I piloti di F1 sono passati con successo a INDYCAR

I piloti di F1 sono passati con successo a INDYCAR

Il veterano pilota di Formula 1 Roman Grossgen si unisce a un elenco relativamente breve di piloti di Gran Premio che, negli ultimi 50 anni, sono passati da una carriera in F1 a una NTT INDYCAR SERIES a tempo pieno.

Alcuni ci sono riusciti con uno straordinario successo, guidati dai campioni del mondo Emerson Fittipaldi e Nigel Mansell. Eddie Schaeffer e Takuma Sato hanno anche messo insieme un imponente curriculum di Formula 1 prima di venire negli Stati Uniti e vincere le gare, evidenziato dalle vittorie di Indianapolis 500 ciascuna (due Sato).

Alex Zanardi aveva giocato 25 partite di Formula 1 prima che Chip Janassi lo firmasse per il posto CART nel 1997. L’italiano si è adattato rapidamente, vincendo 15 gare in due stagioni del campionato.

Danny Sullivan è in questa lista con una stella. Ha iniziato tre gare INDYCAR per Gerry Forsythe, inclusa la “500” del 1981, prima di atterrare a tempo pieno in F1 con Tyrrell per la stagione 1983. Sullivan tornò negli Stati Uniti l’anno successivo e vinse la “500” nel 1985 e il campionato CART nel 1988. Allo stesso modo, Justin Wilson ha avuto una stagione in Formula Uno, con la Minardi, prima di venire alla IndyCar e vincere sette gare.

Altri veterani della Formula 1 per un passaggio a tempo pieno all’INDYCAR dal 1970 includono Derek Daly, Roberto Guerrero, Stephan Johansson, Mauricio Gugelmen, Christian Fittipaldi, Mark Blundell, Alessio Salazar, Shinji Nakano, Tora Takagi, Enrique Bernoldi e Rubens Barrichello.

Grosjean, che guiderà le gare su strada e su pista nel Dale Coyne Racing nel 2021, farà parte dell’attuale pool di ex giocatori di Formula 1 di INDYCAR: Sato, Max Shelton e Marcus Erickson. Alexander Rossi era decisamente sulla buona strada per diventare un giocatore regolare di Formula Uno – ha iniziato cinque volte nel 2015 – prima di entrare in IndyCar.

Uno sguardo a cinque piloti che hanno effettuato il trasferimento:

Emerson Fittipaldi

Emerson FittipaldiIl brasiliano è tra i piloti più influenti in termini di aumento del sapore internazionale della 500 Miglia di Indianapolis. Quella che è diventata la “seconda” carriera, Fittipaldi ha ottenuto 22 vittorie mentre negli Stati Uniti dal 1984 al 1996, tra cui un paio di “500” vittorie. Ha anche vinto il campionato della stagione CART in quanto ha aperto la strada a molti piloti sudamericani ed europei da seguire.

READ  Tutte le novità e come scaricarle

Fittipaldi fu due volte campione del mondo di Formula 1 (1972, 1974) – allora il più giovane campione della storia – e vinse la gara 14 volte quando fece il suo debutto all’Indianapolis Motor Speedway nel 1983. Un anno dopo, entrò a far parte di Patrick Racing in sostituzione dell’infortunato Chip Janase.

L’interesse di Fittipaldi per INDYCAR derivava da una due giorni di test all’IMS nell’autunno del 1974. La McLaren guidava l’auto vincitrice della 500 di Johnny Rutherford in cui entrambi i piloti erano impiegati dal costruttore. Vale anche la pena notare che Fittipaldi è stato determinante nell’introdurre Philip Morris e il marchio Marlboro in INDYCAR. Marlboro ha sponsorizzato Fittipaldi sia in Patrick (1985-1989) che in Penske Racing (1990-1996).

La vittoria della “500” di Fittpaldi è arrivata con due squadre diverse. Il primo, nella stagione dei campionati 1989, è stato con i comproprietari Patrick e Chip Janase. La seconda vittoria è stata nel 1993 da Roger Pinsky. Fittipaldi era in grado di vincere una terza “500” nel 94, prima di schiantarsi al 184 ° giro mentre cercava di far rotolare l’auto al secondo posto guidata dal compagno Al Unser Jr. Fittipaldi ha condotto 145 giri in questa gara e altri 128 come pole. Babysitter nel 1990 quando si classificò al terzo posto.

Nigel Mansell

Nigel MansellNon ci sono state molte stagioni della serie INDYCAR più eccitanti che nel 1993, quando Mansell arrivò sulla scia di diventare campione del mondo di Formula Uno con la Williams.

Nel 1992, Mansell ha vinto nove delle 16 gare di Formula 1, partendo al primo posto 14 volte. La sua decisione di passare al CART è stata una storia importante come le corse negli anni ’90 e “Mansell Mania” è stata particolarmente intensa quando l’inglese ha raggiunto l’Indianapolis Motor Speedway per la 93 Indianapolis 500.

Mansell lo ha consegnato dal momento in cui è salito a bordo di una Newman / Haas per un test pre-campionato all’ippodromo internazionale di Firebird a Phoenix. Ha vinto la prima gara della stagione, a Surfers Paradise, in Australia, dal primo posto, ed è stato ancora una volta il primo classificato del Gran Premio di Long Beach, tornando sul podio chiudendo al terzo posto.

READ  Questa volta siamo sicuramente pronti: Blizzard conferma la classica crociata infuocata

Mansel si è qualificato all’ottavo posto per la prima “500”, ma ha condotto 34 giri ed è arrivato terzo. Avrebbe potuto vincere con un miglior riavvio in ritardo – gli ex vincitori Fittipaldi e Arie Luyendyk lo hanno riparato subito in attacco – e con otto giri dalla fine ha rimosso il muro della curva 2. Altrimenti, è stato un mese eccellente.

Mansell ha corso solo due stagioni in CART, ma quella prima è stata magica: cinque vittorie, sei pole position, una gara dura a Indy, 222 giri in Michigan, altri 155 giri in vantaggio a Nazareth e il campionato grazie a un traguardo medio di 6,3.

Alex Zinardi

Alex ZanardiIl famoso italiano è l’unico pilota nella storia ad essere passato dalla F1 all’INDYCAR alla F1 e di nuovo all’INDYCAR.

Zanardi ha realizzato un totale di 41 startup nella sua carriera in Formula 1, con Jordan, Minardi, Lotus e Williams, ma ha segnato solo un punto (finendo sesto a Interlagus in Brasile nel 2003). Ha avuto un successo notevolmente maggiore in questo aspetto dello sport, vincendo i titoli della stagione CART nel 1997 e 1998 per Target Chip Ganassi Racing, che è andato al torneo per quattro anni con Jimmy Vasser (1996) e Juan Pablo Montoya (1999).

Delle 15 vittorie di Zanardi, 13 sono arrivate in percorsi stradali o gare su strada, ma due vittorie su pista ovale suggeriscono che si sarebbe comportato bene in IMS se ne avesse avuto la possibilità. (Janase non ha gareggiato nella “500” alla fine degli anni ’90.)

Zanardi ha vinto in modo impressionante la gara US 500 del 1997 al Michigan International Speedway, battendo tutti tranne Mark Blundell, che lo ha seguito fino al traguardo per 31,7 secondi. L’altra vittoria ovale di Zanardi è arrivata al World Wide Technology Raceway, allora noto come Gateway.

Takuma Sato

Takuma SatoPer anni, il momento luminoso di Sato all’Indianapolis Motor Speedway è stato il traguardo sul podio – insieme a Ferrari Michael Schumacher e Robins Barrichello – nel Gran Premio degli Stati Uniti del 2004. Il terzo posto ha ottenuto il miglior risultato di un pilota giapponese nella storia della Formula Uno.

READ  Cos'è il nuovo Ministero italiano per la trasformazione ambientale?

La carriera di Sato in Formula 1 è durata sette stagioni con Jordan, British American Racing e Super Agore, ma ha ottenuto solo un podio. Tuttavia, nel 2004 ha conquistato l’ottavo posto nella classifica.

Sato si è unito alla serie INDYCAR nel 2010 e ha il doppio delle partenze rispetto alla F1 e, ovviamente, i suoi risultati sono molto migliori. Ha vinto sei gare con tre squadre diverse e ha vinto la Indy 500 con Andretti Autosport (2017) e Rahal Letterman Lanigan Racing (2020). Dispone inoltre di 10 poli.

Sato è uno dei soli quattro piloti che hanno vinto una gara in ciascuna delle ultime quattro stagioni – Scott Dixon, Joseph Newgarden e Will Power sono gli altri – e nella sua carriera ha vinto una gara sprint (Indy due volte), un ovale corto (world tech race track), due percorsi stradali permanenti (Portland International Racecourse, Barber Motorsports Park) e Street Circuit (Long Beach) sono solo alcuni dei piloti INDYCAR che l’hanno fatto.

Eddie Schaeffer

Eddie SchaefferSchaeffer è ancora un pilota nato negli Stati Uniti con il maggior numero di partenze nella storia della Formula 1, 132, e questo marchio insieme alla sua vittoria nella 500 Miglia di Indianapolis nel 1998 gli è valso il quinto posto in questa lista.

Schaeffer è stato un giocatore regolare di Formula Uno per nove stagioni su 11 nella serie, e nel 1983 è arrivato settimo in classifica. Quella stagione con la Renault ha visto Schaeffer segnare uno dei suoi due migliori piazzamenti: il secondo posto nel Gran Premio del Canada.

Schaeffer è arrivato secondo anche a Detroit nel 1982. Aveva nove podi in totale.

Schaeffer ha vinto un “500” nel 1998 mentre guidava la sua squadra a IndyCar. Ha avuto cinque stagioni consecutive con una vittoria (due vittorie al Walt Disney World Speedway, una all’IMS, al Pikes Peak International Raceway e al Kansas Speedway).

La NTT INDYCAR SERIES 2021 si apre con il Gran Premio Honda in Alabama al Barber Motorsports Park il 18 aprile. La gara di Indianapolis 500 di Gainbridge è la numero 105 il 30 maggio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega