
“Certamente, perché avremo anche gli ultimi effetti Dpcm, con misure più strette e piccole chiusure in alcune zone”.

C’è un dato incoraggiante: anche in altri paesi europei come Francia, Spagna e Regno Unito, dove il virus è stato più a settembre e ottobre dell’Italia, con misure di contenimento che ne hanno ridotto l’impatto. L’epidemia è invincibile.
“Questo è noto ora. Misure di contenimento che evitano i raduni. Vorrei aggiungere: purtroppo. Se tutti noi avessimo un sistema personale riguardo a precauzioni come maschere, distanza e igiene delle mani, allora non sarebbero necessari divieti “.

In attesa dell’effetto di vaccini che non saranno presenti, anche nelle migliori ipotesi, prima della primavera, dobbiamo aspettarci di chiudere il “mantice”, decidere per brevi periodi e aree limitate, ogni volta che ricomincia l’epidemia?
“Ancora una volta: il sistema di monitoraggio a 21 indicatori funziona bene, è robusto ed è sempre meglio alimentato dalle regioni. Tuttavia, ci sono chiusure per fasi e per settori geografici. Ciò che conta in questo momento è non dire “chiudiamo tutto”. Non sarà giustificato o addirittura sostenibile, tutte le misure devono essere adattate a livello regionale e per il periodo di tempo necessario. Avere questo sistema, e forse arricchirlo piuttosto che impoverirlo, ci aiuta ad andare avanti e prendere decisioni basate su ciò che fornisce il numero di prove. Sia in chiusura che in riapertura. Fino alla primavera, il modello “tutto libero o tutto chiuso” non ha più senso.

Nella fase finale dell’epidemia, il tasso di incidenza nelle grandi città è stato inferiore a quello delle province.
Le grandi aree urbane sono soggette a restrizioni e controlli più severi rispetto alle aree circostanti, dove la circolazione di veicoli e persone è meno monitorata. Dovremmo anche capire quanto sia importante la mobilità “.

READ  Le Nazioni Unite hanno concluso che la pandemia di Coronavirus sta causando una perdita di $ 10 trilioni per l'economia globale

Perché il virus si diffonde molto meno nei paesi asiatici (sud-est asiatico ed estremo oriente) e non solo in Cina? Paesi come Corea del Sud, Taiwan, Vietnam, Thailandia e Singapore Cosa hanno fatto meglio dell’Europa?
Prima di tutto: il virus continua a diffondersi anche lì, anche se in misura molto minore. C’è sicuramente un rispetto immediato della popolazione di quei paesi per le regole indicate dai governi, e l’uso della maschera era un’abitudine anche prima della pandemia, e hanno anche una socialità molto diversa da quelle europee. E tracciano meglio perché, a differenza dell’Europa, non hanno un profondo rispetto per la privacy anche in tempi di emergenza. Vero o falso, la cosa è diversa in Europa ».

Che Natale ti aspetti?
“In famiglia, sobrio e calmo. Spero che tutti capiscano ora che i membri della famiglia più anziani devono essere protetti “.

Covid Italy, Today’s Bulletin 22 novembre: Nuove infezioni (28.337) e decessi (562) sono in calo, tamponi positivi al 15%

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati in Italia 28.337 nuovi casi di virus Covid, ovvero più di 6mila casi rispetto a ieri, che porta a 140.86868 il numero totale di contagiati dall’inizio dell’emergenza. L’aumento delle vittime è diminuito, 562 in un giorno, mentre Erano 692 ieri, per un totale di 49.823.

video

Ultimo aggiornamento: 23 novembre 00:14


© Riproduzione riservata

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega