Dottoressa Maradona: “Diego non si controlla, deve restare in ospedale! L’alcol è come la droga, sono preoccupato”.

Dottoressa Maradona: “Diego non si controlla, deve restare in ospedale! L’alcol è come la droga, sono preoccupato”.

Alfredo Kay, storico della medicina di Diego Armando Maradona ha informato tutti sulle condizioni di Pibe de Oro.

Diego Armando Maradona è essere ‘Non può essere controllato’ Secondo Alfredo CaheeIl suo storico medico, che ha annunciato che sarebbe stato sottomesso.Un nuovo trattamento“A causa della sua dipendenza da alcol, mentre l’ex calciatore è ancora ricoverato presso la Clinica Olivus. Nel referto medico della sera, Kahi ha confermato che “Più a lungo rimani in ospedale, meglio è.” Ha escluso la possibilità di continuare il trattamento in un altro paese. “Dobbiamo mettere in atto un nuovo regime di trattamento. Penso che dobbiamo andare passo dopo passo, tutta la famiglia (ragazze e sorelle) concorda sul fatto che Diego è ingestibile. Dovrebbe stare seduto immobile e cercare i migliori professionisti. Assomiglia a Diego quando Cuba lo ha preso”, Kahi, che è tornato per unirsi alla squadra che cura Maradona, ha detto a TyC Sports.

Cahee ha avvertito che l’ex campione del Napoli Ancora un paziente molto complicatoDurante il recupero da un’operazione di martedì scorso a causa di un ematoma subdurale. “Chiedo tempo e pianificazione familiare, e l’ambiente che si è stabilito accanto a Diego. Mettere insieme tutto questo non è facile. L’alcol è una droga. Se soffre in generale, è stato ricoverato in un sanatorio per tossicodipendenti per tre mesi. Diego si sta riprendendo, ma ora non ci pensiamo; Andremo passo dopo passoHa Dito Kahi.

“Il test è già stato fatto e sappiamo quello che ha. Ma quello che sarà Diego è l’ignoto che mi preoccupa tanto. Non può tornare a casa così solo perché sta attraversando un periodo simile a quello della droga”. Lui ha spiegato.

READ  Cristiano Ronaldo prende a calci una donna con il pallone durante il riscaldamento e le regala una maglia come consolazione

Cahy, che aveva accompagnato Maradona a Cuba 20 anni fa per superare la tossicodipendenza, ha confermato che il suo collega Leopoldo Locke lo aveva chiamato per coordinare i passi da compiere per la sua guarigione. “Quando si è svegliato voleva andare ma noi l’abbiamo fermato. Adesso è sotto l’effetto dell’anestesia. Più tempo resta in ospedale, meglio è per lui, anche se è esclusa la possibilità di continuare le cure in un altro Paese”. Kahe ha spiegato. “Lo devono accompagnare psichiatri, psicologi e terapisti, ma sicuramente quando uscirà da qui starà meglio di quando è arrivato”.Ha completato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega