I “lati più oscuri”: l’UE esorta gli Stati Uniti a unirsi alla lotta per frenare Big Tech | Notizie dall’Unione europea

I “lati più oscuri”: l’UE esorta gli Stati Uniti a unirsi alla lotta per frenare Big Tech |  Notizie dall’Unione europea

L’Unione Europea ha chiesto al presidente degli Stati Uniti Joe Biden di aiutare a creare un accordo comune per sfruttare il potere delle grandi aziende tecnologiche come Facebook e Twitter e contrastare la diffusione di notizie false che sta divorando le democrazie occidentali.

In un discorso al Forum economico mondiale di Davos, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha esortato l’amministrazione Biden a unire le forze contro “i lati più oscuri del mondo digitale”, che ha detto essere in parte dietro l’assalto “shock” al Campidoglio Hill a Washington, DC il 6 gennaio.

“Il modello di business delle piattaforme online ha un impatto non solo sulla concorrenza libera e leale, ma anche sulle nostre democrazie, sulla nostra sicurezza e sulla qualità delle nostre informazioni”, ha affermato von der Leyen. “Ecco perché dobbiamo contenere questo immenso potere delle grandi aziende digitali”.

Ha esortato la Casa Bianca a unire gli sforzi del blocco di 27 nazioni, dicendo che “insieme potremmo creare un accordo per l’economia digitale che sia valido in tutto il mondo” e che comprenda la protezione dei dati, le norme sulla privacy e la sicurezza delle infrastrutture critiche.

Von der Leyen ha affermato che l’UE vuole che la responsabilità ricada sui giganti della tecnologia, “è chiaro che le società di Internet si assumono la responsabilità di come distribuiscono, promuovono e rimuovono i contenuti”.

A dicembre, la Commissione europea ha proposto due nuove leggi dell’UE per proteggere meglio i consumatori ei loro diritti online, rendere le piattaforme tecnologiche più responsabili e migliorare la concorrenza digitale, basandosi sulle norme sulla protezione dei dati dell’UE, che sono tra le più severe al mondo.

READ  Vengono visualizzati problemi riservati. Il papa si è chiuso con "la corte"

“Vogliamo che le piattaforme siano trasparenti su come funzionano i loro algoritmi”, ha affermato von der Leyen. “Perché non possiamo accettare che le decisioni che hanno un enorme impatto sulla nostra democrazia siano prese solo dai programmi per computer”.

Libertà di espressione

Von der Leyen ha anche fatto riferimento alla decisione presa all’inizio di questo mese da Facebook e Twitter di tagliare l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dalle loro piattaforme per aver presumibilmente incitato un assalto al Campidoglio degli Stati Uniti, una mossa senza precedenti che ha evidenziato l’immenso potere dei giganti della tecnologia di regolamentare discorso. .

Von der Leyen afferma che le società di Internet devono assumersi la responsabilità di come “distribuiscono, promuovono e rimuovono i contenuti” [File: Francisco Seco/Pool via Reuters]

“Per quanto sia stato allettante per Twitter disattivare l’account del presidente Trump, un’interferenza così grave con la libertà di parola non dovrebbe essere basata esclusivamente sulle regole aziendali”, ha detto. “Ci deve essere un quadro di leggi per decisioni di così vasta portata”.

La sospensione permanente di Trump da Twitter e Facebook spinge l’Ungheria, membro dell’UE, a imporre le proprie misure per regolamentare le società di social media.

Il ministro della Giustizia ungherese ha detto martedì che le grandi aziende tecnologiche potrebbero dover affrontare la regolamentazione del governo ungherese per quella che ha definito una censura “deliberata e ideologica” sui social media.

In un post su Facebook, il ministro della Giustizia Judit Varga ha scritto che il governo avrebbe preso provvedimenti per imporre restrizioni ai giganti della tecnologia che, secondo lei, avrebbero messo a tacere arbitrariamente gli utenti delle piattaforme online, comprese le piattaforme online. sospende definitivamente Trump dopo che i suoi sostenitori hanno organizzato un assalto alla capitale degli Stati Uniti.

READ  Lamantino selvatico trovato con "Trump" disegnato sul retro

Varga ha chiesto il “funzionamento trasparente e verificabile” delle società tecnologiche, e ha detto che presenterà un disegno di legge sulla questione al parlamento ungherese in primavera per contrastare quello che ha definito il loro “abuso sistematico della libertà di movimento”. ‘Espressione “.

“Ombra proibita”

Le prossime elezioni parlamentari in Ungheria sono previste per il 2022. Recenti sondaggi hanno mostrato una corsa serrata tra il partito al governo Fidesz e una coalizione di sei partiti di opposizione.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban, alleato di Trump, è stato accusato di sovrintendere al consolidamento dei media del Paese nelle mani di interessi economici legati al suo partito.

I partiti di opposizione hanno utilizzato i social media per raggiungere i potenziali elettori in una mancanza di copertura nei media pubblici ungheresi. Un rapporto del 2018 dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa ha rilevato che le elezioni nazionali di quell’anno “sono state caratterizzate da una pervasiva sovrapposizione tra le risorse statali e del partito al governo” e da un pregiudizio mediatico.

La scorsa settimana, Varga ha affermato che le società tecnologiche “limitano la visibilità delle opinioni cristiane, conservatrici e di destra” e che “i gruppi di potere dietro i giganti tecnologici globali” sono stati in grado di decidere le elezioni. Ha affermato di essere stata personalmente “bandita dall’ombra” da Facebook, un termine che si riferisce alle piattaforme di social media che limitano la visibilità dei profili o dei post degli utenti a loro insaputa.

Un rappresentante di Facebook ha detto ai media locali che la società non ha interferito con l’account di Varga. Facebook non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte dell’agenzia di stampa Associated Press.

READ  La maggior parte dei repubblicani al Senato degli Stati Uniti vota contro il secondo processo di impeachment contro Donald Trump

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega