Gli italiani trovano ‘un momento di gioia in questo momento di ansia’

Gli italiani trovano ‘un momento di gioia in questo momento di ansia’

ROMA – Tutto è iniziato con l’inno nazionale. Poi sono arrivati ​​accordi di pianoforte, squilli di tromba, serenate di violino e persino il ticchettio di pentole e padelle, il tutto fuoriuscito da case, finestre e balconi e increspato sui tetti.

Infine, sabato pomeriggio, è scoppiato un applauso a livello nazionale per i medici in prima linea medica che combattono la diffusione della peggiore epidemia di coronavirus in Europa.

“È stato dal nostro cuore, per dire grazie e per dimostrare che possiamo superare questo”, ha detto Emma Santachiara, 73 anni, che è uscita sulla terrazza del suo appartamento nel quartiere Monteverde di Roma per applaudire con i suoi piccoli. ragazze.

Gli italiani rimangono sostanzialmente sotto arresti domiciliari come nazione, il fronte europeo nella lotta globale contro il coronavirus, ha ordinato restrizioni straordinarie ai loro movimenti per evitare il contagio.

A partire da sabato, il virus aveva infettato più di 21.000 italiani e ucciso più di 1.400, secondo i funzionari nazionali – il peggior pedaggio registrato al di fuori della Cina. L’Italia ha chiuso tutte le sue scuole, bar e ristoranti e la circolazione limitata per qualsiasi cosa diversa dal lavoro, dalla salute o dall’acquisto di beni di prima necessità.

Ma la cacofonia che scoppia nelle strade delle persone intrappolate nelle loro case riflette lo spirito, la resilienza e l’umorismo di una nazione che sta affrontando la sua peggiore emergenza nazionale dalla seconda guerra mondiale.

Ma poiché è un virus che mette alla prova l’animo delle persone, ha anche dimostrato i punti di forza di queste figure nazionali.

In Cina, i camionisti patriottici hanno rischiato l’infezione per portare Le persone a Wuhan avevano un disperato bisogno di cibo, l’epicentro dell’epidemia. In Iran, i video mostrano medici in completo scrub e le maschere ballano per tenere alto il morale.

E in Italia, gesti di gratitudine e musica echeggiano sopra le strade vuote del paese, mentre i feed dei social media si riempiono di video web incoraggianti, sentimentali e divertenti.

READ  Atalanta-Liverpool 0-1 goal di Jota | Il diretto

Venerdì sera, nel momento esatto in cui le autorità sanitarie normalmente aggiornano il numero giornaliero di persone infette e morte sempre più nel Paese, gli italiani dalle isole meridionali alle Alpi hanno cantato l’inno nazionale. e strumenti suonati.

La signora Santachiara, a Roma, era una di loro.

“Non è che siamo maestri”, dice, ma “è un momento di gioia in questo momento di ansia”.

Sul web, un uomo ha sfoggiato la sua nuova invenzione, un giubbotto a raggi orizzontali di cartone che manteneva una distanza di un metro da chiunque lo circondasse.

“Fantastico,” disse l’uomo, sembrando il centro di un’elica. “Sto andando a lavorare.”

Altri post irriverenti mostravano un pappagallo che spaccava il becco in uno specchio sopra una didascalia “quarto giorno di quarantena” e un padre che si vantava di quanto fosse felice di essere a casa, mentre i suoi figli si riunivano. i battibecchi gli annegarono la voce. In un altro, un adolescente si è spruzzato del profumo per una passeggiata in cucina.

Ma poiché gli italiani cercavano di elevare l’umore nazionale, non c’erano dubbi che fosse ancora pesante.

Negli ultimi giorni si sono diffuse in rete anche immagini di infermieri sfiniti o facce contuse da maschere ermetiche. Sabato un’immagine ampiamente diffusa mostrava un’infermiera che cullava tra le sue braccia la penisola italiana.

I genitori hanno pubblicato immagini di unicorni e arcobaleni disegnati da bambini piccoli con l’hashtag “Andrà tutto bene”.

La coercizione sembra anche suscitare patriottismo in un paese che ha un profondo sospetto di nazionalismo.

I media italiani hanno riportato un aumento delle vendite della bandiera italiana. L’inno nazionale, solitamente limitato all’inizio delle partite di calcio, suonava sui muri del palazzo alle 18 di venerdì.

Come molti inni, è una chiamata marziale alle armi e al sacrificio, in questo caso contro l’Impero austriaco, e per l’unità dopo essere stati per secoli “oppressi e ridicolizzati, perché non siamo uno. solo persone “.

READ  Giro d'Italia maltempo, 19 ° tappa accorciata, partenza da Abbiategrasso

“Uniamoci a una coorte,

Siamo pronti a morire!

Siamo pronti a morire!

L’Italia ha chiamato!

“Siamo italiani e la voce fa parte della nostra cultura”, ha detto Giorgio Albertini, 51 anni, professore di archeologia che ha applaudito dal balcone del suo appartamento nel quartiere universitario di Milano, definendolo “sensazione una comunità e partecipare al lutto collettivo.

Venerdì ha cantato “Oh Mia Bella Madunina”, una canzone tradizionale milanese sull’orgoglio della città, mentre il figlio di 9 anni lo accompagnava al violino.

Sabato a mezzogiorno a Verona, il suono delle campane della chiesa ha ceduto il passo al battito delle mani mentre Cristina Del Fabbro, 53 anni, stava sul suo balcone ad applaudire con la figlia Elisa, 21 anni.

“Vogliamo ringraziare i medici e gli infermieri”, ha detto. “Non possono stare al sicuro a casa come noi, sono stanchi e preoccupati ma restano lì, per chi si ammala e ne ha bisogno”.

Una vicina che aveva attaccato una bandiera italiana al suo balcone al quinto piano ha gridato: “Abbiamo il miglior sistema sanitario del mondo”.

I medici in prima linea nella regione della Lombardia assediata, nel cuore dell’epidemia in Italia, hanno ascoltato e apprezzato le standing ovation.

“Per noi, ovviamente, il sostegno della popolazione è molto importante”, ha detto Fabiano Di Marco, responsabile di pneumologia presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove dormiva nel suo studio.

“Ma ancora di più”, ha aggiunto, “è la dimostrazione di solidarietà all’interno dell’ospedale da parte dei medici che hanno smesso di fare altro per dedicarsi alla cura di questi pazienti”.

Davide De Luca, 33 anni, reporter dalla sua casa nella sezione Chinatown di Milano per il quotidiano online Il Post, venerdì ha messo la testa fuori dalla finestra e ha aggiunto al concerto il coro di “Nessun Dorma”. Vedeva la Sudden Symphony come “un piccolo mattone nella costruzione della nazione”.

READ  30 Migliori Primer Unghie Gel Testato e Qualificato

“Abbiamo dimostrato che in questo momento difficile possiamo restare uniti”, ha detto. “Eravamo una comunità, non solo un gruppo di individui”.

Isabella Falautano, direttrice di una banca che venerdì ha fatto saltare l’inno nazionale da un altoparlante indicato dalla finestra del suo appartamento nel quartiere Testaccio di Roma, ha detto: “Anche se non possiamo stringerci la mano, anche se siamo a 20 metri, puoi sempre mostrare solidarietà. “

Anche i professionisti sono intervenuti.

A Firenze il tenore d’opera Serenata di Maurizio Marchini la città. Danilo Rossi, che suona la viola principale alla Scala di Milano, suonava musica dal suo balcone, adornato da uno striscione che diceva: “Non arrendiamoci, ce la faremo.

Giuliano Sangiorgi, il leader del gruppo Negramaro, ha tenuto un concerto per i suoi vicini dal suo balcone.

A Napoli, i balconi di un condominio, grondanti di biancheria, sono diventate tappe per i residenti che cantano canzoni tradizionali all’unisono. Altrove a Napoli, un DJ ha sistemato i giradischi sul suo balcone e ha suonato la canzone di Frankie Valli “Can’t Take My Eyes Off You” mentre i vicini cantavano e suonavano la chitarra dalle loro finestre.

Tornata a Roma, la signora Santachiara ha passato sabato a insegnare alla nipote di 3 anni, Chiara, le parole di un classico italiano, “Azzurro”, che gli italiani canteranno stasera.

Il padre della ragazza è un medico che fa gli straordinari e lavora a turni per assicurarsi che le persone non vadano senza cure primarie. Dorme nel suo ufficio dove ha portato un tostapane per riscaldare il cibo.

“Stanno facendo un lavoro straordinario”, ha detto la signora Santachiara.

Emma Bubola ha collaborato alla reportistica di Verona, Elisabetta Povoledo di Roma e Anna Momigliano di Milano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega