I senzatetto a Roma non possono permettersi il lusso di restare a casa

I senzatetto a Roma non possono permettersi il lusso di restare a casa

ROMA – Da più di due settimane il governo italiano strombazza un messaggio centrale per contenere la diffusione del coronavirus: restare a casa.

Ma per le migliaia di senzatetto o che vivono in condizioni di estrema povertà a Roma, restare fuori dalle strade è quasi impossibile.

“Il messaggio dato di restare a casa è un messaggio a cui non possono rispondere perché non hanno un posto dove andare”, Francesca Zuccari, coordinatrice dei servizi per le persone che vivono in estrema povertà per la carità della Comunità di Sant’Egidioha detto delle 8.000 persone che abitualmente vivono nelle strade ormai deserte di Roma.

“Il problema è che questi sono i membri più fragili della popolazione e quelli più a rischio”, ha detto.

L’Italia ha registrato quasi 64mila contagi, i maggiori in Europa, e oltre 6mila i decessi, i maggiori al mondo. Mentre il paese lotta per contenere l’epidemia, il governo ha adottato nuove regole rigide.

Tuttavia, gli elementi essenziali per stare al sicuro e rispettare gli ordini del governo sono un lusso per i più poveri del paese.

Come lavarsi le mani senza lavandino? Fare il pieno di cibo senza soldi? O un rifugio in loco senza casa?

Sebbene le mense ei rifugi per i poveri di Roma rimangano aperti, i sistemi di supporto informali – spiccioli depositati in una tazza o pasticcini pagati per la colazione – non esistono più. La chiusura di bar e ristoranti ha inavvertitamente interrotto l’accesso ai servizi igienici.

“Ai cittadini viene detto di lavarsi le mani”, ha detto la signora Zuccari. “I senzatetto non sanno dove andare.”

Più di ogni altra cosa, il disagio sismico della vita nelle strade cittadine ha lasciato molti affamati.

READ  Anche Virginia Raggi è stata prosciolta in appello. "Una delle mie vittorie, ora in M5, in molti la riflettono. Sono stati anni di solitudine politica"

Tre giorni alla settimana, le persone possono consumare un pasto caldo nella mensa dei poveri che Sant’Egidio gestisce da un palazzo nel quartiere centrale di Trastevere a Roma. In altri giorni, i volontari dell’associazione organizzano cene nelle aree in cui solitamente si riuniscono i senzatetto, comprese le principali stazioni ferroviarie della città. Ogni settimana, l’ente di beneficenza distribuisce 2.500 pasti confezionati.

“I pasti consegnati sono aumentati con l’aumento della domanda, ma sono anche un modo per far sapere alle persone che non sono stati abbandonati”, ha detto la signora Zuccari.

In un pomeriggio recente, le strade di Trastevere erano insolitamente silenziose. I pochi ritardatari sembravano avere la stessa destinazione, la mensa di Sant’Egidio.

A causa delle distanze sociali, meno ospiti possono sedersi insieme sulle lunghe file di tavoli nella zona pranzo principale della cucina, così l’ente di beneficenza rimane aperto più a lungo “per dare a tutti. una possibilità di mangiare “, ha detto la signora Zuccari.

Sant’Egidio nasce nel 1968 quando un gruppo di studenti decide di aiutare i poveri della città. La signora Zuccari è entrata a far parte di oltre 40 anni fa.

“Ero molto giovane”, ha detto di quel periodo in cui circa 70.000 persone vivevano nei bassifondi di Roma. “Ora la povertà è più nascosta.”

“In città, la solitudine peggiora”, ha aggiunto. “Le persone spesso finiscono per strada perché non possono chiedere aiuto a nessuno”.

La sig.ra Zuccari ha detto che nonostante “la grande fame”, il numero di persone che usano la mensa è diminuito nelle ultime settimane.

READ  30 Migliori Pigiama Donna Animali Testato e Qualificato

“C’è il problema di spostarsi per la città, e anche i senzatetto vengono fermati dalla polizia, quindi hanno paura”, ha detto.

Coloro che infrangono le leggi sulla quarantena della città possono incorrere in multe di circa $ 220 e fino a tre mesi di carcere.

Molti senzatetto si sono avvicinati al Vaticano. Lì, la carità del Papa distribuisce cibo e fa docce vicino al colonnato della Basilica di San Pietro. Anche le Missionarie della Carità, la congregazione fondata da Madre Teresa, si prendono cura dei poveri della regione.

Le associazioni di beneficenza combattono per i soldi nel migliore dei casi, ma Sant’Egidio ora ha bisogno di più soldi per maschere, cibo e disinfettante per le mani. Molti dei volontari più anziani, che una volta occupavano le sue cucine o distribuivano pasti, hanno ascoltato gli avvertimenti del governo di restare a casa.

In una festa recente, gli ospiti della mensa dei poveri includevano un senzatetto di 34 anni, che si sarebbe identificato solo come Arturo.

“È un disastro in questo momento”, ha detto. “Molte persone stanno soffrendo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega