Covid assedia il Nord e si trasferisce in provincia. Milano e Napoli meglio di Como e Caserta

Covid assedia il Nord e si trasferisce in provincia.  Milano e Napoli meglio di Como e Caserta
Covid assedia il Nord e si trasferisce in provincia.  Milano e Napoli meglio di Como e Caserta

Cuneo e Verbano-Cusio-Ossola peggio di Torino. Varese, Sondrio e Como molto peggio Milano. E in ogni caso, il Nord è decisamente più sommerso dal virus rispetto al Sud. La fotografia dei nuovi contagi registrati in Italia la scorsa settimana, tra lievi miglioramenti e viraggi in vista, mostra due fatti fondamentali. La prima è che, salvo pochissime eccezioni, come mostra il bollettino di ieri, la nuova positività è decisamente concentrata nel nord del Paese (con Lombardia, Piemonte, tranne Campania, Veneto ed Emilia-Romagna). La seconda, e meno comune che nel recente passato e anche nella prima ondata, è che ora sono le piccole e medie province a rischiare di implodere piuttosto che i capoluoghi della loro regione. In pratica, i focolai extraurbani sono più frequenti.

Covid, “il picco è quasi raggiunto”. Ranieri Guerra: mini chiusure fino ad aprile

Il caso Firenze

E così, numeri alla mano, se, ad esempio, Firenze registra 55 nuovi casi ogni 100mila abitanti, la provincia di Massa Carrara ne ha più del doppio (117). Stesso discorso per Milano (85), sorpassata senza un ordine particolare da Varese (136), Como (111), Monza e Brianza (99) e Sondrio (102). Ma lo schema vale più o meno per tutto il territorio nazionale (la provincia di Caserta registra 92 nuovi casi e Napoli 74; quella di Belluno 93 contro 53 di Venezia), anche dove il contagio colpisce meno forte: non solo tra Roma e Rieti è il secondo a peggiorare con 68 nuove positività ogni 100.000 abitanti contro i 45 del capoluogo, ma anche in Sardegna, dove Nuoro (73) triplica i casi registrati nella regione di Cagliari (24).

READ  30 Migliori Tende Cucina Porta Finestra Testato e Qualificato

Racconto: “Natale corazzato”. Questa è una deroga per la messa della vigilia

Iceberg

“Lo spostamento verso aree meno densamente popolate è sicuramente uno dei fattori emersi da questa seconda ondata” spiega Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano e membro del CTS Lombard, usando una metafora per raccontare il fenomeno : “In realtà devi immaginare questa malattia come un iceberg, con una parte visibile più piccola e una parte invisibile più grande essendo asintomatica e sintomatica. Se, come è successo in estate e in parte più tardi, la lasciamo sciogliere. ‘iceberg ovunque, finisce per diffondersi in modo uniforme. “In pratica,” a causa del pendolarismo, “limitato ma impossibile da bloccare mantenendo gli uffici aperti”, sono comparsi nuovi focolai che hanno attenuato l’impatto del virus sul territorio “, prosegue Pregliasco.” Basta un pendolare che innesca una catena di contagi familiari, responsabile del 70% dei casi, perché la situazione sfugga di mano “. E se è così, diventa È ancora più difficile controllare la diffusione del virus. In effetti, l’assistenza sanitaria locale, per sua natura più frammentata, può affrontare sfide diverse nel controllo dei focolai o nel trattamento di tutti i pazienti.

Covid, New York: centinaia di morti depositati in camion e camere d’albergo in attesa del funerale

Salute territoriale

“Questi dati – spiega Agostino Miozzo, coordinatore del comitato tecnico scientifico – pur collegandoli a viaggi di viaggio e casa-lavoro, non sempre controllabili, vanno letti anche in relazione al fatto che le grandi città, più colpite in precedenza, hanno attivato meccanismi di governo e di gestione della malattia più imponenti che in alcuni territori ”. In pratica, le aziende locali presenti nelle aree meno densamente popolate hanno meccanismi meno oliati in termini di collaborazione tra loro rispetto alle diverse anime. della salute che troviamo nelle grandi città. “Città che spesso – conclude Miozzo – dopo un primo disorientamento hanno fatto enormi miracoli per superare i problemi che anche loro hanno incontrato”.

READ  Come l'italiano è diventato la lingua dell'amore

Ultimo aggiornamento: 00:13


© RIPRODUZIONE RISERVATA

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega