Covid, governatore Cirio: “La folla di ieri a Torino è inaccettabile”. Galli, specialista in malattie infettive: “Rischiamo la terza ondata”

Covid, governatore Cirio: "La folla di ieri a Torino è inaccettabile".  Galli, specialista in malattie infettive: "Rischiamo la terza ondata"

TORINO. La febbre dello shopping ha preso piede il primo giorno della riapertura dei negozi nelle zone che ieri hanno cambiato colore dal rosso all’arancio. Una fascia di rischio inferiore con restrizioni meno rigorose rispetto alle ultime settimane.

Da Torino a Milano passando per Roma, ci sono state manifestazioni per le vie del centro storico che però si sono scontrate con le richieste di governo, presidenti di regione, sindaci e malattie infettive. Tutti sono invitati a “fare attenzione e prestare la massima attenzione al comportamento individuale” in questo momento delicato in cui le infezioni sono diminuite, ma il virus è ancora in circolazione, quindi la sorveglianza non è consentita.

Torino: folla al centro nel giorno del passaggio in zona arancio

Tra i primi ad intervenire il governatore del Piemonte, Alberto Cirio. “Quello che ho visto ieri in alcune strade di Torino è qualcosa che mi ricorda l’estate e non possiamo permettercelo”, ha commentato, vedendo le immagini della folla al seguito. ieri la riapertura dei negozi. “Quello che è successo ieri a Torino è qualcosa di inaccettabile”, ha sottolineato ai microfoni di Radio Veronica One.

Il governatore del Piemonte ora partecipa al Comitato Ordine Pubblico e ha già anticipato di voler chiedere “al prefetto interventi molto rigorosi. So che la polizia ha fatto molto, ma ovviamente non abbastanza. I piemontesi si comportano in modo serio, ma dove ci sono situazioni al di fuori di ogni controllo è necessario intervenire subito in modo chiaro ”.

Anche qui Sindaco del capoluogo piemontese, Chiara Appendino, ha chiesto cautela: “Supportiamo le attività commerciali di quartiere e, allo stesso tempo, non abbassiamo la guardia. Puoi camminare e fare acquisti in modo responsabile ”.

READ  Lazio-Napoli 2-0: Immobile e Luis Alberto, infortunio a Lozano

Preoccupato anche per gli incontri dell’ultimo weekend di shopping lo specialista in malattie infettive Massimo Galli, dell’ospedale Sacco-Università degli Studi di Milano. “È chiaro che, se non vengono mantenute le necessarie precauzioni per limitare la diffusione delle infezioni,” non possiamo che fare il punto su una situazione simile a quella che abbiamo già vissuto “, vale a dire arrivare a una terza ondata di Covid-19.

L’esperto, ospite di Agora su Rai3 ha avvertito che “abbiamo ancora tanti virus in circolazione”. Inoltre, a livello nazionale, “pensare di tornare a un tutto libero aveva solo un accenno di risultato” delle restrizioni imposte alla seconda ondata.

Anche, pure Agostino Miozzo, coordinatore del comitato tecnico scientifico ha detto di essere preoccupato per quello che è successo la prima domenica di acquisti natalizi. Teme che i risultati promettenti sul fronte del rallentamento delle infezioni possano essere vanificati da un addio alla cautela durante le vacanze di Natale. “Mi chiedo: perché se in via del Corso a Roma o nelle vie dello shopping di altre città ci sono troppe persone, non c’è intervento e non si impone un numero limitato? “. E poi ha aggiunto: “Sembra difficile spiegare che è necessario limitare gli spostamenti tra le regioni se si accetta che ci siano raduni per lo shopping natalizio. Molti facilitano la trasmissione del virus. Non può essere un Natale tradizionale, purtroppo ”.

Il Sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, una 24Mattino su Radio 24, parlando della folla dello shopping in alcune città italiane che sono passate dalle zone rosse ad arancioni, ha definito “sconcertante che la gente faccia fatica a capire la gravità della situazione e che molto dipenda dai nostri comportamenti che devono essere virtuosi” . “Capisco che devi andare a fare la spesa – ha proseguito – ma se vedi che la situazione è così forse cambi giorno o regione, magari torni a casa. Non è un buon segno, non è confortante ”, ha concluso.

READ  30 Migliori Lampada Google Home Testato e Qualificato

Insomma, le immagini del primo giorno di riapertura riflettono ancora le decisioni all’esame dell’esecutivo sul nuovo Dpcm che entrerà in vigore il 4 dicembre. “Stiamo lavorando su ipotesi restrittive severe. Ma il Dpcm ancora non esiste, ci sono ipotesi ”, ha ribadito il Sottosegretario. “Tutti i presupposti secondo cui ballare sui giornali creano un’ansia impressionante e preferirei non contribuire a loro con supposizioni non ancora confermate”, ha detto Zampa. “Cercheremo di fare in modo che le persone capiscano che devono muoversi il meno possibile – ha aggiunto – il piano sarà presentato e illustrato dal ministro giovedì 3 dicembre”.

Sempre questa mattina Il ministro Francesco Boccia una Rainews 24 Tornato sulla questione del decreto natalizio, orari e coprifuoco: “Se decidiamo che c’è un limite orario di viaggio, torniamo a casa indipendentemente da quello che dobbiamo fare: si deve festeggiare il capodanno? Festeggiamo a casa “, ha detto. E quando gli è stato chiesto se era vero che aveva detto ‘devono passare sul mio corpo’ se il coprifuoco è passato alle 22:00, il ministro ha risposto: ‘Molte cose vengono dette nelle riunioni. e in ogni caso sì, credo, come Speranza e tutto il governo. Prudenza e attenzione è la nostra linea, una linea che mette la salute al primo posto ”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega