Cosa potrebbe fare Trump nelle ultime settimane?

Cosa potrebbe fare Trump nelle ultime settimane?

Nei prossimi due mesi, prima che Joe Biden entri in carica, Donald Trump sarà il presidente uscente degli Stati Uniti e continuerà a detenere la maggior parte dei suoi poteri. Molti si chiedono come utilizzerà le ultime settimane in carica, perché non sembra intenzionato a comportarsi come gli altri presidenti sconfitti del passato, e quali conseguenze ciò potrebbe avere per l’amministrazione Biden. Alcune notizie degli ultimi giorni possono dare un’idea di cosa ci aspetta.

Lunedì, infatti, Trump pubblicazione Il segretario alla Difesa Mark Esper, con cui intrattiene da tempo pessimi rapporti e che da settimane ha già pronta una lettera di dimissioni, ha spiegato: CNN. La decisione non è direttamente collegata alle elezioni: le relazioni tra i due hanno iniziato a deteriorarsi nel 2019, quando Esper ha raccomandato a Trump di restituire gli aiuti economici all’Ucraina, che il presidente aveva bloccato per fare pressione sulle autorità locali affinché indagassero. Sulla storia del figlio di Biden (Questa è la storia per cui Trump è stato licenziato.) Esper ha anche preso posizione contro l’uso dei militari per sopprimere le proteste durante l’estate sulle vite dei neri.

Ma sembra che il licenziamento di Esper possa essere seguito da molti altri. Secondo i giornali americani, infatti, Trump aveva da tempo inteso sfruttare l’immediato periodo post-elettorale – sia nella vittoria che nella sconfitta – per sbarazzarsi dei tanti membri dell’amministrazione che aveva così fortemente sostenuto per così tanto tempo, ma non era stato in grado di espellerli prima di allora. Vota per evitare che polemiche danneggino la campagna elettorale. Esper era uno dei principali sospettati, ma ce ne sono altri dopo di lui. Uno di loro è Christopher Ray, il direttore dell’FBI, che è stato a lungo criticato da Trump per non aver sostenuto a sufficienza le accuse di frode elettorale da parte della Casa Bianca e la presunta minaccia degli attivisti. Antifa.

READ  La storia di Samuel Little, il serial killer più prolifico d'America che ha confessato 93 omicidi - Corriere.it

Leggi anche: 15 cose che potresti non sapere su Joe Biden

Fonti dell’amministrazione hanno confermato ai media americani che il licenziamento di Ray è da tempo oggetto di discussione, come nel caso di Gina Haspel, direttrice della CIA, che Trump accusa di voler ritardare la pubblicazione di alcuni documenti che, a suo avviso, proverebbero l’esistenza di un complotto dello “stato profondo” – L’espressione a volte si riferiva alla burocrazia statunitense: fa male.

Da solo, Biden, una volta in carica, potrebbe rinominare Wray e Hespel se fossero stati licenziati – e sarebbe ancora in grado di scegliere le persone di cui si fidava in quelle posizioni. Ma una tale decisione di Trump causerebbe molto caos al vertice dell’intelligence e della difesa, che secondo molti potrebbe mettere in pericolo la sicurezza nazionale degli Stati Uniti nei prossimi mesi, rendendo ancora più evidente la politicizzazione dei post che c’erano prima di Trump. Erano più separati dall’esecutivo. Tutto questo in un momento particolarmente delicato, come il passaggio da un’amministrazione all’altra.

Un altro nome nell’elenco di coloro che rischiano il lavoro è Anthony Fauci, presidente dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive e capo consigliere scientifico della Casa Bianca. In uno degli ultimi raduni prima delle elezioni, Trump non ha implicitamente affermato che avrebbe potuto essere licenziato immediatamente dopo le elezioni. Biden ha detto che lo avrebbe assunto invece.

Emily Sidnor, Professore di Scienze Politiche alla Southwestern University, Lui ha spiegato un Bloomberg Che “quando c’è un presidente alla fine del suo mandato, c’è poco contrappeso alle sue opportunità di esercitare l’autorità esecutiva”. Senza preoccuparsi di doversi sottoporre nuovamente a una votazione, l’unico ostacolo all’azione del presidente è la pratica reale e il rispetto della tradizione istituzionale: aspetti che Trump ha spesso ignorato.

READ  Scali sui voli dal Regno Unito - Corriere.it

Leggi anche: Cosa farà adesso Joe Biden

Oltre ai licenziamenti, che possono includere anche altre figure amministrative, si parla dell’uso della grazia presidenziale da parte di Trump. Non sarebbe una novità: la maggior parte dei presidenti, nelle ultime settimane di carica, si è rivolta a lui, a volte con decisioni controverse, come quando Bill Clinton ha perdonato il suo fratellastro Roger Clinton per la sua vecchia convinzione di possedere e vendere cocaina. Ma Barack Obama, prima di lasciare la Casa Bianca, ha deciso tra l’altro Per mitigare la condanna di Chelsea Manning, Un ex analista militare statunitense che è stato condannato a 35 anni di prigione per aver inviato materiale classificato a WikiLeaks.

Secondo CNNTrump potrebbe perdonare Michael Flynn, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale, che ha giurato di mentire all’FBI dopo aver partecipato alle indagini russe. L’avvocato Paul Manafort e l’ex consigliere George Papadopoulos sono altri due individui che sono stati giudicati colpevoli nell’ambito delle indagini di Robert Mueller e che potrebbero essere perdonati da Trump.

Ma c’è anche un’altra possibilità che viene discussa con crescente insistenza: che Trump decida di perdonarsi, cerchi di evitare Alcune operazioni diverse Chi potrebbe aspettarlo fuori dalla Casa Bianca e senza l’immunità presidenziale. La costituzione non lo proibisce esplicitamente, e giuristi e costituzionalisti hanno a lungo discusso se farlo. L’indicatore più comune è che no, non è costituzionale: ma Trump potrebbe provarci comunque. Anche Trump potrebbe concedere una grazia “preventiva” – quindi prima che ci siano accuse formali – ai membri della sua famiglia, che potrebbero essere coinvolti in alcune indagini finanziarie relative all’organizzazione di Trump. Tuttavia, queste disposizioni alla fine si applicheranno solo ai crimini federali: molti dei crimini di cui Trump e la sua azienda sono stati accusati sono già di proprietà dello Stato.

READ  Sede specializzata nel Regno Unito svuotata da un incendio

Leggi anche: I processi attendono Trump

Trump avrà anche l’opportunità di affrontare diverse questioni in sospeso attraverso decreti esecutivi e strumenti legislativi che non richiedono l’approvazione del Congresso e che ha ampiamente utilizzato in passato. Secondo BloombergTrump potrebbe prendere decisioni per mettere nei guai Biden: da mesi si parla di riforma parziale delle leggi sull’immigrazione, in senso più restrittivo, che potrebbe diventare molto complicata per la prossima amministrazione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega